Nuove tempeste solari, quanto ci dobbiamo preoccupare ?

Sul Sole qualche ora fa c'è stata la più potente eruzione solare degli ultimi mesi: è stata rilevata dagli strumenti del centro di ricerche astronomiche della Nasa. L'influenza dell'attività solare sulla Terra è già in atto: gli scienziati prevedono una forte tempesta elettromagnetica, che interferirà con le comunicazioni radio. Puntale dopo ogni evento solare arriva l'avviso che mette paura. Secondo il fisico Pete Riley, del  Predictive Science di San Diego, California e che ha pubblicato la stima su Space Weather, c’è un buon 12% di probabilità che nei prossimi dieci anni il Sole ci regali un’eruzione come non se ne vedono da 150 anni. Una sorta di “Evento Carrington”, come quello avvenuto a Settembre del 1859, osservato appunto da Richard Carrington, che provocò l’estensione delle aurore boreali a latitudini alle quali erano sconosciute, ma pochi danni strutturali dal punto di vista tecnico. Ma ora è diverso, siamo totalmente dipendenti da circuiti elettronici molto vulnerabili. Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Di fatto, la più grande tempesta solare che si ricordi avvenne come detto nel 1859, durante un massimo solare di dimensioni simili a quello cui stiamo andando incontro, fa sapere la NASA. La tempesta fu soprannominata Evento di Carrington in onore dell'astronomo inglese Richard Carrington, che nell'ossevare la megatempesta fu il primo a scoprire il nesso tra l'attività solare e le turbolenze geomagnetiche sulla Terra.

Durante l'Evento di Carrington, le aurore boreali furono avvistate a sud fino a Roma e a Cuba, mentre le aurore australi furono visibili a nord fino a Santiago, in Cile. La turbolenza geomagnetica fu così intensa che gli operatori della rete telegrafica statunitense raccontarono di aver visto scintille sprigionarsi dai loro strumenti, e alcuni arrivarono perfino a prendere fuoco. Centocinquanta anni fa questi episodi diedero vita perlopiù a adegli aneddoti. Ma se qualcosa di simile accadesse oggi, la nostra rete infrastrutturale di ogni tipo potrebbe saltare e per ripararla ci vorebbero decenni,  le tecnologie avanzate che sono alla base di quasi ogni aspetto della nostra vita sarebbero al tappeto e noi con loro.

 

La Nasa ha detto in modo più o meno velato che non è il problema se succederà, ma di quanto succederà e come affronteremo un flare di dimensioni colossali. Allo stato attuale le emissioni più intense delle tempeste solari viaggiano abbastanza lentamente da poter essere individuate dai satelliti molto prima che le particelle colpiscano la Terra, diciamo sommariamente con 20 ore di anticipo. Tuttavia con un'attività apocallitica ci sarebbe poco da fare e la distruzione non sarebbe di quelle cinematografiche, ma anzi si svilupperebbe silenziosa. Nella notte delle città senza corrente, nelle distribuzioni a secco, con il carburante che non c'è, le banche, i servizi, i satelliti ko, e con un mondo che ripiomberebbe nel medioevo

 

Vediamo di chiarire i dubbi principali su questi tipi di fenomeni facendo riferimento a un nostro articolo precedente.

 

Quali sono le conseguenze di una tempesta solare?
Le particelle ad alta energia, iniettate lungo le linee del campo magnetico terrestre, possono danneggiare i satelliti, fino a provocarne la caduta, disturbare i sistemi di telecomunicazione satellitare e le trasmissioni radio. In questi giorni è possibile lamentare malfunzionamenti di cellulari e navigatori GPS.


Rischio di black-out?
Può capitare. Le correnti geomagnetiche, se incanalate negli elettrodotti, possono far saltare i trasformatori delle centrali elettriche. Negli anni Ottanta è successo in Quebec.


C’è qualche pericolo per gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale?
Per gli astronauti il peggio è già passato, il pericolo maggiore è il bombardamento di radiazioni X e di particelle ad altissima energia. Si è stimato che il brillamento solare più intenso avvenuto tra le missioni Apollo 16 e Apollo 17 avrebbe potuto uccidere un astronauta se fosse stato colto durante un’attività extraveicolare fuori dalla navicella.


Chi sta con i piedi per Terra non ha nulla da temere per la propria salute?
No, per fortuna siamo protetti dalla magnetosfera. L’unico problema può riguardare passeggeri, e in particolare il personale di bordo, sulle rotte aeree in vicinanza dei poli, dove le linee di campo magnetico convogliano le particelle di alta energia provenienti dal Sole.


Le eruzioni del Sole determinano anche uno dei fenomeni più spettacolari della natura: le aurore boreali. Come si verificano?
Il fenomeno dipende dall’eccitazione degli atomi nell’alta atmosfera che vengono colpiti dagli elettroni ad alta energia provenienti dal Sole. Così cielo si tinge di luci colorate, di grande effetto visivo.

 

Commenti: 42 (Discussione conclusa)
  • #1

    NatoIndaco (mercoledì, 07 marzo 2012 00:19)

    E dire che nessuno se n'avvede!

  • #2

    franz (mercoledì, 07 marzo 2012 09:29)

    Se le eruzzioni solari fossero abbastanza intense oltre che far saltare i trasformatori e disturbare le telecomunicazioni potrebbero mandare in tilt i sistemi di raffreddamento delle centrali nucleari con possibili gravi conseguenze.

  • #3

    NatoIndaco (mercoledì, 07 marzo 2012 10:33)

    EoneNero, Una notizia del genere dovrebbe nel migliore dei casi allertare i medici, l'SSN e l'informazione. Ci sono milioni di persone sensibili a cui ne può derivare un danno fisico e mentale, come gli anziani. Allora se è vero, prima di pensare alle tecnologie, perché non pensano alle persone?
    Poi c'è il resto ma fa parte delle mie convinzioni.

  • #4

    Renzo F. (mercoledì, 07 marzo 2012 11:39)

    Salve sono un neo laureato in meteorologia, e seguo queste notizie con grande passione. Sbaglia chi pensa che le apocalissi siano roba per complottisti. Le apocalissi sono parte dell'evoluzione universale, e dopo ogni apocalisse di solito c'è stata una rinascita, con evoluzioni biologiche importanti. La Terra è periodicamente messa a ferro e fuoco da catastrofi, e un'eruzione solare, un mega flare è non solo possibile ma probabile, nei prossimi secoli.
    Così come la ricerca di NEO e corpi in rotta di collisione con noi è una scienza ormai apprezzata e prestigiosa.
    Quindi ridurre tutto al catastrofismo e al complottismo sulle apocalisse è sinonimo di poca intelligenza. Siamo molto precari sulla Terra, un raggio gamma, un superbrillamento, un asteroide potrebbero spazzarci via subito.
    Pensiamoci prima di essere troppo sicuri della nostra sicumera.

  • #5

    Julian (mercoledì, 07 marzo 2012 12:24)

    ..diamo qualche giorno di tempo alle "radiazioni" solari per raggiungere il nostro pianeta e vedremo cosa succederà.. io, nel dubbio andrò a comprare una crema protezione 80! eh eh

  • #6

    Erika (mercoledì, 07 marzo 2012 12:57)

    ma solo 20 ore in anticipo?
    a parte la crema e gli occhiali bisogna fare scorta di acqua potabile e cibi in conserva o liofilizzati. Ah, anche di una bici.

  • #7

    franz (mercoledì, 07 marzo 2012 13:09)

    Eone nero mi sembra che tu non conosca l'italiano.
    Quell'italiano fa parte dell'attuale italiano.
    Bisogna sperare che non avvenga mai nessuna apocalisse ma la storia della terra è segnata da apocalissi.

  • #8

    Maurizio Piazza (mercoledì, 07 marzo 2012 13:21)

    Ragazzi salve , come consolazione vi posso dire con certezza che la vita non è solo questa , che c'è qualcos'altro cioè noi stessi siamo la nostra anima , e che tutto il resto è una questione di meritocrazia , Dio esiste veramente ma non è Gesù , tutto inventato o preso da altre culture trasformata in religione per detenere il potere e trasformare la gente a loro piacimento (pecore apparte) questa elit di signoraggio ha il potere completo da 2.000 anni , quindi se tutto questo finisce non è un male ma solo un fattore tecnico di rinnovo , certo oltre la terra c'è l'infinito è l'eterno c'è la vera tecnologia avanzata paragonabile al miracolo ecc , voglio dire che le mie conferme per voi possono essere ipotesi dato le informazioni da noi apprese in questi anni come :- ufo , dei , dii ecc ecco per me tutto questo non è più un ipotesi per me , è razionalità , quindi se siete delle persone normali non temete nulla se siete delle persone sensibili , altruiste ecc , ritenetevi fortunati , va voglio spendere qualche parola pure per tutti quelli che non lo meritano , se siete pure minimamente responsabili del male causato all'uomo ritenetevi :- ho morti per sempre o prima di morire per sempre........... ! meritocrazia

  • #9

    franz (mercoledì, 07 marzo 2012 13:28)

    Erika e Julian attualmente non c'è da preoccuparsi.

  • #10

    Eone Nero (mercoledì, 07 marzo 2012 14:19)

    @Renzo F, verrò da te a farmi curare la mia ignoranza XD, per quanto riguarda il background culturale sempre pronto a darti ampia documentazione, del fatto che quello che capisco nei piedi tanti altri anche blasonati non riescono a capirlo in testa.

    Se prosegui così la tua immane saccenza e con questo tuo modo di porti sicuramente non farai molta strada, chi scrive si è guadagnato studiando non al CEPU la prima laurea quando tu certamente eri ancora in cantiere, ed ha permesso a tanti (qualche migliaio) di conseguire altre lauree.

    Bellissima la verve giovanile, ma anzichè usarla per attaccare l'inattaccabile utilizzala per documentare quello che scrivi, sai che è cosa buona e giusta condividere il proprio sapere?

    Quindi dato che sei esperto in materia, non mi dispiacerebbe e penso anche agli altri lettori leggere la tua visione riguardante l'articolo, se poi puoi anche documentare con studi accademici ben venga.

    La vita sulla Terra esiste appena 4 miliardi di anni, nonostante ci siano state varie "catastrofi" come terremoti, maremoti, diluvi, cadute di meteoriti, questa continua imperterrita ad esistere.

    Il becero millenarismo inculcato dai ancora più beceri sacerdoti è stato un ottimo mezzo per pascolare le masse 2000 anni fa come oggi.

    Cosa dicono le ultime teorie della meteorologia spaziale?

    Che ci sono forti indizi che possono prefigurare un ritorno ad una piccola era glaciale, come quella che si ebbe dal 1300 e.v. al 1850 e.v.

    Ma sono solo ipotesi, e le ipotesi non costituiscono di certo prove.

    @Franz, avvede è italiano, N'AVVEDE, non è italiano corrente.

    @Maurizio dici bene che hanno rubato da altre culture, tra l'altro gli ultimi studi sul Cristo storico hanno aperto scenari non tanto simpatici ai credenti, vedasi il lavoro eccelso di Emilio Salsi

    http://www.vangeliestoria.eu/

  • #11

    Renzo F (mercoledì, 07 marzo 2012 14:30)

    Hai detto una cosa non giusta sulle catastrofi, tacciando di complottismo chiunque non la pensa come te. Ho detto quello che tutti sanno che le catastrofi nel pianeta Terra sono la norma, ridere sulle apocalissi non le allontanerà. Non sono saccente, ho espresso un'opinione. DObbiamo tutti pensare come te per non incorrere nei tuoi rimproveri? Non sono saccente, ne maleducato, ho fatto un commento, se tu sei laureato da anni o sei il primo presidente della corte costituzionale non mi interessa. Le mie idee sono le mie, legittime a prescindere da quello che pensi tu.
    Detto questo, il problema a cui fai riferimento specie in europa riguarda la corrente del golfo, che altro non è che una immensa massa di acqua calda proveniente dal Golfo del Messico. Questa corrente oltrepassa l'Oceano Atlantico fino a giungere al circolo polare artico dove si inabissa a grande profondità per proseguire il suo cammino verso l'emisfero australe. E' elementare che più dei cicli solari o di altri fattori è proprio questa corrente che ha una funzione fondamentale sul clima nord-europeo. L'acqua calda è meno densa e tende a stare sempre più in alto di quella fredda che, appesantita dalla presenza del sale disciolto, si abissa nelle profondità marine. Questo fenomeno rende miti le coste atlantiche dell'Europa, molto più di quanto potrebbe far pensare la loro latitudine.
    olto più di quanto potrebbe far pensare la loro latitudine.

    Ora l'effetto serra, come sappiamo, è il progressivo accumularsi di anidride carbonica e altri gas nell'atmosfera, tali da impedire il dissipamento del calore terrestre provocato dai raggi solari e un innalzamento della temperatura. Il riscaldamento globale provoca a sua volta lo scioglimento dei ghiacci polari in acqua dolce e riduce la salinità delle acque oceaniche, inceppando in tal modo il flusso della Corrente del Golfo e lasciando al freddo il Nord Europa e le coste orientali degli Stati Uniti.

    Questa ipotesi scientifica, la potete vedere applicata diciamo benino nella pratica nel lungometraggio The Day After Tomorrow, in cui la storia che c'è è alla base del collegamento tra l'effetto serra e la nuova glaciazione dell'Europa.
    Paradossalmente quindi più aumentano le stagioni calde più c'è la possibilità di incorrere in una nuova glaciazione.

  • #12

    Ulisse (mercoledì, 07 marzo 2012 14:37)

    @ Renzo
    in effetti non capivo perchè si parlasse di aumento di temperature e poi di glaciazione...mi sembrava una contraddizione in termini

  • #13

    Eone Nero (mercoledì, 07 marzo 2012 14:47)

    @ dico quello che voglio come lo dicono tutti quanti, quindi evita di imporre le tue perle, l'articolo 1 è scritto in italiano dantesco, vediti il Purgatorio.

    @Renzo F.

    Se mi permetto di tacciare di complottismo certe persone lo faccio con cognizione di causa e non per opinioni personali, se facessi l'opinionista sarei in tv a fare il buffone.

    Io non rimprovero, ma sento il dovere di bacchettare chi appena venuto al mondo mi da dell'ignorante, sono un nick su internet potrei anche riderci sopra vedendo poi da che pulpiti vengono certe prediche, ma spesso come in questo caso non lascio perdere poichè vedo delle punte di strafottenza e di mala fede, e l'erba cattiva va curata prima che diventi pericolosa.

    Mi hai dato dell'ignorante è una tua opinione, tu sei liberissimo di esprimerla come io di replicare a tono. ;)

    Risolto questo punto, non sono qua per litigare ma come detto tante volte sia per imparare, sia per smascherare fake e truffe varie, fai un giro sia negli articoli dell'home sia sul forum, avrai sicuramente occasione di ricrederti.

    Tornando in topic, ti ringrazio per la spiegazione, e ti chiedo cosa pensi della corrente di pensiero che ha portato diversi ricercatori soprattutto nei paesi dell'Est che confutano il global warming a teorizzare una piccola era glaciale non dovuta esclusivamente alla corrente del golfo, ma alle attività solari.

    Ho postato prima il sito di New Ice Age, che molto probabilmente già conosci essendo addentro alla materia, in diversi articoli viene riportata questa teoria con ampie documentazioni.

    Grazie anticipate. :)

  • #14

    Eone Nero (mercoledì, 07 marzo 2012 14:52)

    Dimenticavo altra domanda, come mai nel 1859 le aurore boreali ebbero una visibilità maggiore rispetto a quelle australi, Cuba è più distante dal polo Nord di quanto lo sia Santiago rispetto al Polo Sud.

    Grazie anticipate :)

  • #15

    @ (mercoledì, 07 marzo 2012 15:57)

    Eone Nero il commento uno si capisce. Rimproveri Renzo F senza motivo, ha detto solo che le catastrofi sulla terra ci sono sempre stati, ti sembra il commento di un complottista? con 2 commenti hai già avvelenato la discussione, attenersi all'articolo grazie.

  • #16

    Delta Force (mercoledì, 07 marzo 2012 16:13)

    Renzo F,occhio che "The day after tomorrow" non è un trattato scientifico e non descrive certo l'avvento di una nuova piccola era glaciale.

  • #17

    Luca (mercoledì, 07 marzo 2012 16:31)

    Come per i commenti all'alieno di Mortegliano,è una ridda di arroganti verità,di attacchi frontali sopra le righe,di "io so più di te".
    Questo è un sito serio,e come tale,penso,dovrebbe moderare questi deliri d'onniscienza.
    Ma la politica di Ufoonline è,ahimè,opposta.
    Personalissima opinione,of course.

    Quanto all'articolo,penso che ci si debba limitare a sperare che un evento eruttivo coronarico,non arrivi a sviluppare la potenza che si ipotizza potrebbe arrivare ad avere.
    Ci si preoccupa di telecomunicazioni,ma il vero disastro sono gli apparecchi elettro-medicali. I pace-maker,da soli,causerebbero centinaia di migliaia di morti immediate in mezzo mondo.Immaginate tutto il resto...

  • #18

    Eone Nero (mercoledì, 07 marzo 2012 18:12)

    @

    Mi sono limitato a rimproverare dato che sono stato tacciato da ignorante, e come vedi sono propenso al dialogo, un piccolo consiglio non dare consigli, cerca di apportare elementi utili.

    @Luca, se vai a leggere cosa scrivo, noterai che la mia "sapienza" è ampiamente dimostrabile, non vado a chiacchiere ma a fatti, e dove sono ignorante cerco di apprendere con lo stesso spirito di bambino che viene al mondo. Per l'alieno fake vorrei renderti noto che sono uno di quei personaggi della Comunità Online che ha permesso che saltasse a galla la fakettata dell'immagine presa dalla rete e spacciata per vera di fronte ad altre 2 milioni di telespettatori.

    Quindi niente arroganze e presunzioni ma fatti concreti e documentati, quando si indaga lo si fa con rigore uguale a quello che si utilizza nelle ricerche scientifiche, non si va per opinioni.

    Chiedendo scusa per gli OT che voglio terminare qua e tornando in topic, posso dire che lo scenario proposto dall'articolo è una possibilità e non la certezza.

    Ma quello che è più critico sono le speculazioni di una parte di stampa sensazionalistica, che senza nessuno scrupolo sta terrorizzando milioni di persone con 2012 e altri aspetti apocalittici.

    Ipotizzando che accada su larga scala quello che è capitato in Quebec nel 1989, noi poveri mortali possiamo fare ben poco, forse l'unica cosa che possiamo fare è mantenere la calma e non lasciarci prendere dal panico e dal delirio, e soprattutto ignorare lo schifo che in rete ed in tv propone apocalissi.

    Sono secoli che vige il mille e non più mille, a fine 900 assistevamo ad un delirio simile a quello che sta contrassendo la bufala del calendario Maya,qua una carrellata di profezie mai avvenute.

    http://www.marianotomatis.it/blog.php?post=blog/20100825

  • #19

    Hiverside (mercoledì, 07 marzo 2012 18:57)

    Eone non offenderti ma sei pesante...e anche petulante ;)
    Adesso non vedo cosa ti metti a citare i Maya, troppi argomenti che non fanno che confondere le idee... si parla di eruzioni solari pericolo reale e per niente ineluttabile. Lo sappiamo che la profezia maya è stata distorta dai media e dalla tv ma non ha niente a che fare con il sole e l'attività del nostro astro negli ultimi anni.
    Non è neanche vero che non si può fare nulla per un superbrillamento. Il puto è che costerebbe un occhio della testa schermare tutti i circuiti in modo più forte rispetto ad ora. Probabilmente non ci sarebbe un collasso immediato ma un disastro che si trascinerebbe nel tempo. Il Pil mondiale crollerebbe e il progresso che abbiamo conquistato sarebbe tutto da rivedere, con il pc fuori uso, la telematica KO e tutto il resto.

  • #20

    franz (mercoledì, 07 marzo 2012 19:11)

    Eone nero prova a studiare questo http://www.dizionario.org/d/?pageurl=avvedere.
    n'avvede è usato a livello poetico.

  • #21

    franz (mercoledì, 07 marzo 2012 21:09)

    Mi scusi per la divagazione @ ma il post era in risposta a Eone.
    Ma ritornando al tema delle tempeste solari dei prossimi anni il rischio più grosso che ne potrebbe derivare è l'interruzione del sistema di raffreddamento delle centrali nucleari.
    Speriamo che ciò non accada.

  • #22

    Eone Nero (mercoledì, 07 marzo 2012 21:53)

    @Franz niente mirror climbing, conosco bene l'etimo e l'uso della parola e come hai visto è italiano dantesco, quindi niente sterili polemiche.

    E con questo ti prego di interrompere questa sterile polemica.

    Per quanto riguarda i sistemi di raffreddamento delle centrali, ricordo che sono previsti per il raffreddamento d'emergenza dei motori diesel, vedasi Fukushima) quindi non sensibili a tempeste elettromagnetiche.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Centrale_elettronucleare#Incidenti_Severi

  • #23

    max (giovedì, 08 marzo 2012 00:48)

    ma quanti anni avete.......fate discussioni da bar.
    30 msg per leggere di due o tre persone che litigano......mi rivolgo agli amministratori: non pubblicate ste cavolate eliminatele e lasciate le discussioni inerenti all'articolo poi se i lor signori vorranno un giorno incontrarsi e darsele di santa ragione, ma chi se ne frega, e cosa importa se la parola su citata (post1) e' o non e' dantesca, l'importante e' che chi ha un po' di cervello ed intelligenza ne sappia cogliere il significato.

  • #24

    Eone Nero (giovedì, 08 marzo 2012 00:53)

    @Nato Indaco, ottimo, la poesia è una delle più belle forme di espressione insieme alla musica che hanno sempre accompagnato l'uomo, se le hai scritte da qualche parte mi farebbe piacere leggerle.

    Intanto lascio questi interessanti articoli

    http://www.cdt.ch/commenti-cdt/editoriale/58949/se-il-clima-surriscalda-gli-animi.html

    http://daltonsminima.altervista.org/?p=19476

  • #25

    @ (giovedì, 08 marzo 2012 00:53)

    max dillo ad eone

  • #26

    Eone Nero (giovedì, 08 marzo 2012 00:58)

    Ed Eone è l'unico oltre a Renzo F. che ha contribuito portando documenti e testimonianze, quindi caro @ devi letteralmente tacere dato che sei venuto a sputare sentenze e fiele che traspare nei tuoi messaggi.

    Spero che questo sia l'ultimo post polemico.

    http://www.space.com/14791-solar-flare-radiation-storm-satellites.html

  • #27

    @ (giovedì, 08 marzo 2012 01:08)

    Eone tu combini i guai e te la prendi con me? quale fiele a me sembra che non sei tanto simpatico questo sito, forse mi sbaglio
    Tu hai contribuito? ma cose da pazzi, tu hai contribuito ad altro forse gli altri non hanno potuto contriuire perchè ti dovevano commentare le tue perle

  • #28

    Eone Nero (giovedì, 08 marzo 2012 01:43)

    @Hiverside, meglio petulanti e pesanti che vivere nel mondo dei sogni, ti ho postato 2 articoli seri sull'argomento ed in nessuno dei due ci sono catastrofismi, o voli pindarici che portano a teorizzare roba da fantascienza come schermare l'intera rete elettrica mondiale, qualche delirante ipotizzo anche di creare una rete di satelliti per schermare la terra.

    Anche disponendo dei capitali per fare l'opera, servirebbero anni di lavoro se non decenni, spero abbia idea di come è struttura una centrale di produzione elettrica, e di come si diramano le reti di distribuzione.

    Ci è sufficiente attendere a domani alle 12 per vedere cosa succede.

    Per quanto riguarda i Maya hai detto bene che i media e fuffaroli hanno distorto, anzi hanno inventato speculando milioni di dollari in libri conferenze e fakettate varie, e se vai a ricercare vedrai che ci hanno aggiunto anche le tempeste solari assieme al calendario.

  • #29

    NatoIndaco (giovedì, 08 marzo 2012 02:26)

    Fortuna vuole che domani potrò avere la prova sperimentale degli effetti del solar flare. Vi farò sapere.

  • #30

    Hiverside (giovedì, 08 marzo 2012 11:18)

    Io fin quando ci sarà un anziano talebano del sapere mi fermo di scrivere qui.
    E' insopportabile....continuate voi finchè lo reggete...

  • #31

    Sanzo (giovedì, 08 marzo 2012 11:41)

    Ma scusate perchè preoccuparsi di qualcosa che non possiamo cambiare? Qualcuno di voi è in grado di modificare il Sole o i suoi effetti sul pianeta? NO! Se bruciamo pazienza, se la tecnologia va tutta in tilt torneremo al medioevo ma saremmo vivi e forse potremmo ricominciare creando una nuova società e civiltà!

  • #32

    Diogene (giovedì, 08 marzo 2012 11:48)

    In queste ore ho sentito al telegiornale che si stanno avendo i primi effetti sulle onde radio e su alcune frequenza televisive. Sarà curioso vedere se ci saranno altri effetti. In ogni caso non cì sarà nessuna estinzione di massa magari una vita diversa più rustica e più genuina. Galline nell'orto e pomodori belli freschi :)) non sarebbe male

  • #33

    Eone Nero (giovedì, 08 marzo 2012 12:17)

    @Hiver ti dedico solo questo. ;)

    "Compito della scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza."

    @Sanzo hai individuato il fulcro della questione a che serve arrabbatarsi se si è impotenti?

    Lo scenario di un'inizio ciclo è capitato tantissime volte per la vita in generale, da Gondwana ad oggi le catastrofi si sono succedute, ma la vita continua, personalmente penso che non sarebbe neanche un male l'assenza di tecnologia, soprattutto dopo aver letto questa notizia Ansa, alla faccia della follia e della crisi.

    "Consumi, calo dell'1% bene giochi e tlc
    Confcommercio: 'Le famiglie alle prese con la crisi tagliano sui consumi ma comprano telefonini e si affidano a giochi e lotterie'"

    http://ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2012/03/08/visualizza_new.html_129134647.html

    Tornando alla tempesta solare uno dei migliori siti di meteorologia spaziale, purtroppo in inglese, dove seguire l'evoluzione.

    http://solarham.com/

    Sito dove seguire gli effetti delle tempesta sulla ionosfera

    http://www.swpc.noaa.gov/drap/index.html

  • #34

    Receptionist (giovedì, 08 marzo 2012 12:21)

    Approfittiamone x giocare a Pes a piu non posso!!!

  • #35

    Marcy (giovedì, 08 marzo 2012 13:20)

    @EoneNero
    Finirai per avere un unico interlocutore....te stesso!

  • #36

    @ (giovedì, 08 marzo 2012 13:49)

    Sentitelo questo, adesso dice anche "compito della scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza" si sente anche un saggio
    Nel suo 13 si sente anche inattaccabile ma chi è Dio?
    Una domanda ma tu il rigore della ricerca scientifica, i sensazionalismi, le fuffe i fuffologi e i fakkettari e le opinioni dei profani te le sogni pure la notte? lo dici tu che non si possono fare opinioni vero? ma questo è delirio puro
    ma bannatelo per cortesia.

  • #37

    fabik (giovedì, 08 marzo 2012 14:07)

    Io direi di tornare un pochino tutti nei ranghi, questo spazio è dedicato ai commenti relativi all'articolo.
    Se volete beccarvi sono certo che troverete il modo di farlo anche privatamente senza coinvolgere tutti.

    Tornando in tema:
    Quella della tempesta solare che ci fa tornare all'età della pietra e stermina buona parte dei terrestri è un'eventualità come le altre.
    E' giusto studiare il fenomeno e capire fino a che punto il pericolo è prossimo e reale.
    Sul fatto che non ci si possa fare nulla è vero, ma chi sa, in futuro forse potremmo trovare un modo per difenderci, è a questo che serve la scienza.

  • #38

    Alien (giovedì, 08 marzo 2012 16:28)

    Ma, non avevano detto che doveva venire una tempesta magnetica solare da bloccare tutto per settimane,mesi e anni???

  • #39

    Eone Nero (giovedì, 08 marzo 2012 18:33)

    @Alien mi hai preceduto, stavo proprio salutando le cassandre per ricordandogli che non si vive attaccando il prossimo, sperando che vada tutto a catafascio in modo che possano uscire dal loro grigiore.

    Non sono laureato in meteorologia, ma i grafici dell'attività solare li so leggere perfettamente, eppure ho postato tutto quello che poteva essere utile alla ricerca.

    Volevo ricordare che la frase "Compito della scienza non è aprire una porta all'infinito sapere, ma porre una barriera all'infinita ignoranza", è di un certo Galileo Galilei che purtroppo si è scontrato con elementi simili a quelli che hanno reso un inferno questa discussione.

    C'è una differenza lui si è piegato, io no.

    E mi piego ancora di meno dopo che una rivista ha dedicato un articolo articolo con toni deliranti nei confronti di chi cerca di fare pulizia di fuffa nel web, mi hanno citato. XD

  • #40

    Anonimo (giovedì, 08 marzo 2012 18:53)

    @Eone Nero, mi sa che questi ti vogliono linciare HAHAHAHAHA
    Non c'è la faccio piu sto morendo

  • #41

    Yuna (giovedì, 08 marzo 2012 20:22)

    L'irriconoscenza è un male che inaridisce.
    Ti ringrazio Eone,oggi ho imparato qualcosa di nuovo grazie ai tuoi link,e sono certa di non essere l'unica :)

  • #42

    mich (venerdì, 09 marzo 2012 11:36)

    mamma,mia sto eone grigio!
    dici un opinione e se nn gli va bene ti spala shit
    e si fa figo poi se avete notato x lui ogni cosa e dantesca
    ma quanto t monti la testa
    renzo nn ha msi imposto le sue idee come hai fatto e fai tu
    anzi le argomenta molto bene
    la tua é solo invidia dantesca come direbbe
    alighieri