Incredibile, i neutrini hanno superato la velocità della luce

Terremoto nel mondo scientifico, ora è ufficiale: la velocità della luce è stata superata. Autori -per così dire- dell'impresa sono i neutrini, che sono stati più veloci della luce di circa 60 nanosecondi. Il risultato è stato ottenuto dall'esperimento Cngs (Cern Neutrino to Gran Sasso), nel quale un fascio di neutrini viene lanciato dal Cern verso i Laboratori del Gran Sasso dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). I dati, che saranno presentati nella giornata di oggi a Ginevra, dimostrano che i neutrini impiegano 2,4 millisecondi per coprire la distanza, con un anticipo di 60 miliardesimi di secondo rispetto alla velocità attesa. L'analisi dei dati, raccolti negli ultimi tre anni, dimostra che i neutrini battono di circa 20 parti per milione i 300.000 chilometri al secondo ai quali viaggia la luce. Detta così sempre un'inezia ma si tratta di riscrivere non solo la teoria della relatività ma anche l'approccio con distanze, numeri e calcoli fatti negli ultimi 50 anni. E anche l'età dell'universo torna in ballo. Cerchiamo di capire in modo semplice cosa comporta questa rivoluzione.

Perchè la scoperta è così importante? Partiamo da un fatto: secondo la teoria della relatività ristretta, elaborata da Einstein nel 1905, la velocità è una costante, tanto da essere parte della celeberrima equazione E=mc², dove E è l'energia, m la massa e c, appunto, la velocità della luce. La relatività prevede che se un corpo viaggiasse ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe avere una massa infinitamente grande. Per questo la velocità della luce è stata finora considerata un punto di riferimento insuperabile, implicando tra l'altro l'impossibilità fisica delle traversate interstellari e dei viaggi nel tempo, finora inesorabilmente relegati alla fantascienza e ritenuti irrealizzabili. Ora tutto ciò potrebbe cambiare.

 

La velocità della luce viene per esempio utilizzata per calcolare le distante tra i pianeti, per inviare comunicazioni ai satelliti, alle sonde, ai rover. E' punti di riferimento imprescindibile per numerose formule fisiche, insomma è il faro del nostro progresso tecnologico e della nostra cultura scientifica. Che un gruppo di italiani ora la metta in discussione è un fatto che potrebbe rimanere nei libri di storia. 

Le reazioni tra entusiasmo e scetticismo

 

«Quando un esperimento si imbatte in un risultato apparentemente incredibile e non riesce a individuare un errore sistematico che abbia prodotto quella misura, la procedura standard è sottoporlo ad una più ampia indagine - ha detto il direttore scientifico del Cern, Sergio Bertolucci - Se questa misura fosse confermata potrebbe cambiare la nostra visione della fisica, ma dobbiamo essere sicuri che non esistano altre, più banali, spiegazioni. Ciò richiederà misure indipendenti».

Ereditato: completa sorpresa.
 «Questo risultato è una completa sorpresa» ha osservato il responsabile del rivelatore Opera, il fisico italiano Antonio Ereditato dell'università di Berna. «Dopo molti mesi di studi e di controlli incrociati - ha detto - non abbiamo trovato nessun effetto dovuto alla strumentazione in grado di spiegare il risultato della misura. Continueremo i nostri studi e attendiamo misure indipendenti per valutare pienamente la natura di queste osservazioni». Secondo Ereditato il potenziale impatto sulla scienza è troppo grande per trarre conclusioni immediate o tentare interpretazioni. «La mia prima reazione - ha detto - è che il neutrino ci sorprende ancora una volta con i suoi misteri». 

Petronzio: conseguenze enormi. «Una scoperta sorprendente che potrebbe avere conseguenze enormi, cambiando il nostro modo di vedere l'universo» dice il presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Roberto Petronzio. Anche se i dati mettono per la prima volta in crisi la Teoria della relatività, «Einstein non muore» afferma Petronzio. «I fenomeni osservati - spiega - non riguardano
certamente la vita di tutti i giorni. Bisogna considerare che la Teoria della Relatività di Einstein coinvolge effetti su larga scala, misurati sulle distanze cosmiche». Facendo delle ipotesi, una delle possibili conseguenze potrebbe essere che lo spazio-tempo non è continuo: questo è un effetto reale, ma che non si percepirebbe nell'esperienza diretta. «È come pensare a far scorrere la mano su una superficie liscia al tatto, ma che vista a livello atomico è un colabrodo. La mano però ha una dimensione tale da non percepire la realtà al livello degli atomi. Se i neutrini sono più veloci della luce non vuol dire che non c'è più una velocità limite». Accade qualcosa di simile a quanto è avvenuto in passato con la meccanica di Newton e Galileo: «Sono ancora valide, ma non alla luce della meccanica quantistica». Tuttavia, proprio a causa di questa portata rivoluzionaria e dirompente, c'è da aspettarsi che questa scoperta all'inizio avrà una vita tutt'altro che facile. «Adesso ci sarà un'ondata di scetticismo, come è sempre accaduto per tutte le grandi scoperte. Basti pensare - aggiunge - che la teoria sull'effetto fotoelettrico che portò Einstein ad avere il Nobel, all'inizio era stata bollata come bizzarra. Non c'è però dubbio che, se la teoria sarà confermata, lavoreremo su questo per anni perché ha una portata fondamentale».

Scrivi commento

Commenti: 27
  • #1

    KOSLINE (venerdì, 23 settembre 2011 13:03)

    speriamo sia confermata !dai umanita che fra poco diventiamo noi gli Alieni dello spazio, altro che quei nanetti dei grigi XD!



    nel infinito e' matematicamente tutto provabile umanamente tutto possibile

  • #2

    Jack (venerdì, 23 settembre 2011 13:41)

    Ca**o! Queste le notizie che mi illuminano la giornata! OMG!

  • #3

    the truth (venerdì, 23 settembre 2011 14:16)

    questa scoperta se confermata ci permette di pensare quante cose ancora da scoprire ci siamo nell'universo e quali conoscenze possano avere i nostri spero "amici" visitatori che gli permettono di arrivare fino a noi e lontani miglioni di anni "neutini" da noi.
    un saluto a Voi tutti che seguo sempre con simpatia anche se non interangendo. mitico insider

  • #4

    Silvia (venerdì, 23 settembre 2011 14:34)

    Se qualcosa può viaggiare più veloce della luce allora è anche possibile viaggiare nel tempo, sempre in linea teorica è ovvio ma è una piccola grande rivoluzione culturale, questo ci insegna a non dare troppe cose per scontate.

  • #5

    Scettico (venerdì, 23 settembre 2011 14:42)

    ora ci manca di superare l'idiozia umana e poi abbiamo superato tutto.

  • #6

    sossio (venerdì, 23 settembre 2011 15:07)

    @kosline
    bravo ora saremo noi a fare rapimenti su di loro :D
    e cmq credo ke purtroppo per vedere applicazioni pratike di questa scoperta dovremmoa spettare tnt tempo...

  • #7

    corraro (venerdì, 23 settembre 2011 15:22)

    @sossio hai ragione, credo che saremo all' altro mondo purtroppo...
    però dal punto di vista scinetifico è una bella scoperta

  • #8

    LORENZO M. (venerdì, 23 settembre 2011 15:40)

    Scoperta incredibile....sono contento che il mitico laboratorio del Gran Sasso abbia colpito ancora,stavolta insieme al CERN.

  • #9

    rita (venerdì, 23 settembre 2011 15:41)

    quei nanetti come li chiami tu hanno da insegnarti molte cose ....tu come noi tutti intendo......se avessimo la loro tecnologia ci leccheremmo veamente le mani...

  • #10

    inox (venerdì, 23 settembre 2011 15:41)

    l'incredibile scoperta, anche se deve essere confermata e non è detto che lo sia, apre la visione dell'universo a scenari da fantascienza. Questa è l'ennesima riprova dell'ignoranza in cui viviamo e una lezione a tutti coloro che escludono esistenze extraterrestri solo perchè la nostra ridicola conoscenza del cosmo e della fisica al momento è del tutto insufficiente.
    Complimenti al blog, soprattutto a quanti di voi postano con continuità commenti ed indicazioni utili per far luce sui diversi casi veri e fake. Continuate così

  • #11

    S.O.S. Hack (venerdì, 23 settembre 2011 17:10)

    Qualcuno controlli che la Hack, appresa la notizia, sia ancora tra noi...

  • #12

    LORENZO M. (venerdì, 23 settembre 2011 17:28)

    @S.O.S Hack
    Ti stimo,ahahahah,giuro che sono morto dalle risate appena ho letto il tuo post!

  • #13

    Ticino (venerdì, 23 settembre 2011 17:31)

    ...ammesso che la Hack sia "mai stata" tra noi XD

  • #14

    Eone Nero (venerdì, 23 settembre 2011 17:34)

    Ecco cosa dice la Hack che attende di visionare i dati:

    "Se la notizia fosse confermata, cadrebbe la Teoria della relatività: è perplessa l'astrofisica Margherita Hack, nell'apprendere la notizia secondo la quale l'esperimento Cngs (Cern Neutrino to Gran Sasso) avrebbe dimostrato che è possibile superare la velocità della luce. Anche Margherita Hack, come tantissimi altri fisici, è in attesa di vedere i dati, previsti tra questa notte e domani mattina.

    «Se fosse vero - commenta perplessa l'astrofisica - cadrebbe la teoria della relatività di Einstein». Questa teoria, spiega, «prevede che se un corpo viaggiasse ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe avere una massa infinitamente grande. Per questo la velocità della luce è stata finora considerata un punto di riferimento insuperabile».

    Se la notizia fosse confermata, sarebbe una vera e propria rivoluzione perchè, osserva Hack, «finora tutte le previsioni della teoria della relatività sono state confermate». I dati dell'esperimento Cngs sarebbero quindi la prima bocciatura per la teoria di Einstein. In sostanza ci sarebbe una contraddizione fra la Teoria della relatività ristretta, secondo la quale è impossibile superare la velocità della luce, e la Teoria della relatività generale. Una delle due teorie, insomma, sarebbe sbagliata e si aprirebbe davvero una nuova pagina per la fisica.

    Si aprirebbero anche scenari da fantascienza: «oggi per esempio - dice Hack - si ritiene che sia impossibile percorrere le enormi distanti cosmiche che separano un sistema solare da un altro a causa dell'impossibilità di superare la velocità della luce»."

    Fonte Ansa.it

  • #15

    Jack (venerdì, 23 settembre 2011 17:51)

    Magari solo determinati tipi di particelle possono superare il limite della velocità della luce, comse si era teorizzato per i tachioni. Dopotutto come detto dalla Hack, la teoria della relatività è stata LARGAMENTE dimostrata.

  • #16

    Eone Nero (venerdì, 23 settembre 2011 17:57)

    A proposito dei Tachioni riporto alcuni riferimenti che ci illustrano di cosa si tratta.

    http://www.cosediscienza.it/spazio/02_tachioni.htm

    http://it.wikipedia.org/wiki/Tachione

    http://astrohack.xoom.it/fisicaeoltre/primo%20sito/spazio-tempo/libro/tachioni.htm

  • #17

    Mimmo (venerdì, 23 settembre 2011 17:59)

    Scusate la franchezza ma praticamente a noi nella vita di tutti i giorni cambia qualcosa? o tutto questo casino per due balle scientifiche

  • #18

    neo78 (venerdì, 23 settembre 2011 18:02)

    ancora con la ottusissima idea (cavallo di battaglia della Hack)che per coprire distanze interstellari si debba accellerare una navicella proprio come fosse un'automobile...la risposta sta nell'antigravità, ma dato che gli studi a riguardo sono a livello militare e Top Secret continuiamo pure a sorbirci lo sproloquio di questa gente...poi non capisco cosa ci trovano di così strano riguardo al superamento della veolocità della luce... a parte che la scienza moderna si basa su teorie...che appunto reggono fino a che non vengono sconfessate...la relatività é una teoria che ha 100 anni, era logico che prima o poi qualcuno avrebbe scoperto che non é tutto come pensiamo...sappiamo così poco...e tanto abbiamo probabilmente perso lungo la strada...

  • #19

    Guido (venerdì, 23 settembre 2011 18:12)

    O mamma mia!!!! Manco ho letto la notizia ne i vostri commenti ma già solo il titolo mi rende straordinariamente EUFORICO!!! CHE NOTIZIA!!!!!!!!!!!!!

  • #20

    Jack (venerdì, 23 settembre 2011 18:47)

    @Mimmo se tu scrivi cose simili che neanche perdo tempo a giudicare è grazie a quelle che tu chiami BALLE SCIENTIFICE. Anche se puoi andartene in giro ovunque grazie al navigatore satellitare è grazie a ste balle. Quindi per carità se non si conosce la materia si taccia se non per chiedere informazioni. Comunque a parte le misure astronomiche potrebbe cambiare le idee sui viaggi nel tempo e anche nello spazio. Ma anche in chissà quanti altri campi.

    @neo78 La Hack hai ragione magari sbaglia a pensarla così, ma guarda che quello che hai proposto tu funziona in egual modo. Perchè spero che tu ti riferissi all'antimateria, che non ti permetterebbe di accorciare le distenza ma "solamente" di non avere problemi energetici visto che l'annichilimento converte il 100% della materia in energia. Forse tu volevi proporre la curvatura dello spazio-tempo, che funzionerebbe in maniera assai diversa.
    e per quant'hai detto riguardo la velocità della luce ti ricito quello che ho scritto per mimmo.

    "...per carità se non si conosce la materia si taccia se non per chiedere informazioni."

    L'ignoranza domina.

  • #21

    Janvier (venerdì, 23 settembre 2011 19:09)

    Solo gli ignoranti non capiscono la portata storica di una notizia del genere che costringere a riscrivere un postulato incredibile della scienza.
    Certo non è che domani tutte le leggi vanno rifatte, infatti la teoria della relatività rimane pressochè intatta ma la sua non è una valenza assoluta.

  • #22

    Mimmo (venerdì, 23 settembre 2011 19:12)

    ammazza quanto vi scaldate, chiedevo solo se dovevamo portare avanti gli orologi ....

  • #23

    Lorenzo (venerdì, 23 settembre 2011 19:42)

    Non ho mai capito perchè associare alla formula dell'energia il fatto che se un corpo dotato di massa fosse sparato ad una velocità superiore a quella della luce, la sua massa dovrebbe essere infinitamente grande.
    La matematica insegna che il prodotto di due costanti fornisce come risultato un valore costante. Nella formula, l'energia E è frutto di un prodotto tra una costante ed una variabile m, la massa, appunto.
    Per modificare il valore dell' Energia (E) è possibile agire solo sulla massa (m) poichè c, sebbene al quadrato, è una costante. Cio significa semplicemente che se la massa è infinitamente grande, anche l' Energia lo è e viceversa. L'Energia sarebbe nulla se nulla fosse la sua massa, anche se moltiplicata alla velocità della luce al quadrato. Ora torniamo al neutrino: Esso ha raggiunto una velocità di pochissimo superiore a quella della luce, non il suo quadrato. La formula si basa sul fatto che la velocità del fotone sia costante e, guarda caso, esso non possiede massa; Quest'ultima nella formula è sicuramente una qualunque massa che non sia il fotone che ne è privo. Deve essere così perchè abbia valenza.
    Il neutrino ha una massa infinitesima, ma questa non è variata alla velocità di poco superiore a quella della luce: Qual'è stato l'incremento della sua energia, invece ?
    Badate bene che l'uranio è molto massiccio, di peso atomico rilevante e produce un'Energia notevole se soggetto a fissione; La formula di Einstein, pertanto, credo che faccia riferimento al fatto che se si riesce a scomporre la massa in energia, questa è tanto più grande quanto maggiore è la massa che la racchiude.

  • #24

    kimaka (venerdì, 23 settembre 2011)

    sono emozionato,sembro un bimbo portato al luna park,al momento la notizia e' confermata e si aprono scenari importanti:ci fa' capire ke c'e' una scienza ke parte dalla velocita' della luce in poi,certo ci vogliono secoli (spero di no)per diventare una civilta' stellare ma almeno abbiamo messo una pietra su questa casa e pure italiana,sono fiero di questo...(noto ke Insider lo scettico nn si e' fatto vivo ,tvb lo stesso),assaporo la notizia ,tutti a cena forza...

  • #25

    Insider (venerdì, 23 settembre 2011 22:58)

    @kimaka

    Sono qui, sono qui... ti avevo salutato nell'altro articolo, pollo... ma dimmi: che c'entra questa straordinaria scoperta con il mio presunto scetticismo, verso cosa poi? Mescoli scienza e para-ufologia a cazzo di cane... Bah...

  • #26

    KOSLINE (venerdì, 23 settembre 2011 23:03)

    devo dire che mi rattrista vedere i commenti su marcherita hack , che fino a prova contraria ne vuole di tutti noi messi insieme in astrofisica(se mi sbaglio uscite i vostri nomi e cognomi e vediamo chi siete) , acclamata e rispettata in tutto il mondo accademico che e' il vanto della nostra nazione in astrofisica moderna, voglio ricordare , che gli scienziati vedono i fatti no le parole , quindi fino a ieri i fatti e molte riprove dicevano ,e fino a quando questa storia non sara' confermata dicono che la teoria della relativita' e' scienza ...

    io nella mia ignoranza ho sempre asserito che nel infinito cosmico tutto e' probabile , quindi non mi stupisco di niente ,pensavo che la luce e' un accessorio del universo come il suono, quindi non vincolante , penso anche tante altre cose e spero che l'umanita' possa un giorno viaggiare piu' veloce della luce , anche se' non dobbiamo dimenticare che servirebbe un enorme energia ,e che fattori fisici dimamici ostacolerebbero tutto questo (lo spazio non e' vuoto ma relativamente vuoto,e le particelle che lo compongono, a determinate velocita' inferiori di molto la velocita della luce, interaggiendo con la nostra navicella la disintegrerebbero (un problemino no i poco conto no?), ma ' ogni problema ha una soluzione e' sono fiducioso ,che passeremo tutti gli ostacoli , anzi me lo auguro altrimenti l'umanita' e' destinata a scomparire , se' non riuscira a viaggiare fra le stelle...!

    pero' ragazzi a parole siamo tutti bravi ,per la scienza servono fatti ..come quelli che stanno producendo questi magnifici ricercatori del CERN ,che ci proietteranno in una nuova era se' confermati, no i santoni,gli eletti , gli ufologi da due soldi, e le nostre fantasie ,quelle sono solo come foglie al vento, quindi un po' di rispetto a chi dedica la sua vita a 90 anni e passa ancora a servizio della scienza !

    by

  • #27

    falco 401 (sabato, 24 settembre 2011 13:16)

    bene!va,però,prima confutata la veste matematica della RR (LORENTZ)e poi quella geometrica davuta al(MINKOWISKI).Ciò fatto si può contestare la soluzione ai problemi aperti dai predetti studiosi data da EINSTEIN.
    Complimenti comunque,e che i risultati definitivi siano per i ricercatori di piena soddisfazione.