New York e la grande paura dell'uragano Irene. L'inizio dell'inferno?

La natura quando scatena la sua forza fa paura a tutti, anche alla prima potenza economica del mondo gli Stati Uniti. Irene, l'uragano che punta su New York City procede lentamente ma nella sua corsa verso nord lungo la East Coast degli Stati Uniti, ha perso forza ma non smette di creare panico. Secondo il centro nazionale uragani Usa, è stato declassato a categoria 1, con venti inferiori ai 145 km all'ora. Ma resta una minaccia pericolosa quando sarà atteso sulla Grande Mela tra oggi e domani. La chiusura dei tre scali (JFK, Newark e La Guardia) è prevista a partire dalle 12 (le 18 ora italiana). Boston sarà chiuso domani. Alitalia ha cancellato i voli da e per N.Y. di oggi e di domani e i voli da e per Boston di domani. Il presidente Obama fa ritorno a Washington per seguire l'emergenza che ha definito "storica" Ha dichiarato lo stato di emergenza anche per lo stato di New York e salgono così a 10 gli stati della East Coast, per un totale di 65 milioni di abitanti, che potranno usufruire di aiuti federali in caso di catastrofe. Secondo alcune simulazioni Manhattan potrebbe essere sommersa sotto due, tre metri di acqua. Un altro undici settembre "al naturale" ?

Nella città si è pronti a tutto

P. J. Clarke ritira i tavolini, Starbucks manda a casa i dipendenti, il porticciolo sull’Hudson si svuota di barche, i barbecue davanti al Giardino d’Inverno smontano i tendoni e Breda, cameriera di Southwest, ripone manciate di menù in una scatola di cartone. Poi la cameriera Breda si dedica ai grandi pannelli di legno con cui proteggere le vetrate del ristorante. Il quartiere-giardino di Battery Park si prepara all’impatto dell’uragano Irene obbedendo alle disposizioni del sindaco Michael Bloomberg che, per la prima volta nella Storia di New York, ha disposto l’evacuazione obbligatoria di alcuni quartieri nel timore di inondazioni e danni tali da evocare lo spettro di Katrina, il devastante uragano che proprio il 29 agosto di sei anni fa travolse New Orleans. «Non fatevi ingannare dal Sole, è la calma prima della tempesta, con la forza di Madre Natura non si scherza», dice il sindaco, parlando da City Hall, per chiedere agli «abitanti delle zone a rischio di lasciare al più presto le case».

L’ effetto Irene arriva dirompente su New York anche dal punto di vista della rete. Le parole di Obama e di Bloomberg non sembrano portare tranquillità ma una crescente preoccupazione. E la tensione di una città che da dieci anni a questa parte si sente ogni giorno un po’ più minacciata corre su «Twitter». Il social network diventa la piazza dove condividere paure e cercare conforto in vista di un lungo weekend forse senz’acqua, forse senza luce, forse senza cibo. E i forse fanno la differenza perché la paura ha trasformato la città che non dorme mai e dove si trova tutto a qualunque ora nella metropoli con gli scaffali vuoti e da cui chi può fugge.

 

Non ci resta che aspettare di vedere chi vince la sfida l'uomo o la natura. Qualcuno ha qualche dubbio?

Scrivi commento

Commenti: 27
  • #1

    Daniele (sabato, 27 agosto 2011 15:56)

    sembra un film...che figata...

  • #2

    sirio (sabato, 27 agosto 2011 15:58)

    tutto questo è l'inizio di grandi catastrofi,,,,

  • #3

    KOSLINE (sabato, 27 agosto 2011 16:16)

    SIRIO hai la sfera magica ? altrimenti mi spiegheresti le tua tepria da dove la tiri fuori ? voglio ricordarti che eventi simili avvengono da migliaia di anni ....

    cmq io mi preoccupero' quando non ci saranno piu' uragani terremoti ecc , perche' sono il motore della nostra vita' , ecco quel giorno diro' e' arrivata la fine della terra si e' spento il nostro pianeta non ci resta che diventare come marte un pianeta semy-morto , fino a quel giorno ben vengano terremoti uragani ecc, anche perche' la maggior parte dei disastri sono dovuti alle nostre inadempienze costruttive sia di come costruiamo e soprattutto dove costruiamo ......altre ma minime alla fatalita' della vita .

    avete presente tutte le case che i dritti umani hanno costruito no intorno ma sopra il vesuvio ? un giorno saranno spazzate via e la gente con chi se la prendera ? con la natura con i maya ma mai con la sua Ignoranza dico io !!!

  • #4

    Remo (sabato, 27 agosto 2011 17:31)

    Quelli hanno una paura!
    http://www.earthcam.com/usa/newyork/timessquare/?cam=tsone_str

  • #5

    francesco (sabato, 27 agosto 2011 18:17)

    kosline ha ragione in pieno,questi fenomeni sono lo sfogo della natura ed è necessario che ci siano,il nostro pianeta e vivo e si manifesta cosi.un no comment delle case sotto il vesuvio,come dormire sul tritolo.

  • #6

    Jack (sabato, 27 agosto 2011 19:27)

    Quoto Kosline. Daniele trovatici in mezzo poi me lo ridici se è una figata. La vita non è un film -.-.

  • #7

    marco (sabato, 27 agosto 2011 21:19)

    però è vero che stanno pubblicizando la notizia come fosse un film, e poi si fasciano la testa ancor prima di cadere..

  • #8

    kimaka (domenica, 28 agosto 2011 00:58)

    ma diciamoci le cose come stanno: se li creano sti problemi!!!!!!!!!!!!!!!!!Azz hanno un giro di 700 miliardi di dollari per la difesa e possono abbassare la guardia???Ma no se no come viviamo noi cupola del petrolio-armi tecno-chip figate-universita' colluse-esperimenti fuori controllo......fra 200 anni sti americani li studieremo nei centri di igiene mentale come un popolo si e' rincoglionito,come d'altronde e' successo alla Germania con Hitler....mah ormai sti americani stanno superando la napolinita':e' tutto un palcoscenico...^_^

  • #9

    Eh bhe! (domenica, 28 agosto 2011 11:03)

    Il catastrofista, l'antiamericano... manca solo una battuta contro Berlusconi e il quadro è completo! XD

  • #10

    AVATAR64 (domenica, 28 agosto 2011 11:34)

    Buongiorno a Tutti,la cosa strana se cosi si può definire è che ha memoria di uomo non si ricordano scosse telluriche in città come New York e Washington,e poi addirittura un Uragano su New York....Ma!! Sicuramente è la Natura che Cambia il Suo Percorso,Però fa Scalpore e Notizia..O No??!! Comunque Staremo a Vedere e Osservare!! Buona Domenica a Tutti!!

  • #11

    lorenzov (domenica, 28 agosto 2011 11:45)

    Ciao a Tutti.
    Avete mai pensato che gli uragani che flagellano la costa est degli USA nascono dal triangolo delle Bermude o li' vicino?
    Ciao e buona domenica.

  • #12

    Mergy (domenica, 28 agosto 2011 13:33)

    trovo molto triste tutto questo casino quando si parla di new york e il silenzio quando questo catastrofi colpiscono zone più remote. Leggendo in giro sembra una nuova apocalisse solo perchè è una citta americana, fosse capitato in altre zone se ne sbatterebbero tutti altamente. Di questo passo la natura si prenderà una bella rivincita sull'uomo. Il 2012 sta arrivando...

  • #13

    Daniele (domenica, 28 agosto 2011 13:42)

    Che ci posso fare se a me diverte?

  • #14

    Ale (domenica, 28 agosto 2011 15:01)

    L'uragano sarà pure naturale e normale, ma che tale fenomeno arrivi a NY è la prima volta nella storia, e normale non è! ;)

  • #15

    Fire (domenica, 28 agosto 2011 15:09)

    Daniele tra il North carolina e la Virginia sono già morte 10 persone per motivi legati all'uragano. Migliaia sono rimasti senza elettrità. E non è ancora finita. Per te è tutto una "figata" che trovi molto "divertente"?
    Sveglia che questa è la vita reale.
    Per rispondere a Mergy non mi pare ci sia mai stato il silenzio per le catastrofi naturali accaduti in luoghi remoti. Ma un conto è un uragano su una isola scarsamente popolata un'altro su una delle zone più densamente abitate del mondo.

  • #16

    Lorenzo (domenica, 28 agosto 2011 18:02)

    Un uragano di queste dimensioni e potenza è sicuramente un fenomeno non comune, come lo è stata 'sta botta di caldo umido a fine agosto da clima pazza; Io non mi allarmerei, però sicuramente c'è pane per i catastrofisti.

  • #17

    lorenzov (domenica, 28 agosto 2011 18:51)

    Ciao a Tutti.
    Guardiamo in faccia la realta'.
    La natura segue il suo corso e le perdite umane sono una costante durante i cataclismi.
    Se e' vero anche Atlantide dovette soccombere.
    La biblioteca di Alessandria ando' perduta per un fulmine e per un fulmine quante vite sono state spezzate?
    La Natura esiste da qualche miliardo di anni, l'umanita' da una briciola di tempo.
    Per quanto tempo prosperarono i dinosauri?
    Forse fu un errore della Natura averli creati e quindi, riconosciutolo, lo elimino'.
    Quanto tempo l'umanita' sara' ancora padrona del terzo pianeta?
    Si puo' soltanto sperare che gli elementi siano clementi ma per la Natura l'umanita' non esiste: esiste solo una volonta' umana di sfruttarla.
    Essa tira dritto.
    Buona serata a Tutti, nipotastri compresi e in primis.

  • #18

    sirio (domenica, 28 agosto 2011 19:45)

    kosline staremo a vedere se hai ragione tu o io....

  • #19

    KOSLINE (domenica, 28 agosto 2011 20:10)

    @Sirio invece di fare proclami a mo di santone , esponi le tue teorie sul come e perche' quello che dici sia giusto forse non ti prendo per credulone cosmico santone o spam che non ha un azzarola che fare e dice castronerie rimanendo nel fatto che forse ho non mi sono spiegato bene io ho non hai compreso le mie parole , la natura del universo puo' spazzarci via in un nano secondo senza se' e senza ma' su questo non ci piove, ma non vedo come tu o chi per te' possa saperlo .

    ps)cmq per rimanere in tema il grande uragano che doveva fare sfracelli apocalittici , si e' trasformato per fortuna in un temporale con forti precipitazioni e venti ma niente di altamente pericoloso ...

    un saluto agli amici e allo zieto by !

  • #20

    sirio (domenica, 28 agosto 2011 20:16)

    kosline penso che sai dove andare...sei così intelligente....

  • #21

    KOSLINE (domenica, 28 agosto 2011 20:49)

    Sirio io sono solo un ignorante cosmico (COSA DETTA E RIDETTA SUL SITO FORUM) tu' ti confermi uno SPAM hai fatto tre interventi e ancora non ci spieghi da dove prendi le tue informazioni, ho dobbiamo crederti sulla parola ? quindi come un vero spam non avendo nada da dire passi agli insulti .... una buona serata by !

  • #22

    kimaka (lunedì, 29 agosto 2011 15:25)

    ps:nn sono antiamericano(ho amici),no antisemita(ho amici),no antiislamico(ho amici a bizzeffe),no antiorientale,sono talmente aperto io ke una fratellanza cosmica si prenderebbe paura,ho solo detto ke gli Americani spendono male i soldi,no giusto per precisare...ciao raga e come disse mio nonno "il culo sempre a tramontana" ^_^

  • #23

    Sanzo (lunedì, 29 agosto 2011 16:00)

    Secondo me ci hanno preso per il culo!
    Da come era stato descritto dagli "esperti" e paventato da Obama, questo uragano doveva essere la collera divina, il dito di Dio, come nei film catastrofici e, invece....
    Tanto meglio così, non voglio che il male accada ad altri, ma è sembrato tutto una grossa montatura, una spropositata macchina di evacuazione e di paura accresciuta poi dalla rete e dai media. Per la quantità di persone coinvolte i morti sono stati decisamente pochi (menomale) e l'uragano si è rivelato poi solo un grosso acquazzone.
    Ma come è possibile che si siano spesi fior di quattrini in un periodo di crisi così grave negli usa? Possibile che nessuno sia riuscito a capire che l'uragano non avrebbe fatto poi così tanti danni? Qui gatta ci cova!

  • #24

    Lorenzo (lunedì, 29 agosto 2011 18:19)

    I modelli matematici sono perfetti nel loro ambito, ma la natura è imprevedibile.
    Quel che è certo, gli americani hanno dovuto sobbarcarsi una spesa in più che non è valsa la pena: qualcuno sicuramente lo farà notare.

  • #25

    Remo (lunedì, 29 agosto 2011 19:30)

    Mi piacciono gli italiani perché con un venticello di peto gli vola tutto: case, grattacieli, alberi e coscienza e sono sempre pronti a consigliare altri.

  • #26

    legiomaxx (mercoledì, 31 agosto 2011 02:20)

    Nel giro di una settimana terremoto a new york, poi uragano, e poi ancora terremoto seppure di lieve intensita', poi ancora avvistamenti presunti di ufo su new york durante Irene, l'evacuazione di svariate migliaia di persone.
    In quest'epoca di catastrofistiche teorie complottistiche che additano militari che a braccetto con alieni si mettono d'accordo per spartirsi cio' che resta del presunto post-armageddon, certo che se uno ama masturbarsi il cerebro, di materiale in questi giorni ne e' cicciato fuori a sufficienza.
    Ah, dimenticavo, se volete il carico da undici, allora potete anche prendere in considerazione, come visto piu' volte ai vari tg non solo nostrani, il comportamento della gente in strada che con il suo fare da burloni a dir poco infantili ricordano alcune delle teorie sulle scie chimiche, anzi, a dire il vero, e' la cosa che piu' mi ha ingrippato. Pare proprio che le sostanze rilasciate in atmosfera abbiano fortemente innescato un blocco della funzione della ghiandola pineale, rincoglionendo la gente e facendola comportare come bambini senza alcun interesse verso una imminente tragedia.
    A parer mio, a qualcuno occorreva liberare delle zone dagli occhi della gente, in breve avevano bisogno di farsi i fattarelli loro e come avvenuto con le Twin Tower, si e' trovato il modo di eludere la svegliezza di molti con un accadimento distrattivo.
    Fate come vi pare, ma se anche chi, per esempio, geologi di fama internazionale hanno alzato le mani davanti ad eventi sismici in luoghi totalmente estranei a movimenti della crosta (vedi anche le scosse in Spagna, o nell'agro pontino, o ancora in sud America), io personalmente comincio a sentire puzza non tanto di cataclismi alla duemiladodici, che possano interessare il pianeta, ma a ben altro che pero' interessa solo la popolazione, e sopratutto in determinate zone della terra.

  • #27

    legiomaxx (mercoledì, 31 agosto 2011 02:34)

    E scusate l'OT, ma una cosa a daniele la voglio dire, te sei uno di quelli che per guardare un incidente sulla carreggiata opposta alla tua rischia di ammazzare la gente, ecco a cosa porta la tua poca coscienza, commenti del genere dovresti scriverli su siti come you porn, che onestamente credo siano a te piu' vicini, meriteresti un vaffanculo emerita testa di cazzo, spero tu impari sulla tua pelle il poco valore della tua immoralita'.