Google lancia un concorso milionario per tornare sulla Luna

Il 21 Luglio si è chiusa una pagina di storia: lo Shuttle è rientrato dalla sua ultima missione e non volerà più. Per ora non vi è un tracciato chiaro da parte della Nasa. Pochi fondi, un Governo che deve tagliare, una missione per ora non ben definita che prevede nuove generazioni di razzi. E allora? L'America abdica? Alla Russia? Alla Cina? No, l'America fa un passo in avanti e delega ai privati la missione per la Luna e poi chissà magari per Marte. Tutto comincia con un'iniziativa promossa da Google che ha messo in palio un premio da 30 milioni di dollari per chi riuscirà per primo a sbarcare sulla Luna entro il dicembre del 2015. Alla sfida, il Google Lunar X Prize, si sono già iscritte 29 squadre e alcune avrebbero le risorse finanziarie e tecnologiche, oltre all'appoggio dell'agenzia spaziale americana per raggiungere l'obiettivo. Qualcuno riuscirà nell'impresa?

Arbitro della competizione è la X Prize Foundation, che nel 2004 ha assegnato un premio da 10 milioni di dollari ai pionieri del turismo spaziale. A vincere era stata la SpaceShipOne, un progetto finanziato dal cofondatore di Microsoft Paul Allen, che riuscì a portare un equipaggio nello spazio suborbitale, a un'altitudine di 60 miglia. La fondazione è nata dopo la trasvolata dell'Atlantico di Charles Lindbergh nel 1927.
Non tutti i partecipanti hanno le stesse ambizioni, in particolare quella di riportare l'uomo sulla Luna. Il Moon Express, ad esempio, ipotizza una flotta di cargo diretti nello spazio, una sorta di FedEx lunare, e ha programmato un investimento tra i 70 e i 100 milioni di dollari per raggiungere l'obiettivo. Basterebbe, secondo il miliardario Naveen Jain che finanzia l'iniziativa, un solo viaggio per recuperare l'investimento. I viaggi spaziali verrebbero filmati, i diritti venduti e come un'automobile da corsa la navicella sarebbe tappezzata dagli adesivi di sponsor. Un altro concorrente, Astrobotic Technology, vuole costruire un cargo in grado di portare sul satellite carichi per conto di agenzie spaziali e istituzioni scientifiche.

Non ci resta che aspettare per vedere i risultati.

Scrivi commento

Commenti: 29
  • #1

    Jack (sabato, 23 luglio 2011 13:40)

    Il privato ha sempre una marcia in più rispetto allo statale. Il guadagno. Faccio il tifo per tutti! Una bella iniziativa.

  • #2

    KOSLINE (sabato, 23 luglio 2011 14:28)

    UNA BELLISSIMA E LODEVOLE INIZIATIVA .....

    peccato che non sia fattibbile x me' in un tempo cosi ristretto non ci sarebbe tempo x proggetare costruire e soprattutto CERTIFICARE una missione lunare umana .... quindi GOOGLE se aumenti gli anni ecco che diventerebbe una cosa un o piu' fattibile tipo 2018 , e logicamente 20/25 MILIARDI DI DOLLARI minimo x una missione lunare UMANA ....
    ma spero di vero cuore di sbagliarmi ....

    by !!!!

  • #3

    Remo (sabato, 23 luglio 2011 15:27)

    Credo che Berlusconi oltre alla persecuzione giudiziaria avrebbe un incentivo in più per fuggire sulla luna.

  • #4

    Majestc12 (sabato, 23 luglio 2011 16:11)

    Dove non è arrivato obama arriverà la grande G ? se devo dirla tutta la cina fottera tutti sul tempo...vedrete

  • #5

    KOSLINE (sabato, 23 luglio 2011 17:36)

    POI SCUSATE non x essere rompi @@ ma con 70- 100 milioni di dollari OGGI non ce la fai manco a pagarti un MISSILE che ti trasporti il LEO ,immagina uno x andare oltre la LEO costa molto di piu' di uno in LEO,POI CI DEVI METTERE TUTTO IL RESTO CHE COSTA CENTINAI DI VOLTE IL MISSILE, non vedo come possa finanziare una missione LUNARE UMANA , ma anche non umana robotica sulla LUNA , con 70 100 milioni di dollari, ma cosa dichiarano queste persone ? MAGARIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII e bastassero sarei l'uomo piu' felice della TERRA

    20/25 MILIARDIIIIIIIII MILIARDI RAGAZZI non MILIONI di dollari ci vogliono x andare sulla LUNA ....pultroppo !!!!!!


    by

  • #6

    Jack (sabato, 23 luglio 2011 19:03)

    Sono d'accordo con Majestic12, ma spero che i privati facciano ancora prima onestamente. Comunque Kosline sei sicuro che sia un costo simile? Io sapevo che per marte la spesa della missione si aggirava intorno ai 30 miliardi, ma non vorrei confodermi e dirti una cosa per un'altra.

  • #7

    KOSLINE (sabato, 23 luglio 2011 19:42)

    e si amico JACK abbastanza sicuro pultroppo .....

    costellacion che doveva riportare l'uomo sulla LUNA partiva da 20 MILIARDI di dollari facilmente superabbili , basta che pensi che le missioni apollo spesero 11 miliardi di allora a fronte di una spesa iniziale di 1.5 -2 miliardi di allora previsti adesso sarebbero 150-200 con il cambio attuale e forse anche di piu' , ma era un proggetto pilota bisognava fare tante cose che oggi gia' sappiamo o abbiamo ...quindi con 20-30 forse qualcosa in piu' si fa ''' CONSIDERANDO una sola volta li furono 6 missioni....
    ecco che MARTE in effetti non avrebbe un costo base chiamiamola stima di massima , il primo proggetto NASA prevedeva addirittura 250 miliardi e' fu bocciato dal senato americano , ma prevedeva di andare su MARTE tramite la LUNA una furbata della NASA che cosi facendo accoppiava due missioni in una , ma si ritorcette contro , poi ci fu il MARS DIRECT che prevedeva una stima iniziale di 70-90 miliardi MISSIONE DIRETTA , ma lasciava tanti dubbi e interrogativi x risolvere PROBLEMI TECNICI ENORMI tipo il proppelente x il ritorno bisognava procurarselo li' con una macchina che convogliava l'azoto presente nella piccola e flebile atmosfera MARZIANA ,quindi costi aggiuntivi x le prove di tutti i macchinari li in loco e tante altre cose x superare i limiti tecnici UMANI....
    sai uno dei problemi con lo spazio e' che i proggetti pilota sai quando incominci ma non sai quando finisci VEDI l'ultimo telescopio spaziale che non riescono a finirlo xche' i suoi costi sono lievitati a dismisura ....e allora si ha anche paura ad imbattersi in qualcosa che poi non si riesce a finire PROGETTO APOLLO DOCET ...

    ma sul fatto che hai letto che poteva costare 30 miliardi andare su marte .si hai ragione e' stata diffusa questa notizia ma chi la diceva di tutto sara' esperto tranne che di costi spaziali , o addirittura mi sa che parlava di andare su marte ma su una luna di marte ora non ricordo bene che sarebbe una bella avventura ma tecnicamente piu facile e meno economica di uno SBARCO E RITORNO dal pianeta MARTE ....!!!
    ecco xche' si pensa che risolvendo tutti i problemi tecnici sembra impensabbile spendere meno di 150 milirdi che come detto prima si possono tranquillamente raddoppiare

    by amico speriamo bene e soprattutto che qualcuno inventi qualcosa di grande e forte e poi si che si abbatteranno i costi ....

  • #8

    Jack (domenica, 24 luglio 2011 01:00)

    aia aia! si parla di cifre potenti. Credo che l'unico modo sia proprio sperare in una svolta tecnologica, come furono i motori a vapore un tempo, qualcosa che rivoluzioni tutto il modo di vedere le cose ed i nostri limiti.

  • #9

    KOSLINE (domenica, 24 luglio 2011 02:33)

    e si amico JACK sante parole le tue , visto e non concesso che i governi mondiali spendono quelle cifre e molto di piu' solo in un anno x ARMARSI ,e x lo spazio lasciano le briciole noi ITALIANI x primi , penso che un invenzione almeno ci darebbe quelle speranze che i nostri governanti non ci danno ...

    notte by !!!

  • #10

    Disgustorama (domenica, 24 luglio 2011 11:51)

    Possibile che anche tra i commenti di una notizia del genere c'è gente che scrive cavolate su Berlusconi?

  • #11

    KOSLINE (domenica, 24 luglio 2011 13:41)

    DISGUSTORAMA , forse non hai afferrato il concetto non si parlava di zio BERLUSCA , ma dei politici mondiali TUTTI DI QUALSIASI SIA IL L'ORO PARTITO nei decenni no SOLO OGGI ......poi se' x te sia una cavolata andare nello spazio , ma sia meglio riempirsi gli arsenali di bombe ATOMICHE che neanche usano vedi (USA -URSS) x me' e' da stupidi con quei soldi altro che LUNA MARTE ECC su PLUTONE saremmo arrivati XD ....

    BY una buona domenica a TODO !!!

  • #12

    lorenzov (domenica, 24 luglio 2011 19:19)

    E meno male che non le usano!!!
    Ciao Kosline che ne dici se prima di tentare lo spazio risolviamo i problemi piu' immediati dell' Umanita?
    Gli arsenali sono pieni di armi che "scadono" e quindi bisogna usarle: i missili, certe bombe intelligenti ecc. ma le atomiche sono troppo impegnative per giocare alla guerra.
    Uno dei problemi del mondo, a parte la fame, le carestie, gli eventi naturali, e' quello dell'energia.
    Proprio ieri ho saputo che e' stato messo in funzione un reattore nucleare che permette di utilizzare le scorie radioattive convertendo un tipo di uranio in un altro tipo.
    Sono perfettamente ignorante in materia ma sono anche curioso: chi di Voi amici ne sa di piu?
    Per tornare all'argomento iniziale dico che purtroppo lo stanziamento di fondi per motivi deleteri sono sempre stati di gran lunga superiori a quelli per motivi umanitari.
    Se il mio vicino di casa si pavoneggia nella sua splendente nuova auto e io non ho di che alimentare la mia famiglia, cosa me ne frega se vi sono industrie che sfornano belle auto?
    Il mio e' solo un punto di vista ma accetto tutto quanto esternate e, lo dico per Remo affinche' non fraintenda, e' voce del verbo accettare non colpire con l'accetta!
    Ciao e buona serata.

  • #13

    Remo (domenica, 24 luglio 2011 20:04)

    @disgustorama. Una battuta che voleva dimostrare l'affetto per Berlusconi.
    Dico io, ma Il cavaliera deve dare milioni di euro ad uno che ha fatto fallire, come dice Grillo, l'industria Cibernetica in Italia, lo sviluppo tecnologico per l'avvenire, il tutto per qualche giornale. Una petizione: diamo quei soldi all'Asi, obblighiamoli a spenderli per l'industria aerospaziale.
    LorenzoQuinto. Non sarebbe bello che l'industria nucleare fosse in mano ad onesti imprenditori e ingegneri in modo che ogni rischio fosse evitato? non sarebbe bello consumare tutte le scorte di materiale radioattivo, presenti negli armamenti, nell'industria civile affinché questi materiali eusaribili scompaiano per sempre dalla faccia della terra?
    Il problema è che siamo una Italia di Talebani, il referendum lo ha dimostrato.

  • #14

    KOSLINE (domenica, 24 luglio 2011 20:24)

    hola zio lorenzov ....

    be ci sono sicuramente tante cose da fare , ma x me' la ricerca SPAZIALE e'PRIORITARIA , xche' VITALE!!!,qua' fra poco con la crescita democrafica mondiale che ci ritroviamo ci scanneremo x un pezzo di pane un bicchiere d'acqua un po d' energia....solo lo spazio ci puo dare risposte alle nostre domande soluzioni ai nostri problemi nuove forme di energia nuovi mondi da abitare e sfruttare , almeno spero ZIO altrimenti la vedo dura molto dura ....visto che questo piccolo ma stupendo mondo ormai e' al collasso dal troppo sruttamento mineriario- naturale e alto tasso in crescita d' inquinamento ...

    le armi certo piu' che scadono bisogna liberare i depositi degli arsenali altrimenti non si possono costruire le nuove , la dura legge dell ECONOMIA vera politica MONDIALE ......

    BY RAGAZZI .....

  • #15

    kimaka (lunedì, 25 luglio 2011 00:19)

    uuueee ogni tanto ce ne' di carne al fuoco,primo Google si puo' permettere di farlo il viaggio sulla Luna altro ke scemenze,secondo lasciamo Silvio dov'e'...ha altro a cui pensare e poi il nucleare mi ripeto:c'e' la tecnologia di oggi,di domani e quella fra 100 anni,io sarei cauto a nn sfruttare il nucleare,peccato,lo faranno i ns propronipoti....

  • #16

    Manuel (lunedì, 25 luglio 2011 11:03)

    Ti stimo Kimana!! Anche io penso che abbiamo perso una grande opportunità con il nucleare!!! P.s. tutto gira intorno ai soldi.... la pochezza del genere umano ritorno a ripeterlo... invece di fare un balzo in avanti per l'umanità siamo capaci di farne due indietro...

  • #17

    Remo (lunedì, 25 luglio 2011 11:18)

    Non è uno scherzo. Da alcuno si propone di affidare i l governo almeno degli USA a google poiché più efficiente in materia energetica (ora anche spaziale), proponendo addirittura di modificare il decimo emendamento.
    <<we would accomplish this transfer of authority. We'd probably need to alter the language of the Tenth Amendment, which currently states that "Powers not delegated to the United States by the Constitution, nor prohibited by it to the States, are reserved to the States respectively, or to the people," and replace "states respectively, or to the people" with "to Google.">>
    http://blogs.discovery.com/good_idea/2011/07/is-this-a-good-idea-should-we-outsource-the-government-to-google.html
    Traduzione: I poteri non delegati alla federazione dalla costituzione, né proibiti da essa sono riservati rispettivamente agli stati o ai singoli (come persona). Il blogger propone di rimpiazzare google agli stati e ai singoli.
    C'è un primo tentativo di una corporate informatica di assumere il governo mondiale? Macchine ribelli?

  • #18

    lorenzov (lunedì, 25 luglio 2011 11:42)

    Ciao a Tutti.
    Nipote Kosline hai ragione.
    La conquista dello spazio sara' il futuro e anche una fuga.
    Peccato che chi ha i soldoni rimarra' sulla Terra e pionieri diventeranno
    coloro che non hanno niente da perdere.
    Pero' per conquistare lo spazio ci vogliono soldoni e chi li ha non li molla e il cerchio si chiude.
    Perche' non immaginare una societa' che invece di conquistare lo spazio conquisti il suolo marino?
    "Ventimila leghe sotto i mari" prende in considerazione la possibilita' di ottenere tutto dal mare.
    "Abyss" invece ..... chi lo ha visto non lo dimentica: e' stato uno dei piu' bei film di fantascienza.
    Umanita' a due livelli bello vero?
    Non credo vi siano piu' difficolta' al confronto dello spazio.
    Ciao Amici, buona giornata.

  • #19

    Jack (lunedì, 25 luglio 2011 14:58)

    @lorenzov mi spiace ma non mi trovi d'accordo caro lorenzo. Apparte il sovrappopolamento del pianeta, la colonizzazione spaziale è importante anche come assicurazione, in difesa dalla miriade di eventi astronomici che potrebbero essere disastrosi più di ogni evento terrestre, da un impatto cosmico, ad un gamma ray burst. E gli abissi non sarebberò risparmiati da un evento del genere. Per non parlare poi del fatto che i nostri mari, oceani, laghi e fiumi sono già inquinatissimi così come siamo ora. E poi buon lorenzo, non trovi che sia triste rifuggiarsi nell'oscurità senza stelle di un fondale oceanico? Ed anche un pò da mammoni nei confronti del nostro pianeta secondo me :D

  • #20

    KOSLINE (lunedì, 25 luglio 2011 15:47)

    esiste un DATO INCORTROVERTIBILE fra 600 miliardi di anni su' x giu' il nostro SOLE implodera' spazzando via tutto quello che lo circonda ,e' via a un nuovo ciclo stellare, ammesso e non concesso che noi arriviamo a quella fatidica data , cosa non facile anzi molto difficile(come dice giustamente REMO calamita' naturali esterne ed interne) noi scompariremo ..

    questa' e' la piu' grande sfida alla sopravvivenza UMANA viaggi interstellari posso essere l'unica soluzione anzi la chiamerei speranza ...!!!!

    by amici
    un abbraccio ZIO

  • #21

    KOSLINE (lunedì, 25 luglio 2011 15:50)

    @scusate volevo scrivere come dice giustamente JACK nel post 19 mi sono confuso con l'amico REMO sul quale stavo ragionando sul discorso nucleare e secondo me' hai perfettamnete ragione REMO ....

  • #22

    Jack (lunedì, 25 luglio 2011 17:45)

    Kosline devo correggerti su un punto, il sole non terminerà la sua vita fra 600miliardi di anni, ma tra 4 miliardi di anni. Credo tu ti sia confuso con qualche altro dato. La classe di stelle come il sole approssimativamente a una vita compresa tra gli 8 e i 10 miliardi di anni. E il nostro sistema (terra compresa) si è formato approssimativamente 4,5 miliardi di anni fa, quindi siamo a metà.

  • #23

    KOSLINE (lunedì, 25 luglio 2011 18:23)

    azzo JACK allora dobbiamo sbigarci ihhiihihihihi XD

    SI SI hai perfettamente ragione AMICO ho detto una CAZZ@TA astronomica , volevo scrivere quasi indicativamente 6 miliardi x quello che giustamente dici ho scritto 600 ... !!!

    ty ...

  • #24

    lorenzov (lunedì, 25 luglio 2011 19:53)

    Ciao Amici e Nipoti.
    Jack sei proprio convinto che vi sara' un evento cosmico che distruggera' il nostro pianeta?
    L'evento puo' accadere tanto fra qualche milione di anni quanto fra qualche centinaio di minuti.
    Ho abbastanza esperienza di vita, credimi ne ho viste di tragedie in diretta, per credere nel destino.
    Non nel destino ancestrale ma in quello che ti toglie la spina e ti interrompe la corrente elettrica del vivere.
    Siamo impotenti al cospetto degli eventi, siano essi inondazione, terremoto o impatto cosmico.
    L'Umanita' e' vecchia di qualche centomila anni e certamente non sopravvivera' altrettanto.
    Il processo di invecchiamento e' una certezza assoluta, infatti si parla addirittura di invecchiamento delle stelle, Sole compreso.
    Cosa succede alla fine dell' invecchiamento?
    Incontrovertibilmente sovviene la morte, la cessazione dell'esistenza.
    Non importa quanti miliardi di anni dovranno trascorrere: l'unita' di misura e' al servizio dell'Uomo non dell' universo.
    Forse quello che per noi e' un miliardo di anni non e' altro che un attimo al metro cosmico.
    Tutto e' relativo.
    Galeotto fu il libro e chi lo scrisse, da quel di piu' non leggemmo avante.
    Quant'e' bella giovinezza che si fugge tutta via, chi vuol esser lieto sia, del doman non v'e' certezza.
    E stiamo a preocuparci di 6 o 600 miliardi anni?
    Nipote Kosline fai un bagno a nome mio in quel di San Cataldo e perche' no, presenzia sempre per me, al tramonto a S. Maria di Leuca.
    ciao e buona serata a Tutti Voi.

  • #25

    Jack (lunedì, 25 luglio 2011 20:43)

    Il pianeta? No, o meglio è possibile ma è improbabile. Distruggere un intero pianeta è assai più difficile di ciò che si pensi. Ma la vita sul nostro pianeta è più fattibile, anche se cmq molto difficile viste le numerosi estinzioni di massa che hanno caratterizzato il pianeta, spesso portandolo vicino alla sterilità, ma senza mai riuscirci.
    Quello che tu dici è vero, stiamo tutti morendo, lentamente ed inesorabilmente. Ma ciò che facciamo oggi lo facciamo anche per quelli che verranno. Se penso ai viaggi nello spazio, sono triste perchè sò che al 90% io non potrò essere su una navetta diretta verso qualche luna o pianeta da noi colonizzato, ma mio figlio avrà più fortuna di me probabilmente e se non lui sicuramente mio nipote ce la farà a vedere ciò che vorrei vedere io. Ma se l'umanità nella sua storia l'avesse pensata come dici nel tuo commento allora i cinesi non avrebbero dovuto costruire la Grande Muraglia per difendersi dai Mongoli, perchè coloro che l'hanno cominiciata non l'hanno di certo vista costruita. Così come per i Romani e le loro opere o gli Egizi. Tu mi dirai tanto morivano gli schiavi, ma comunque i governanti che iniziavano i lavori neanche gli hanno mai visti finiti. L'uomo edifica per i successori indipendentemente dal consapevolezza della morte. E poi tu sei un uomo come lo sono io, quindi ti consiglio di pensare alla percezione di noi mortale e non alla percezione del cosmo.

  • #26

    kimaka (martedì, 26 luglio 2011 00:12)

    grazie manu....ripeto e' un peccato,almeno rimanesse uno spiraglio per studiarlo almeno dico in teoria con progetti pronti a sfruttarlo....ma ahime' noi Italiani saremo alla finestra,almeno la parte politica e la massa di gente...

  • #27

    Disgustorama (martedì, 26 luglio 2011 13:14)

    @ Kosline: scusa ma che post hai letto? Io mi riferivo al post #3 di Remo, del tutto fuori luogo. No ho mai detto nulla contro un progetto del genere che anzi appoggio, ne contro un qualsiasi governo o partito.
    Se vuoi ri spondere ad un commento almeno assicurati di averlo capito, o almeno di averlo LETTO!
    buona giornata.

  • #28

    KOSLINE (martedì, 26 luglio 2011 15:13)

    @DISGUSTORAMA ...MOOOOO perdonami ho frainteso non avevo letto il mesaggio di REMO ...... avanzi un caffe''''

    @ZIO LORENZOV sono stato domenica a santa maria di leuca STUPENDA come sempre non manchero di salutartela , xro' se scendi a farti un viaggettino ci facciamo una bella mangiata a base di pesce e primitivo ...

    by !!!

  • #29

    Remo (martedì, 26 luglio 2011 16:27)

    Disgustorama, credo che i corridoi della tua casa con questo disgusto insito che hai sono pieni di secchi antivomito.