Perchè c'è solo una specie di esseri umani ?

La settimana scorsa nel Regno Unito è andata in onda la prima puntata di Planet of the Apemen (“Il pianeta degli uomini scimmia”), una nuova serie di documentari della BBC dedicata alle diverse specie di esseri umani che popolarono il pianeta prima dell’affermazione dell’Homo sapiens sapiens, la specie cui apparteniamo tutti noi (sì, tutti). La serie è stata realizzata con trucchi ed effetti speciali per ricreare con attori veri le fattezze delle diverse specie di ominidi, ricostruendo le loro abitudini, i loro spostamenti nelle varie aree del Pianeta e le loro capacità di comunicare e instaurare legami sociali. Per centinaia di migliaia di anni abbiamo condiviso la Terra con diverse altre specie di esseri umani, tutte dotate di intelligenza, piene di risorse e abili nella caccia, eppure solamente la nostra specie alla fine è sopravvissuta, mentre le altre sono andate incontro all’estinzione. Il Post lo spiega in un interessante articolo.

Il divulgatore scientifico Michael Mosley spiega come sia potuto succedere sul sito della BBC in occasione dell’inizio del programma televisivo.

Ci sono furiosi dibattiti sulle origini dell’uomo, ma tra gli scienziati c’è comunque un ampio consenso nella teoria secondo cui tutte le diverse specie di esseri umani che sono esistite siano discese da alcune creature simili alle scimmie che assunsero una posizione eretta circa sei milioni di anni fa. Queste creature ebbero numerosi discendenti, molti dei quali si estinsero, ma la prima creatura che avremmo riconosciuto come umano apparve in Africa due milioni di anni fa.


L’Homo ergaster era in grado di costruire strumenti ed era anche un abile cacciatore. Studiandone i resti fossili, i ricercatori hanno stabilito che era anche un buon corridore, capace di raggiungere velocità tali da poter competere con gli atleti olimpionici dei giorni nostri. H. ergaster visse momenti molto difficili nel corso della propria evoluzione con lunghi periodi di estrema siccità che portarono alla scomparsa di molte foreste tropicali e alla creazione di vasti deserti. Il caldo non era comunque un problema per questa specie: aveva pochi peli sul corpo e poteva quindi sudare per riequilibrare la temperatura corporea con maggiore efficienza. Questo particolare consentiva agli esemplari di H. ergaster di cacciare anche nel bel mezzo della giornata, quando le temperature sono più alte e la maggior parte degli animali riposa, diventando facile preda.

 

L’evoluzione portò alla differenziazione di altre specie come Homo erectus. Probabilmente alla ricerca di luoghi più ospitali dove cacciare con più facilità, diversi esemplari appartenenti al genere Homo si spostarono progressivamente dall’Africa verso l’Asia.

Nel corso degli anni i ricercatori hanno trovato tracce di H. erectus in un’ampia area compresa tra la Turchia e la Cina. La loro popolazione era comunque molto contenuta: piccoli gruppi di cacciatori e raccoglitori che si spostavano di continuo per trovare cibo. Avevano fattezze simili alle nostre e una spiccata socialità, mentre non è ancora certo se fossero in grado di sviluppare forme complesse di linguaggio, anche per ragioni anatomiche poiché avevano vie aeree diverse dalle nostre, almeno stando ai fossili fino a ora ritrovati.

Circa 120mila anni fa altri esseri umani si spostarono dall’Africa. Tra questi c’erano anche gli esemplari di Homo sapiens che, in piccoli gruppi e in migliaia di anni, raggiunsero il Vicino Oriente, per diffondersi poi nell’Asia meridionale circa cinquantamila anni fa e con altre ondate in Europa 40mila anni fa, rimpiazzando progressivamente gli esemplari di Homo neanderthalensis, che si erano probabilmente evoluti da gruppi europei isolati di Homo erectus e di altre specie umane.

Homo sapiens arrivò nell’Asia meridionale in tempo per assistere a un disastro naturale di enormi proporzioni, spiega Mosley.

 

Circa 74mila anni fa, il Monte Toba, un vulcano nel sud est asiatico, produsse una spettacolare eruzione, la più grande degli ultimi due milioni di anni. Il vulcano iniettò così tanto zolfo nell’atmosfera da abbassare le temperature del pianeta di alcuni gradi, creando tanta roccia fusa da poter ricoprire la Gran Bretagna con uno strato di dieci metri. Produsse anche enormi quantità di ceneri. Trasportate dai venti, le nubi bianche di polveri create dal Toba coprirono enormi porzioni dell’Asia, compresa buona parte del subcontinente indiano.

 

Secondo una teoria molto dibattuta, la catastrofe di Toba fu la principale responsabile della riduzione a poche migliaia di esemplari delle specie di esseri umani che popolavano il pianeta. L’uomo finì quasi sull’orlo dell’estinzione e per Homo erectus iniziò un lento declino durato circa 40mila anni, in cui cambiamento del clima e concorrenza sempre più forte dell’Homo sapiens per la ricerca di cibo non lasciarono scampo. Gli esemplari di H. erectus erano più grandi e forti rispetto a quelli di H. sapiens, ma erano meno intelligenti.

 

Nell’Homo erectus, spiegano gli esperti, le aree del cervello per il linguaggio erano poco sviluppate. L’Homo sapiens riusciva, invece, ad adattarsi anche a scenari complessi grazie alla possibilità di elaborare idee e di poterle comunicare con facilità ed efficacia ai propri simili. Gli esemplari di H. erectus costruirono per più di un milione di anni sempre gli stessi tipi di utensili, mentre gli H. sapiens costruirono utensili e armi più sofisticati, il cui uso si diffuse rapidamente.

H. erectus sparì sostanzialmente dall’Asia circa 30mila anni fa, anche se sembra che alcuni loro discendenti siano sopravvissuti sull’isola di Flores in Indonesia. Questi esseri umani, Homo floresiensis, anche conosciuti come “Hobbit”, sopravvissero fino a 12mila anni fa. Poi si estinsero, lasciandoci come unica specie del genere umano a popolare il pianeta.

Scrivi commento

Commenti: 18
  • #1

    Remo (martedì, 28 giugno 2011 18:11)

    O vari bambini indaco e prescelti dagli alieni, condividete?

  • #2

    Lorenzo (martedì, 28 giugno 2011 20:57)

    Secondo me la questione è estremamente semplice.
    La natura è in continua sperimentazione; Quando la sperimentazione raggiunge un livello tale da essere considerata un successo, essa acquisisce il nome di evoluzione.
    L'evoluzione è strettamente legata all'ecosistema in essere al momento in cui essa si concretizza: Se l'ecosistema è compatibile con l'evoluzione precedente, anch'essa esiste insieme a quella più evoluta, altrimenti è destinata ad estinguersi. Se l'estinzione non avviene naturalmente, allora la nuova evoluzione può essere tale da fagocitare la precedente; In poche parole se ne ciberà. E' interessante notare come la natura mantenga memoria fisica dei suoi successi e di come mantenga inalterati i mattoni che hanno dato vita a tutte le forme di vita evolute, come ad esempio gli organismi unicellulari ancora oggi esistenti e dai quali presero vita i pluricellulari, uomo compreso.
    Ad esempio, le scimmie esistono ancora oggi e convivono con l'uomo.
    I disonauri si estinsero perchè l'ecosistema dell'epoca si dimostrò più favorevole ai mammiferi, ma non dimentichiamo che ci fu un tempo (ahimè piuttosto breve) in cui dinosauri e primissime specie di mammiferi convivevano prima dell'estinzione dei primi.
    L'homo sapiens sapines ha in se i geni del sapiens e di tutte le evoluzioni precedenti.
    Nel preciso istante in cui io scrivo e voi leggete, altre forme di vita frutto della sperimentazione possono aver raggiunto un livello evolutivo tale da costituire nuova specie a noi sconosciuta.
    La stessa evoluzione può essersi concretizzata su altri pianeti dando vita ad ecostistemi compatibili col nostro oppure del tutto differenti, comunque favorevoli alla prosecuzione della sperimetazione naturale.

  • #3

    Delta Force (mercoledì, 29 giugno 2011 10:52)

    L'homo sapiens era un contemporaneo dell'homo erectus?

  • #4

    lorenzov (mercoledì, 29 giugno 2011 11:46)

    Ciao Omonimo.
    Complimenti per l'esposizione: come vedi non vi sono stati commenti per confutare quanto hai comunicato e cio' e' sintomatico di quanto sei stato esauriente.
    Mi e' piaciuto "comunque favorevoli alla prosecuzione della sperimentazione naturale" parlando di altri pianeti.
    Molti avrebbero usato il vocabolo "vita".
    Hai usato una finezza dialettica.
    Spero che Shepard intervenga, e' il suo campo.
    Ciao a Tutti, buona giornata.

  • #5

    RetiredAFB (mercoledì, 29 giugno 2011 14:48)

    E'notizia di questi giorni il ritrovamento,nell'Africa Centrale,di un cimitero di scheletri "giganti",di forma umanoide,ma che non presentano caratteristiche tipiche nostrane:ad esempio,in essi sono assenti il naso,la bocca e le orecchie.Secondo il team di geologi e archeologi che hanno effettuato la scoperta,tale fossa comune,la quale contiene all'incirca i resti di 200 corpi,risale ad almeno 500 anni fa;intorno ad essa,non sono stati ritrovate tracce di alcun insediamento umano.
    In un passo dell'articolo è scritto testualmente che "Gli antropologi sono convinti che tali creature fossero membri di un equipaggio alieno atterrato sul nostro pianeta,e uccisi probabilmente da virus umani a cui non presentavano immunità".
    Potete leggere la notizia in lingua originale da questo link:

    http://english.pravda.ru/science/mysteries/24-06-2011/118302-giants_cemetery-0/

    Ora,non è la prima volta che si afferma di aver trovato resti di ossa umane di dimensioni anomale,comunque "giganti":certamente vi sono state anche numerose bufale al riguardo,però io credo che la nostra non sia l'unica tra le specie di esseri umani.
    Inoltre mi domando:perchè le scimmie non continuano ad evolvere in uomini?Non mi risulta che vi sia una fine al processo evolutivo,bensì che questo prosegua incessantemente al fine di perfezionare sempre maggiormente la "sperimentazione naturale".

  • #6

    Scettico (mercoledì, 29 giugno 2011 16:48)

    @RetiredAFB
    è una notizia vecchia del 1991 in realtà riportata di nuovo dalla pravda e spacciata come recente.

  • #7

    RetiredAFB (mercoledì, 29 giugno 2011 17:49)

    @Scettico:grazie per l'informazione,non ne ero al corrente.
    Ma,al di là della datazione,è mai stata smentita?

  • #8

    Scettico (mercoledì, 29 giugno 2011 21:25)

    No che mi risulti no...

  • #9

    lorenzov (mercoledì, 29 giugno 2011 21:47)

    Ciao a Tutti.
    La notizia del ritrovamento mi e' nuova (anche se forse datata 4 lustri) ma alcune volte ho visitato internet digitando "giganti".
    Contiene molto materiale fotografico (buona parte di esso magari artefatto) e anche testimonianze di affermati antropologi.
    Sono perfettamente ignorante in materia ma mi trovo una volta in piu' fra Voi per soddisfare la mia curiosita'.
    Shepard cara, dove sei?
    Buona notte e buon domani a Tutti.

  • #10

    Ulisse (mercoledì, 29 giugno 2011 22:11)

    Lorenzov perchè non ti iscrivi al forum?

  • #11

    KOSLINE (mercoledì, 29 giugno 2011 22:42)

    X I GIGANTI , che io sappia sono solo bufale - fake ,in passato mi sono interessato a questa cosa ,e su queste cose non si potrebbe fare COVER UP x ovvie ragioni , come certi asseriscono x affermare il FAKE ...

    x il resto quoto 100% lorenzo

    e un saluto allo ZIO LORENZOV (OT ho visto la tua domanda a UFOONLINE in un altro post se ho capito il problema forse se ti iscrivi nel FORUM ti trovi meglio ZIO la le discussioni rimangono in EVIDENZA in base alle risposte , diversamente dal sito)

  • #12

    KOSLINE (mercoledì, 29 giugno 2011 22:46)

    @ AGGIUNTA POST 11

    che rimangono in base alla loro pubblicazione

  • #13

    Ulisse (mercoledì, 29 giugno 2011 23:08)

    infatti se si scrive al forum ogni discussione può decidere di ricevere una mail quando viene aggiornata e tanto altro. Forzo lorenzov ti aspettiamo

  • #14

    KOSLINE (mercoledì, 29 giugno 2011 23:39)

    ULISSE sul FORUM chi sei ?

  • #15

    lorenzov (giovedì, 30 giugno 2011 20:41)

    Ciao ragazzi.
    Solo ora ho letto l'invito.
    Grazie Ulisse, grazie Kosline.
    Sono zio in quanto fratello di nonni e non di padri e porto sul groppone uno zaino di anni da far invidia all'homo erectus se non proprio sapiens.
    Come si fa a entrare nel forum?
    Io mi trovo bene nel sito e mi pregio di intervenire se non proprio con la mia cultura e saggezza almeno con la mia esperienza.
    Comunque e' mia intenzione non dedicare troppo tempo alla tastiera perche', oltre il limite dell'ora, fatico ad alzarmi dalla sedia e devo poi distendere i muscoli delle gambe che mi tormentano con crampi insopportabili.
    Naturalmente sto scherzando cari nipotini ma sono lusingato dal Vostro invito.
    Ciao Lorenzo e ciao Remo, Ciao Ulisse e ciao Kosline.
    Mi ritengo un po' spiazzato dal fatto che vi sono molteplici discussioni aperte e, salta qua e salta la', comincio a perdere l' orientamento.
    Siate con me solidali nell'attesa del ritorno della cara Shepard fulgido faro nel crepuscolo dei nostri interventi.
    Ciao a Tutti e buona serata.
    Buon domani.

  • #16

    KOSLINE (giovedì, 30 giugno 2011 21:25)

    SHEPARD batti un colpo se ci sei , MA ZIO penso che ha trovato un TUIRAN che l'ha Rapita ahahahahah .....

    cmq x entrare nel forum poi andare sopra alla pagina che stai ora vedendo dove sta' scritto HOME ECC vedrai che sta scritto FORUM CI SONO 8 CASELLE , puoi vedere le discussioni anche se non sei registrato ma x postare i tuoi commenti devi registrarti al sito forum E COSI potrai anche se vuoi aprire tue discussioni ........se ti serve qualche altro indizzio puoi sempre contattarmi alla mia imail che tu hai , magari prima visitalo il forum se ti risulta interessante ti iscrivi ...

    un saluto by

    chiuso OT

  • #17

    lorenzov (venerdì, 01 luglio 2011 11:35)

    grazie nipote

  • #18

    rachid oubouhouch (sabato, 02 luglio 2011 18:11)

    io credo che gli esseri umani sono la forma più avanzata che c'è sulla terra...