Ecco le prime foto segrete mai viste dell'Area 51

Ricercate, chiaccherate, e infine venute alla luce. Siamo in grado di mostrarvi le prime foto esclusive dalla base segreta Area 51, dove molti ancora pensano siano nascoste le prove di incontri ravvicinati del terzo tipo. Gli scatti sono estratti dallo speciale andato in onda nel canale National Geographic statunitense, che sarà trasmesso in Italia nei prossimi mesi.

Per ora nessuna navicella spaziale extraterrestre, ma un progetto segretissimo. Per la prima volta le foto di un incidente del 1963 e della maxi operazione di copertura che fu messa in atto.

Un esempio di cover Up in piena regola.

Area 51, l'aereo spia intatto
Fotografia Roadrunners Internationale via Pangloss Films

Nel 1963 un aereo segreto invisibile sviluppato nella base segreta Area 51 precipita. Per la prima volta possiamo mostrare le esclusive foto - su cui la Cia ha tolto il segreto - dell'operazione che servì a togliere ogni traccia dell'incidente al progetto segretissimo. 

Ora che molti documenti risalenti alla Guerra Fredda vengono declassificati (non più considerati segreti), i militari in passato in servizio alla base segreta americana Area 51 stanno rivelando alcuni dei modi - intelligenti ma sorprendentemente poco tecnologici - con cui hanno tenuto lontano da occhi indiscreti prototipi futuristici sviluppati durante la Guerra Fredda.

La Cia creò Area 51 nel 1955 per sviluppare e testare alcuni progetti militari segreti nell'isolato deserto del Nevada. Più di 50 anni dopo, la base ufficialmente ancora non esiste, e non compare sulla mappe governative americane.

Negli anni Cinquanta e Sessanta Area 51 fu al centro del progetto OXCART, finalizzato alla realizzazione di un aereo spia che avrebbe dovuto prendere il posto dell'U-2, diventato famoso nei primi anni della guerra fredda per le foto di luoghi strategici dei nemici che riusciva a scattare da quote altissime.

L'aereo OXCART doveva compiere missioni spia in Unione Sovietica senza essere scoperto dai sovietici. Ma i militari di Area 51 si posero subito il problema di nascondere l'aereo agli occhi dei satelliti sovietici anche durante il suo sviluppo sul territorio americano. I sovietici infatti sapevano che gli americani stavano realizzando qualcosa nel deserto del Nevada.

I tecnici Usa cominciarono una caccia simile a quella del gatto con il topo con i satelliti sovietici. I prototipi dovevano essere nascosti negli hangar a ogni passaggio dei satelliti. Non solo. Ad un certo punto capirono che grazie all'infrarosso i satelliti sovietici riuscivano a riconoscere le tracce di dove era appena passato il prototipo.

Allora iniziarono a produrre falsi prototipi, con le forme più fantasiose per sviare i sovietici, che non riuscirono infatti a scoprire i piani americani del successore dell'U-2, fino a quando non fu reso pubblico il programma alla metà degli anni Sessanta.

Durante i circa 2.850 voli di prova ultra segreti, numerose persone riuscirono lo stesso a vedere strane (per il tempo) figure di aerei futuristici.

Non riconoscibili neppure a controllori di volo e piloti di aerei commerciali, gli avvistamenti del lucente aereo di titanio contribuirono alle crescenti voci su un'ipotetica presenza di alieni (Ufo, oggetti non identificati) nell'aerea 51. Alla fine il progetto produsse Archangel-12 o A-12, il primo vero aereo invisibile ai radar, secondo diversi esperti.L'A-12 è in grado di volare a 3.220 chilometri all'ora e attraversare gli Stati Uniti continentali in 70 minuti e nello stesso tempo scattare fotografie abbastanza nitide da individuare un oggetto di 30 centimetri da un'altezza di 27mila metri.

Fuori Area
Fotografia CIA via Pangloss Films

I resti - compresi due motori - dell'areo spia A-12 precipitato nel 1963 vicino Wendower in Utah, in una foto da poco declassificata dalla Cia e pubblicata qui per la prima volta.

Andò tutto male al pilota Ken Collins - nome in codice Ken Colmar - quando provò l'aereo a bassa quota. Perse il controllo a 7.620 metri e si mise in salvo con l'espulsione del seggiolino, come ha descritto lui stesso nel documentario su National Geographic Channel Usa.

Il governo americano chiese a Collins di sottoporsi a ipnosi e a un trattamento di pentothal (il siero della verità) per essere sicuri che il pilota avesse detto tutta la verità sull'incidente.

Operazione copertura
Fotografia CIA via Pangloss Films

Una foto aerea della massiccia operazione lanciata subito dopo l'incidente dell'A-12 in Utah.

Dopo essersi paracadutato, il pilota Ken Collins una volta arrivato a terra incontrò tre civili in un pickup, che si offrirono di accompagnarlo sul luogo dove si era schiantato l'aereo.

Invece Collins chiese un passaggio nella direzione opposta, dicendo loro che l'aereo aveva una bomba nucleare a bordo, seguendo una delle procedure preparate appunti per casi del genere per per tenere il luogo del disastro segreto.

Subito una squadra di agenti del governo arrivò per compiere un'operazione di pulizia e di insabbiamento. La mattina dopo i resti dell'aeroplano venivano caricati su camion per essere riportai in Nevada nell'Area 51.

Nessun altro si è avvicinato o ha anche solo saputo del disastro per i successivi 50 anni.

Distruggere le prove?
Fotografia CIA via Pangloss Films

La squadra del governo al lavoro utilizza bulldozers e gru per rimuovere ogni traccia dell'aereo caduto.

"Ci fu un dibattito sull'ipotesi di far esplodere i resti per renderli non identificabili", racconta Peter Merlin, storico aerospaziale indipendente.

Oggi il segreto non ha più senso, secondo lo storico della CIA David Robarge, che spiega perché le foto sono state declassificate.

"Secondo gli esperti della Cia le foto dell'incidente del 1963 non sono più così importanti per la sicurezza nazionale da dover rimanere segrete", dice Robarge.

"Nel 2007 la CIA ha declassificato circa un migliaio di documenti collegati al programma OXCART in contemporanea con l'acquisizione di uno dei nove esemplari di A-12 da parte dell'aviazione, ora in mostra presso la CIA", continua Robarge.

Sotto copertura
Fotografia CIA via Pangloss Films

Prima del completamento dell'operazione di "pulizia" del luogo, la squadra velocemente coprì i pezzi più grandi.

"Se i nemici degli Stati Uniti avessero potuto scoprire i contenuti del programma OXCART, avrebbero potuto mettere in atto contromisure tali da rendere l'aereo inutile allo scopo per cui veniva progettato così in segreto", dice Robarge.

"Il governo doveva essere sicuro che non sarebbe rimasta alcuna traccia dell'aereo, in grado di fornire informazioni tecniche a potenze nemiche".

Sottosopra nell'Area 51
Fotografia Roadrunners Internationale via Pangloss Films

In una foto senza data, un modello di A-12 capovolto viene sottoposto a un test per capire quanto fosse visibile o meno ai radar.

Questi testi venivano continuamente interrotti e i prototipi trascinati al coperto per evitare di essere visti dai satelliti sovietici.

L'aereo era composto al 93% da titanio, un minerale prodotto proprio in Unione Sovietica, che senza saperlo forniva la materia prima dell'aereo segreto americano.

Scrivi commento

Commenti: 21
  • #1

    Danilo (mercoledì, 01 giugno 2011 21:00)

    Per essere gli anni 60, erano già all'avanguardia nell'aereodinamica!!! Per il resto 4 foto, spiegano poco e niente!!!

  • #2

    *IraTenax* (mercoledì, 01 giugno 2011 23:08)

    ma come hanno fatto a metterlo su quel palo? e a capa sotto!!! Vero mistero irrisolto :D

  • #3

    Insider (giovedì, 02 giugno 2011 00:12)

    @IraTenax

    Alla tua domanda potrà certamente risponderti il buon "Già Gobbo" di KAZZENGER...

  • #4

    Yale (giovedì, 02 giugno 2011 00:26)

    Questo però conferma la propensione del governo usa ad insabbiare sempre le cose...

  • #5

    KOSLINE (giovedì, 02 giugno 2011 00:41)

    e ci mancherebbe YALE che svelino i loro programmi MILITARI ihihihi che militari sarebbero ...
    questo invece dice cose risapute sai quante persone vedevano questi veicoli e GRIDAVANO all UFO all UFO XD XD ...!!!

  • #6

    Insider (giovedì, 02 giugno 2011 00:47)

    Interessante anche questo...

    http://criticalbelievers.proboards.com/index.cgi?board=rs&action=display&thread=11083

  • #7

    KOSLINE (giovedì, 02 giugno 2011 00:57)

    @INSIDER mo SR-71 uno dei miei preferiti che geni che sono alla lockheed martin .....quello x l'epoca era veramente superlativo ancora oggi sembra un aereo futuristico ......



  • #8

    xeddie1977x (giovedì, 02 giugno 2011 01:37)

    Ciao ragazzi come ho già detto ho visionato il "famoso documentario"......non aspettatevi nulla di che!!!zero alieni zero ufo zero dischi volanti...se vi interessa il link x vedere il documentario fatemi sapere, comunque è facilmente rintracciabile in rete si chiama "area51 declassified"......
    Ciauuuuuuuuuuuuu

  • #9

    Sutter Kaine (giovedì, 02 giugno 2011 02:00)

    Foto palesemente ritoccate con photoshop...i chiaro scuri sono falsi come il governo solo un piccoletto bambinetto stupido crederebbe ad una bufala di questo tipo. Gli americani sono super nel nascondere la verità tipo le bombe chimiche di Saddam Hussein o come l'ultima trovata della morte di Bin Laden (ma poi chi cazz èèèèèèè). Solo vecchi e bambini possono credere a stè cazzate...se noi crediamo di conoscere la terra ben prima che si sviluppasse credendo che delle luci siano un'ospedale siamo un pezzo indientro ancora..:D

  • #10

    KOSLINE (giovedì, 02 giugno 2011 02:19)

    SI SUTTER anche gli americani mica esistono sono solo un oleogramma ,BIN LADEN e' solo una loro invenzione le torri gemelle non sono mai cadue xche' nessuno le aveva mai costruite e tante altre belle cose...!!!

    sulle foto non mi esprimo anche xche' sono cose vecchie e stravecchie non hanno nessuna importanza ma AMICO come si fa' a non credere a BIN LANDEN be bisogna avere una mente piu contorta di quella degli AMERICANI !!!
    SULLE BOMBE di SADDAM HUSSEIN hanno SPUDORATAMENTE mentito x avvalorare un attacco una cosa molto riprorevole.... ma una cosa lasciamela dire amico se i militari non NASCONDONO le informazioni MI DICI CHE MILITARI SIANO ? ti fideresti di militari che dicono tutto a tutti ????

  • #11

    LORENZO M. (giovedì, 02 giugno 2011 08:15)

    Bel servizio e bel documentario quello di NG,ma in realtà non hanno svelano niente di nuovo,erano tutte cose che sapevamo di già,le uniche novità sono le foto,tra l'altro,molto interessanti;in ogni caso i veri segreti del'area-51 rimarranno celati per sempre e se qualcuno si era illuso anche per un solo secondo,che nel documentario provassero a dare delle risposte alle vere domande,ai veri interrogativi che aleggiano su quella base,beh era proprio uno stolto.....certe informazioni sono talmente segrete e inaccessibili che solo pochissime persone ne sono a conoscenza,per questo era prevedibile che il documentario non raccontasse niente di nuovo in fin dei conti,purtroppo.

  • #12

    Alfredo (giovedì, 02 giugno 2011 08:56)

    In effetti hanno rivelato e desecretato l'unica cosa sicura che si sapeva e si sa dell'area 51 e cioè che li si sviluppano nuove armi e prototipi di aerei. Se non sbaglio anche lo sthealt esce da li. Di certo non verranno mai a dire o invitare qualcuno per fargli vedere qualcosa tipo tecnologie aliene o altro, almeno per adesso.

  • #13

    Insider (giovedì, 02 giugno 2011 09:51)

    [piccolo OT]
    Risolto il caso del presunto UFO Australiano.
    Maggiori info nell'articolo dedicato da Ufoonline ;-)

  • #14

    Gino (giovedì, 02 giugno 2011 14:36)

    Per uno studioso come me della Guerra Fredda tutto questo è enormemente interessante.

  • #15

    Sutter Kaine (giovedì, 02 giugno 2011 15:13)

    Kosline dico semplicemente che se affermi che le Saddam/Bombe non c'erano - che tu stesso dici che per essere militare bisogna dire cazzate bè converrai con me che se non credo a Bin Laden o meglio quello che hanno detto di lui (magari è esistito sul serio ma faceva l'albergatore a New York) il passo è breve. E mi fa pensare anche riguardo agli UFO. Sinceramente essere protetto da mamma "stato" a suon di cazzate non me ne frega nulla preferirei la verità che mi aspetta di diritto.

  • #16

    KOSLINE (giovedì, 02 giugno 2011 16:35)

    SUTTER KAINE " preferirei la verità che mi aspetta di diritto." parole sante AMICO ma molti confondono la politica con i militari , nel senso che non spetta hai militari dire le verita ma hai politici UFO ecc....io parlavo cmq no di UFO ma di semplici armamenti quindi AEREI ECC, certamente x le verita' sugli UFO SE' nascoste dai politici ne pagheranno le conseguenze e AMARAMENTE spero !!!

  • #17

    Sutter Kaine (giovedì, 02 giugno 2011 20:33)

    Quoto...e lo spero anche io..:D

  • #18

    kimaka (venerdì, 03 giugno 2011 01:03)

    quanta carne al fuoco...come faccio a dire la mia(testimone oculare della presenza aliena sulla terra)in poke parole...vabbe' vado a prendere il caffe' ke e' meglio pero' bell'articolo anke se l'aerea 51 e' solo la punta dell'iceberg...

  • #19

    samura (sabato, 04 giugno 2011 10:26)

    assolutamente niente di nuovo,cè un sito americano che mostra le foto del area 51 agli esordi,le talpe per creare i tunnel sotto terra e tante foto dei piloti cia con i relativi aerei.

  • #20

    whiski (lunedì, 15 agosto 2011 20:13)

    sono molto scettica, la verità non viene mai alla luce del giorno, ci fanno vedere quello che vogliono per nascondere meglio i loro secreti

  • #21

    paciocio (venerdì, 01 giugno 2012 03:20)

    quante minkiate