L'incidente di Roswell? Complotto di Stalin contro gli Stati Uniti

I giornali italiani per scrivere di alieni devono pubblicare sciocchezze. Puntuale è arrivato il Corriere della Sera che oggi pubblica un pezzo sull'incidente ufologico più famoso del mondo, spiegando che il presunto schianto di un Ufo nella piccola cittadina di Roswell, Nuovo Messico, nel luglio del 1947 sarebbe stato un complotto ordito da Stalin per creare panico tra la popolazione degli Stati Uniti d'America. La fonte? Niente di ufficiale solo il libro di Annie Jacobsen, giornalista del Daily Beast, che dichiara di aver ottenuto queste “sensazionali rivelazioni” da un ex ingegnere, ora in pensione, che per anni ha lavorato nel dipartimento della difesa americana. L’ingegnere nel 1978 avrebbe fatto parte dell’equipe che seguiva il "Roswell project" nella base militare del Nevada, nella quale sarebbe stati portati a termine dall'esercito americano test di massima segretezza. Queste e altre informazioni vengono dal libro che la Jacobens da alle stampe in questi giorni negli Usa che parla dell'Area 51 e dei sui segreti. E qualche miglior pubblicità se non la soluzione dell'enigma simbolo dell'ufologia del dopoguerra?

Anticipando che stiamo preparando un articolo su tutti i temi trattati dal libro concentriamoci sul caso che ci interessa. Il libro -spiega il Corriere- descrive il complotto che avrebbe ispirato Stalin con "La guerra dei mondi", il celebre programma radiofonico di Orson Welles, trasmesso il 30 ottobre del 1938 dalla Cbs che e creò un vero e proprio panico in tutti gli Stati Uniti perché descriveva un'improvvisa invasione della Terra da parte degli alieni. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale i sovietici avrebbero catturato uno "Horton Ho 229", un cacciabombardiere nazista con una sola ala capace di raggiungere i 1000 km/h e Stalin avrebbe deciso di servirsene per seminare il panico negli Stati Uniti. Per questo avrebbe assoldato addirittura Joseph Mengele, l’ex dottore nazista conosciuto anche come "L'angelo della morte". Mengele, che nei primi anni '40 portò a termine ad Auschwitz orribili esperimenti umani sui prigionieri, grazie a nuovi test di eugenetica, avrebbe riprodotto mostruosi esseri umani che avevano la stazza di bambini e occhi enormi. Il cacciabombardiere, su ordine di Stalin, sarebbe stato riempito di questi esseri mostruosi e pilotato a distanza. Ma una volta nei cieli americani si sarebbe schiantato a Roswell a causa di una tempesta.

 

Già questa ricostruzione è abbastanza macchiavellica ma non è tutto. Secondo la Jacobsen i corpi vicino all'aereo schiantato non erano alieni, ma non erano neppure normali esseri umani. Erano cavie. Insolitamente bassi come piloti, sembravano bambini. Ognuno di loro misurava meno di un metro e cinquanta centimetri. Erano grottescamente deformi, ma ognuno assomigliava all'altro. Avevano la testa sproporzionata ed enormi occhi. Due tra questi erano in uno stato comatoso, ma erano ancora vivi.

 

Ecco la spiegazione, geniale come poche: piccoli nani deformati. Cancellate tutto quello che è stato detto fin'ora, niente pallone sonda, niente FBI, niente CIA o dipartimenti militari, niente drone. Ora i corpi negati per 50 anni dagli Usa rispuntano nella ricostruzione del libro, solo che non erano alieni, ma umani.

Un giorno i corpi ci sono, il giorno dopo non ci sono più. E' la ricostruzione di Roswell numero mille o quasi. Ma finisce sempre in prima pagina. In fondo lo scopo era quello, non penserete davvero che la Jacobens volesse risolvere il mistero?

Scrivi commento

Commenti: 21
  • #1

    Insider (sabato, 14 maggio 2011 14:50)

    Davvero ridicolo, il libro e l'operazione editoriale dal quale è nato.
    Ormai è sempre la solita solfa: scrivi qualcosa di clamorosamente stupido e vedrai in quanti abboccano (comprando il libro).

    Di questa storia "from Roswell" se ne è parlato fin troppo, fino alla nausea. Tuttavia è chiaro che tira ancora e riesce a far guadagnare bei soldini alle case editrici, basta solo scovare l'idea più originale per non essere ripetitivi... E' pura e semplice speculazione a discapito dell'ufologia.

  • #2

    Hiver (sabato, 14 maggio 2011 14:57)

    nani .... mi corda qualcuno...mmm devo pensarci...
    ma mettete in mezzo sempre lui...vergognatevi... ahahaha

  • #3

    Shepard (sabato, 14 maggio 2011 15:18)

    Vi prego...ditemi che nel 2013,quando tutti si saranno resi conto che NON è avvenuto nessun contatto di massa ( magari ci fosse) le acque si calmeranno e si tornerà a ragionare...ditemelo anche se non è vero XD

  • #4

    saturn_3 (sabato, 14 maggio 2011 15:22)

    hahahaha...che ridicola..e il nome di questo ex ingegnere quale sarebbe? Almeno personaggi noti che volevano portare a conoscenza l'accaduto o la realtà extraterrestre ci hanno messo la faccia andando in contro a minacce ecc... questo libro non è neanche da prendere in considerazione.

  • #5

    Fire (sabato, 14 maggio 2011 15:35)

    Grottesco.

  • #6

    Matthew (sabato, 14 maggio 2011 16:05)

    PAZZESCO! CHE GIORNALISMO é QUESTO??? piccoli nani deformati??? VERGOGNA!

  • #7

    Ekos (sabato, 14 maggio 2011 16:07)

    cosa si fa per vendere.....non so se è peggio il libro o il corriere della sera che pubblica un articolo del genere.....

  • #8

    KARIBU (sabato, 14 maggio 2011 16:59)

    Cioe', fatemi capire, i russi hanno in mano, forse l'unico esempio di Horten Ho IX ( gotha 229 ) e che decidono di fare ?. Assoldare mengele, per farsi costruire dei robot biologici?????.Per spaventare gli americani.
    Gli unici esemplari di horten gli hanno gli americani, perche nel 1945 istituirono dei reparti per fare in modo che i russi non avessero modo di catturarli.L'unico esemplare di horten 229 fu' catturato dal generale Patton. E comunque, anche se fosse ( non bisogna mai chiudere alle ipotesi ),l'aereo era costruito con materiali, come legno e compensato e vernice anti radar.....cosa centra questo con i materiali metallici, e i fogli di metallo che riprendevano le proprie forme dopo averli piegati ritrovati a Roswell....? non ho capito.

  • #9

    Lorenzo (sabato, 14 maggio 2011 17:55)

    Non solo: I pittogrammi rinvenuti su alcuni rottami tubolari...
    Certo che se non vogliamo ricordare, possiamo solo leggere e credere che sia vero solo cio c'è scritto.

  • #10

    Delta Force (sabato, 14 maggio 2011 19:15)

    Una ricostruzione veramente imbarazzante e sgangherata.
    @Shepard.No,nel 2013 non si tornerà a ragionare,anzi sarà sempre peggio.

  • #11

    XXX (sabato, 14 maggio 2011 21:13)

    NO COMMENT!!!!

  • #12

    Shepard (sabato, 14 maggio 2011 21:25)

    Delta Force,ti rendi conto che hai tolto la speranza ad una donzella innocente,vero?XD

  • #13

    zio (sabato, 14 maggio 2011 23:36)

    le solite storielle, nulla più,siamo arrivati al fondo,non sappiamo più cosa inventarci.....che tristezza:(

  • #14

    kimaka (sabato, 14 maggio 2011 23:41)

    ho voglia di rovesciare:mi dispiace delle cozze gratinate cotte al forno di pietra ke ho in saccoccia.....

  • #15

    alien (domenica, 15 maggio 2011 17:37)

    gli scienziati del terzo reich,facevano ricerche molto ma molto avanzate! anche esperimenti genetici al limite dell!incredibile! Ricerche che potrebbero essere continuate anche dopo la caduta di Hitler con la misteriosa organizzazione Odessa ancora esistente e che ha creato centinaia di societa fittizie in Argentina,Cile,Uruguay,,Paraguay, Brasile,Bolivia. Se quelli di Roswell non fossero alieni, potrebbero essere altro!

  • #16

    Gino (domenica, 15 maggio 2011)

    si chiama HortEn Ho 229.

  • #17

    Ego (lunedì, 16 maggio 2011 13:00)

    ALIEN posso anche essere d'accordo con te sui vari esperimenti più o meno avanzati,ma arrivare a dire che hanno spedito essere deformi nel New Mexico x creare panico è una notizia che fa solo ridere!

  • #18

    alien (lunedì, 16 maggio 2011 14:44)

    Hai frainteso la cosa come fate di solito anche in questo forum. Intendevo arrivare al punto di ipotizzare che i cosiddetti androidi grigi, non vengono da fuori e sono forse stati creati sulla terra da qualche parte!!!! non si puo escluderlo! riguardo la notizia di questo articolo sarebbe un altro discorso!

  • #19

    alien (lunedì, 16 maggio 2011 16:55)

    Se la notizia di questo articolo risultasse vera, forse non erano li per creare il panico, ma per spiare! A Roswell, vi era la base del primo stormo di bombardieri atomici B.29. Per intendere, quelli che sgangiarono le prime 2 bombe atomiche sul Giappone!!!

  • #20

    trustnoone83 (mercoledì, 25 maggio 2011 15:23)

    che tristezza!!!

  • #21

    Maverick (sabato, 23 marzo 2013 23:44)

    Pilotare un horten a distanza?? Un velivolo tutt'ala e senza timone, persino oggi, e'gia'talmente difficile da pilotare che il B2 dell' USAF per esempio e'controllato principalmente dal computer di bordo, in quanto il pilota avrebbe seri problemi a tenerlo in volo se dovesse farlo solo manualmente. Figurarsi il 229 che aveva fatto solo alcuni voli sperimentali fallimentari. Pilotarlo a distanza poi, nel 1947? E da quale distanza? Dalla Russia fino al New Mexico? Quindi la Russia nel 1947 aveva gia'tutta la tecnologia dei droni intercontinentali?? No, ma certo, c'era un aereo che seguiva lo horten, con sopra un russo con un enorme telecomando che pilotava lo horten a vista!!? Vogliamo scherzare? E quello sciagurato di Stalin si sarebbe fatto venire anche questa idea idiota oltre alla lunga storia delle sue idee idiote? Si, questo e'possibile. Ma nessun altro idiota alle sue dipendenze avrebbe potuto metterla in pratica!!