Einstein aveva ragione: lo spazio tempo attorno alla Terra è deformato

Lo spazio-tempo attorno alla Terra è leggermente deformato, proprio come previsto dalla teoria della relatività generale di Einstein. A dimostralo, misurando l'entità di questa deformazione è stato l'esperimento Gravity Probe B ideato e gestito dalla Stanford University e dalla NASA; in un articolo in corso di pubblicazione sulle Physical Review Letters i ricercatori illustrano i risultati finali dell'esperimento.
L'esperimento Gravity Probe B, iniziato nel 2004, ha sfruttato quattro giroscopi ultra-precisi per misurare due aspetti della teoria di Einstein sulla gravità: l'effetto geodetico, ossia la deformazione dello spazio-tempo attorno a un corpo massiccio, e l'effetto di trascinamento, che è il fenomeno per cui la Terra distorce lo spazio-tempo locale con la sua rotazione.

P-B ha riscontrato entrambi gli effetti misurando le sottilissime variazioni nell'asse di rotazione dei giroscopi rispetto alla posizione di una stella, IM Pegasi (HR 8703).

Se la gravità non influisse sullo spazio e sul tempo, i giroscopi di Gravity Probe B avrebbero dovuto puntare sempre sullo stesso punto mentre era in orbita. Invece, come previsto dalla relatività generale, i giroscopi hanno subito un minuscolo cambiamento nella direzione dell'asse di rotazione sotto l'effetto della gravità terrestre.

"Immaginiamo come se la Terra fosse immersa nel miele. Quando il pianeta ruota attorno al proprio asse e orbita attorno al Sole, il miele si deforma e crea dei vortici, e lo stesso avviene con lo spazio-tempo", ha spiegato Francis Everitt, primo firmatario dell'articolo.

La variazione nell'asse di rotazione dei giroscopi dovuta all'effetto geodetico è nell'ordine di poche migliaia di milliarcosecondi: "Un milliarcosecondo è lo spessore di un capello umano visto da 10 miglia di distanza, è un angolo davvero minuscolo, e questa è l'accuratezza che doveva raggiungere Gravity Probe B", ha spiegato Everitt. "Per l'effetto geodetico, la previsione della teoria della relatività generale è di 6606,1 milliarcosecondi e i valori misurati sono un poco sopra il quattro per cento in più di questo valore."

"L'idea di GP-B è concettualmente semplice, ma dal punto di vista tecnologico l'esperimento è estremamente complesso. L'idea venne 30-40 anni prima che esistesse una tecnologia in grado di verificarla" ha osservato Rex Geveden, già responsabile della fase di avvio del progetto. Ed è stato proprio dallo sviluppo delle tecnologie necessarie a GP-B che sono nati gli strumenti che hanno reso possibile la creazione del sistema GPS.

"GP-B ha confermato due delle più profonde previsioni dell'universo di Einstein, con notevoli implicazioni sulla ricerca astrofisica", ha detto Everitt

"I risultati della missione avranno un effetto a lungo termine sul lavoro dei fisici teorici negli anni a venire. Qualsiasi futura sfida alla teoria di Einstein della relatività generale dovrà confrontarsi misurazioni più precise di quelle egregiamente eseguite da GP-B", hanno osservato i ricercatori.

LeScienze

Scrivi commento

Commenti: 28
  • #1

    Fire (giovedì, 05 maggio 2011 14:02)

    Interessante. Mi ricorda un pò il progetto "Looking Glass" a cui fece riferimento Bob Lazar. Scopo del progetto era quello di osservare la piccolissime distorsioni spazio-temporali. http://www.youtube.com/watch?v=DAJHDOM--sA&feature=related menzionato al min 1:25.

  • #2

    sanzo (giovedì, 05 maggio 2011 14:50)

    Quindi se ogni corpo celeste distorce lo spazio-tempo, quindi la luce che ci arriva, in ragione della sua massa, la visione che noi abbiamo dell'universo è distorta.
    Dovremmo dunque ridisegnare le mappe celesti in ragione proprio di questa distorsione!

  • #3

    Dino (giovedì, 05 maggio 2011 17:30)

    Scusate l'ingnoranza, ma cos'è lo spazio-tempo?
    Cioè, riesco a concepire una spazio distorto, ma un tempo distorto non riesco ad immaginarlo, non so come spiegarmi, ammettiamo che si riuscisse a fermare il tempo per un minuto,in quel frattempo che il tempo è fermo quanto tempo passa?
    Veramente sono confuso, scusate l'ignoranza ma non capisco lo spazio-tempo...

  • #4

    franz (giovedì, 05 maggio 2011 18:42)

    La deformazione dello spazio-tempo è causata dalla massa ovvero dalla densità dell'energia E=MC2

  • #5

    Lorenzo (giovedì, 05 maggio 2011 18:54)

    @Dino
    Provo io. (non annientatemi fisici)
    Il tempo è una misura aggiunta che da origine a velocità ed accelerazione sulla base di una misura di spazio.
    Era necessario aggiungerla perchè a percezione vedi che uno che corre percorre lo stesso spazio di uno che cammina, ma arriva prima. In quel prima c'è il concetto di tempo.
    Per questo esso è legato allo spazio. Distorcere lo spazio-tempo significa percorrere più spazio nell'unità di tempo che risulterebbe inferiore se lo spazio fosse lineare. In realtà è la gravità ad avere influenza sulla distorsione dello spazio, pertanto, poichè il tempo è legato ad esso si "distorce" anch'esso per una pura questione matematica legata alla rigidità della regola v=m/s oppure a=m/s^2.

  • #6

    KOSLINE (giovedì, 05 maggio 2011 20:11)

    grande ZIO EINSTEIN !!!

  • #7

    LORENZO M. (giovedì, 05 maggio 2011 20:47)

    In realtà Sanzo non dovremmo ridisegnare propio un bel niente,fortunatamente,perchè le osservazioni astronomiche vengono fatte con lenti gravitazionali,che tengono conto propio di questo fattore,anzi,lo sfruttano a propio vantaggio per acquisire molte informazioni in più rispetto ad un osservazione classica.In ogni caso anche le osservazioni classiche o ad emissioni d'onda vengono comunque corrette per cui non ti preoccupare :).

    L'esperimento ha dimostrato un altro concetto,che ha dei riscontri per quanto riguarda la relatività di Einstein,in ogni caso era ormai dato per scontato questo fenomeno,questa è stata la conferma sperimentale,sostanzialmente,tutto qui.

  • #8

    Shepard (giovedì, 05 maggio 2011 22:48)

    Non è che io ci capisca molto,anzi zero ma...se la distanza A-B prima vista su una linea retta,e poi curvata...teoricamente non si accorcia?Me niubba XD

  • #9

    kimaka (venerdì, 06 maggio 2011 02:14)

    salve ragazzi...(^_^):la dimostrazione e' stata gia' avuta negli annali della scienza prova ne sia la correzione ke si da' ai satelliti gps intorno alla terra per avere un errore quanto meno possibile:la correzione avuta dalla distorsione spazio-tempo e' dovuta alla gravita' della terra,quindi in prossimita' del sole e' piu' grande,vicino ad un buco nero e' enorme ke neanke la luce sfugge alla sua gravita':cioe' alla deformazione spazio-tempo inteso come tessuto spaziotemporale.

  • #10

    Another_World (venerdì, 06 maggio 2011 03:02)

    @Shepard. In pratica si, infatti questo è esattamente il principio che nella quasi totalità dello sci-fi viene usato come pretesto per giustificare la possibilità del viaggio interstellare, il motore a curvatura dell'enterprise di Star Trek per l'appunto ne è un esempio(essere nerd ha la sua utilità...) prima che tu lo chieda...NO non so che tipo di motore abbia la Normandy :P

  • #11

    Avanti tutta (venerdì, 06 maggio 2011 11:36)

    auhauahuahuahauhauha la grande SR2, e cmq penso che ora gli scenziati studierano molto più affronditamente questa curvatura spazio-tempo in modo da trovare qualche soluzione per controllarla ( come ad esempio i motori dell'entrerprice come diceva un altro utente

  • #12

    Shepard (venerdì, 06 maggio 2011 14:12)

    @ Another_World grazie,mi hai fatto recuperare i 5 che avevo in fisica al liceo duemila anni fa XD.La Normandy ha propulsori di un qualche tipo,ma la fatica la fanno i portali XD
    @ Avanti tutta non ci credo...tutti fan di MassEffect ( appunto!):)

  • #13

    Another_World (venerdì, 06 maggio 2011 14:38)

    @ Shepard se non ricordo male da quello che disse l'ingegnere Adams nel primo episodio, pare che la normandy abbia un qualche tipo di propulsore turian che ciuccia "elemento zero" (che con tutta la fatica che faccio per reperirlo per potenziare l'equipaggiamento ho il sospetto che alla "pompa" costi più della benzina qui da noi...e noi sempre a lamentarci :P ).
    Comunque si è vero, li la possibilità del viaggio interstellare è giustificata con quella fantomatica "accelerazione di massa" dei portali (di cui ancora sinceramente non ho capito il funzionamento pratico visto che non mi sono letto tutto il codex...)

    p.s. non è che stiamo andando un po troppo off topic? (e invece di bannarci ci rinchiudono nella nave-prigione purgatory...ok la pianto e torno dietro la lavagna :P )

  • #14

    Shepard (venerdì, 06 maggio 2011 14:57)

    È un off topic solo in apparenza.Mass Effect,come tutti i giochi o film sci-fi,è sempre più vicino alla realtà...anzi,viceversa.Ed è proprio una notizia come quella di questo post,che lo conferma.Ovvio,non tra dieci anni,forse tra cento o più...ma l'Effetto Massa sembra quasi realtà!
    Inoltre,hai fatto bene i compiti,bravo...l'elemento zero XD

  • #15

    Another_World (venerdì, 06 maggio 2011 15:04)

    beh diamine insomma...se dopo aver finito 4 volte il primo capitolo e 6 volte il secondo con relativi dlc non sapessi "il compitino" sarebbe grave direi :P.
    Comunque infatti lo sci-fi per quanto appunto "fantasioso" spesso cerca di fondare le basi su principi "plausibili" caso appunto come quello di star trek in cui l'ideatore della serie per rendere plausibile il suo "motore a curvatura" si basò se non ricordo male su delle ricerche NASA...

  • #16

    sossio (venerdì, 06 maggio 2011 15:44)

    scusatemi ma....IO NN HO CAPITO NIENTE :))

  • #17

    Raffaella (venerdì, 06 maggio 2011 16:58)

    @sossio... benevenuto nel club :-))

  • #18

    Shepard (venerdì, 06 maggio 2011 17:55)

    @ Sossio,Raffa...ah con me siete in buona compagnia XD

  • #19

    Lorenzo (venerdì, 06 maggio 2011 18:14)

    L'Effetto Massa ti fa quasi perdere un occhio, non credo sia argomento da approfondire.

  • #20

    Raffaella (venerdì, 06 maggio 2011 19:09)

    @shepard: presentata alla maturità scientifica con 4/5 in fisica e 5/6 in matematica... venni ammessa per miracolo... sò soddisfazioni ;-)

  • #21

    Lorenzo (venerdì, 06 maggio 2011 19:59)

    Eh si Raffa, il successo nella vita non si misura con la fisica ne si conta con la matematica.
    (Mamma mia che bella questa)





    Vogliamo rimanere in topac o no ? (ehm ... in topic)
    Qui si esula dall'argomento.

  • #22

    Raffaella (venerdì, 06 maggio 2011 20:37)

    Lorenzo, frase meravigliosa. E certamente è vera, perchè se fose vero il contrario, la mia vita sarebbe un totale fallimento! :-))

  • #23

    franz (sabato, 07 maggio 2011 09:01)

    Ma senza la fisica e la matematica il mondo sarebbe rimasto fermo al neolitico.

  • #24

    franz (sabato, 07 maggio 2011 22:37)

    Il successo nella vita è un concetto relativo e transitorio.

  • #25

    kimaka (lunedì, 09 maggio 2011 11:51)

    ma energia dal punto zero significa prendere energia dallo spazio vuoto...si in teoria ma gli studi da fare sono enormi.....la ricerca latita...almeno ufficialmente...

  • #26

    vix (lunedì, 21 luglio 2014 14:07)

    ....mamma mia! mamma mia!!!...

  • #27

    AlessioP (sabato, 20 giugno 2015 13:56)

    Scusate la domanda ma secondo la formula E=mc2 "m" (ovvero la massa) è uguale a E/c2 quindi se 2 corpi si scontrano a una velocità doppia alla velocità della luce si crea una massa questo potrebbe implicare anche la creazione del nostro sole? (il sole è usato come esempio di un corpo) o sto dicendo una stronzata?

  • #28

    AlessioP (sabato, 20 giugno 2015 15:27)

    Scusate ho formulato male la velocità al quadrato non doppia