Due soli nel cielo, la Terra senza notti per due settimane

Tra le tante notizie che hanno attirato l'attensione dei curiosi c'è quella che la Terra verrà illuminata e riscaldata da «due soli» per qualche settimana. La causa dovrebbe essere l'esplosione di una delle stelle più brillanti del cielo notturno, Betelgeuse, una supergigante rossa di classe spettrale M1-2 Iab, ovvero una stella in una fase già piuttosto avanzata della sua evoluzione, visibile a occhio nudo e galattica. Che la stella prima o poi esploda non è una novità per gli scienziati, la novità sta nella data. Il fisico Brad Carter della prestigiosa università del Queensland  secondo quanto riporta il Daily Telegraph, afferma che «potrebbe succedere a breve» anche prima del 2012.  Cosa c'è di vero?

La notizia in se è attendibile. Quando in un stella si esaurisce la sorgente, il combustibile nucleare che si trova all'interno questa collassa e i materiali che la compongono vengono proiettati verso l'esterno creando una sfera di fuoco che si allarga a una velocità di 5, 10 mila chilometri al secondo. Il problema della previsione sta tutto nella tempistica. Secondo lo scienziato australiano il fenomeno si rivelerà entro uno o due anni. Secondo altri scienziati, invece, ci potrebbero volere anche migliaia di anni. Inoltre c'è discrepanza di opinioni anche sugli effetti visibili nel nostro pianeta. Di norma la luce del sole arriva sulla Terra in 8 minuti, mentre, quella di Betelgeuse, adesso e quando sarà supernova, ci metterà 640 anni. Quindi secondo gli scienziati non ci sarebbe comunque pericolo, perché Betelgeuse è comunque molto lontana. Resterebbe uno spettacolo affascinante, irripetibile e  suggestivo. Secono Carter gli effetti sarebbero più devastanti, la temperatura aumenterebbe e la desertificazione sarebbe inevitabile.

Non è la prima volta che il cielo si prepara a ospitare la luce di due astri contemporaneamente.

Nel 1054 gli astronomi cinesi videro brillare una stella gigante di giorno nella costellazione del Granchio, dunque in piena via lattea. Nel 1572 invece il noto astronomo danese Tycho Brahe ne osservò una a sua volta, e nel 1604 l’osservazione, a occhio nudo, fu compiuta da Giovanni Keplero e Galileo Galilei.

Scrivi commento

Commenti: 38
  • #1

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 12:44)

    Sarebbe davvero bello poter assistere al fenomeno, uno spettacolo imperdibile...

  • #2

    Fire (martedì, 25 gennaio 2011 13:33)

    Senz'altro,ma questo Carter che dice? " Secondo Carter gli effetti sarebbero più devastanti, la temperatura aumenterebbe e la desertificazione sarebbe inevitabile." Per un evento a 640 anni luce da noi? Come è possibile mi chiedo.

  • #3

    Danilo (martedì, 25 gennaio 2011 13:35)

    Se dovessimo avere la fortuna di vedere questo fenomeno, tutto il mondo avrebbe gli occhi puntati al cielo!!! Se...

  • #4

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 13:48)

    Sono eventi accaduti spesso fire...eppure non hanno provocato problemi, perlomeno non problemi disastrosi come vuole far credere qualcuno...

  • #5

    Matthew (martedì, 25 gennaio 2011 13:59)

    "afferma che «potrebbe succedere a breve» anche prima del 2012"
    Perchè aggiungere la data "2012"?

    Ormai è come il prezzemolo...

  • #6

    Ubaldo (martedì, 25 gennaio 2011 14:12)

    L'aggiungono perchè la data vende.
    Il 2012 è in ogni articolo: muoiono le anatre in venezuela: è il 2012.
    Vince la champions l'inter....è il 2012....
    tiziano ferro è gay... è il 2012...
    Muore rita pavone...è il 2012....

    Speriamo di arrivare in fretta al 2013 perchè non se ne può più =_=

  • #7

    Nicola Conti (martedì, 25 gennaio 2011 14:23)

    Mi diverto molto a leggere queste notizie! Non c'è assolutamente alcuna indicazione che la stella esploderà nel prossimo anno o giù di lì. Anche i telescopi più avanzati e sofisticati, e i modelli computerizzati più recenti non servono a prevedere quando una stella esploderà con precisione.
    Mettiamo tuttavia il caso che dovesse esplodere domani, non aspettatevi un'onda d'urto da film. La distanza di circa 640 anni luce farà arrivare sulla Terra una luce poco più radiante della Luna piena. In questo senso è verosimile che le notti saranno più luminose. Escludo qualsiasi altro effetto globale, fidatevi.

  • #8

    Daniele (martedì, 25 gennaio 2011 14:32)

    Ubaldo direi che l'esempio del 2012 riferito all'INTER sia proprio banale e pessimo! brutta bestia l'invidia ahimè! Detto questo sono d'accordo con te,basta con questo 2012 e sopratutto non capisco come può essere associato ancora qualsiasi fenomeno a questa benedetta data! STOP!

  • #9

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 14:34)

    appunto, come dice Nicola Conti al max può esserci qualche notte più illuminata,o qualche guidatore che si distrae a guardare la stella e sbatte contro un palo...

  • #10

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 14:35)

    La battuta di Ubaldo sull'Inter è azzeccatissima.
    Daniele non è che adesso, solo perché avete vinto un paio di coppette, non vi si può sfottere più...

  • #11

    Silvia (martedì, 25 gennaio 2011 14:37)

    Rita pavone è mortaaaaaaaaa?
    oh povera stella non lo sapevo...

    viva la papapapapa col popopopopomodoro :P

  • #12

    Mezzuka (martedì, 25 gennaio 2011 14:48)

    Sarà un evento astronomico unico e spettacolare!!!!! lo attenderò con ansia!! XD ...appoggio chi sostiene che non accadrà nulla di catastrofico ...una nova irradia energia ad una velocità sbalorditiva su ogni lunghezza d'onda ed emette in pochi istanti più energia di quanto si possa immaginare!!! ...ma a 640 anni luce, dovremmo essere a distanza di sicurezza ;-) sarà uno spettacolo mozzafiato!!!!

  • #13

    Daniele (martedì, 25 gennaio 2011 15:00)

    Marco V non so di quale squadretta sei che arriva sempre seconda o cmq dietro di noi da 5 anni a questa parte,ma proprio coppette non sono! aspetto con ansia la prox squadra italiana capace di vincere in 1 anno tutto quanto vinto da noi! di sicuro sarò morto! detto questo con l'argomento il suo esempio proprio non ci azzecca nulla!

  • #14

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 15:12)

    Daniele la squadretta per la quale tifo io è la più titolata al mondo. Prima che vincete 7 champions league voi deve terminare un altro ciclo di 5200 anni del calendario del lungo computo dei Maya.
    :))))

  • #15

    Fire (martedì, 25 gennaio 2011 15:49)

    Eh questo lo so Marco V! Infatti è proprio per questo che non capisco il perchè della dichiarazione del Signor Carter. Insomma che elementi ha per dire una cosa simile? Che ci raggualiasse allora. Bella la battuta sul lungo computo, mi hai fatto ridere!

  • #16

    Mei (martedì, 25 gennaio 2011 16:04)

    mh... non so se riuscirò a vivere fino a 640 anni per vedere questo spettacolo magnifico :-D
    breve OT: forza Milan!

  • #17

    Daniele (martedì, 25 gennaio 2011 16:19)

    Marco V peccato che a voi milanisti piace vivere solo di ricordi..bei ricordi! ma si dai,mettiamoci anche le Coppe Campioni vinte da Sacchi, alla fine sono state vinte appena 20 anni fa!! e cmq siete la più titolata al Mondo insieme al Boca Juniors quindi non avete un primato solitario,precisiamo!

  • #18

    Scettico (martedì, 25 gennaio 2011 16:42)

    E basta con questo barsport risparmiatecelo...

  • #19

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 16:45)

    Non ricordo se siamo a pari col Boca, comunque siamo sempre in cima.
    Non venirmi a parlare di ricordi, che fino all'anno scorso i tuoi erano tutti in bianco e nero e pellicole consumate dalla vecchiaia...ahah...e comunque gira che ti gira il decennio che che si è appena concluso vede il seguente risultato per quanto riguarda le Coppe dei Campioni:
    Milan 2
    Inter 1

    Scusate tutti per gli Ot, ma io e Daniele abbiamo trovato un modo simpatico per ingannare il tempo in attesa che arrivino gli effetti dell'esplosione di Betelguese :)

  • #20

    Nicklespaul (martedì, 25 gennaio 2011 18:08)

    Ma guarda te se devo venire a leggere di calcio su un sito ufologico...

  • #21

    rigel (martedì, 25 gennaio 2011 18:17)

    ma se la stella fosse già esplosa 639 anni fa noi lo scopriremo solo l'anno prossimo?

  • #22

    Lorenzo (martedì, 25 gennaio 2011 18:30)

    Va beh, attenderemo i re magi un'altra volta.

  • #23

    frames (martedì, 25 gennaio 2011 18:45)

    sembra che anche gli umani abbiano problemi nel computare le date

  • #24

    Mezzuka (martedì, 25 gennaio 2011 18:50)

    @ rigel - Sì, dista 640 anni luce pertanto noi vediamo la sua luce partita dalla stella 640 anni fa. Betelguese è già probabilmente esplosa come dici tu 639 anni fa, la luce dell'esplosione arriverà a noi probabilmente tra un anno (ammettendo che i calcoli siano attendibili) anno più anno meno ...speriamo accada presto :-)

  • #25

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 19:02)

    Rigel ha fatto una domanda sensata secondo me, però la risposta potremmo averla solo nel momento in cui vedremo l'aumento di luminosità per la prima volta.
    Tuttavia non credo che si possa calcolare con molta precisione quando ciò avverrà. Un anno terrestre rappresenta per la vita di una stella quello che un secondo rappresenta per la vita di un uomo.

  • #26

    Mezzuka (martedì, 25 gennaio 2011 19:29)

    sono d'accordo, ma credo che abbiano calcolato in funzione della variabilità e instabilità gravitazionale.
    Pare infatti che negli ultimi decenni Betelgeuse abbia ridotto le sue dimensioni in modo considerevole. Si parla di contrazione della massa causata dal imminente collasso gravitazionale che la porterà al suo ultimo atto. Quindi diciamo che teoricamente si può stimare, praticamente dovremo attendere di vederlo ;-)

  • #27

    Marco V (martedì, 25 gennaio 2011 19:39)

    Sì Mazzuka, hai ragione, però possono passare un paio d'anni come un paio di secoli...
    io spero accada presto, è uno spettacolo che non mi voglio perdere.
    :)

  • #28

    Galimede (martedì, 25 gennaio 2011 19:55)

    Perchè la stella sia visibile nel nostro cielo dovrebbe essere esplosa nel medioevo tempo terrestre. Ecco che nel giro di una decina d'anni dovremmo poter assistere allo spettacolo.
    In realtà Brad Carter potrebbe anche prenderci, statisticamente nulla vieta che sia proprio il prossimo anno quello buono perchè ci arrivi la sua luce.
    Statisticamente è possibile.

  • #29

    Daniele (martedì, 25 gennaio 2011 22:47)

    Marco V fidati siete pari con il Boca,18 trofei a testa! cmq passi x il totale delle Champions aggiornate allo scorso anno,ma x gli Scudetti ahimè siete sotto! vabbè alla fine ognuno ha la proprio fede ed è giusto così! dai Marco appuntamento al 3 Aprile...derby di ritorno!

  • #30

    Bruno (martedì, 25 gennaio 2011 23:54)

    Adesso che gli stanno smontando una ad una le teorie Maya ne hanno trovata un' altra, eneesimo modo per far parlare gli inascoltabili... che seccatura questi palloni gonfiati, cosa ci provino ad alimentare psicosi di massa non si sa !!

  • #31

    Mei (mercoledì, 26 gennaio 2011 00:37)

    aaah non avevo capito il discorso delle date! considerato che Orione è la mia costellazione preferita, sarà un spettacolo vederla *___*

  • #32

    KOSLINE (mercoledì, 26 gennaio 2011 21:53)

    ASTROFISICO BENVENUTI RISPONDE AL FISICO CARTER


    " Che esploda come supernova è sicuro, ma sapere quando accadrà è una sciocchezza», chiarisce Piero Benvenuti, professore di astrofisica all'Università di Padova e presidente dell'Inaf (istituto nazionale di astrofisica) fino al 2007. Cosa succede? «Si esaurisce la sorgente, il combustibile nucleare che si trova all'interno della stella. Questa collassa e i materiali che la compongono vengono proiettati verso l'esterno creando una sfera di fuoco che si allarga a una velocità di 5, 10 mila chilometri al secondo». Nel caso di una stella come Betelgeuse, «relativamente vicina - spiega Benvenuti -, l'evento sarebbe visibile anche di giorno. Ma sarebbe davvero difficile definirlo come "secondo sole". Esiste comunque una grande distanza. Basta pensare che la luce del sole arriva sul nostro pianeta in 8 minuti, mentre, quella di Betelgeuse, adesso e quando sarà supernova, ci metterà 640 anni. Dal punto di vista scientifico è una grande opportunità di studio. È raro vedere un'esplosione galattica».

    Videro brillare una stella gigante di giorno i cinesi nel 1054: «Era nella nostra galassia, nella costellazione del Granchio - ricorda il professore -. Nel 1572 il danese Tycho Brahe ne osservò una e nel 1604 Giovanni Keplero e Galileo Galilei ne videro un'altra a occhio nudo». Dove finisce la materia stellare? «Un'enorme quantità di neutrini - continua - passa a velocità della luce in tutte le direzioni, arriva sulla Terra senza trovare ostacoli. E gli elementi chimici interni alla stella vengono espulsi, ma nel caso della stella Betelgeuse non ci raggiungeranno mai perché viaggiano a una velocità inferiore della luce. Arriveranno radiazioni energetiche, raggi gamma, X e ultravioletti. Ma prima di toccare la superfice della terra verranno assorbiti dall'atmosfera». Al di là della scienza e dell'astronomia. Una volta di più una fa notizia la data 2012: «DIFFONDERE TERRORE - conclude BENVENUTI - è un modo criminale di divulgare la scienza». "

    CONCORDO PIENAMENTE COL PROF BENVENUTI ...!!!!

  • #33

    Marco V (giovedì, 27 gennaio 2011 01:01)

    Bella Kosline, ottimo contributo.

  • #34

    Mezzuka (giovedì, 27 gennaio 2011 14:39)

    Concordo con voi nel affermare che con il 2012 (inteso come D-Day) non avrà nulla a che fare!! in questo caso (ammesso che l'esplosione sarà visibile in quell'anno) sarebbe semplicemente una data, nulla più!!
    Sarà, quando accadrà, semplicemente un evento magnifico per l'osservazione!

  • #35

    ANONIMO (sabato, 29 gennaio 2011)

    Io ho letto che il fenomeno durerà solo pochi secondi.....chi sa di più?

  • #36

    Marco V (domenica, 30 gennaio 2011 10:55)

    Anonimo non ti preoccupare. L'esplosione di Betelguese sarà visibile per mesi, anche di giorno...

  • #37

    PUCCHIACCA (mercoledì, 23 marzo 2011 14:09)

    SPETTA CULO OH PARDON SPETTACOLO DA NON PERDERE? IO L'HO GIA VISTO

  • #38

    Marcello (martedì, 12 giugno 2012 11:25)

    Non è che la velocità della luce è una sola e invariable?