Tramonto marziano: la Nasa diffonde immagini spettacolari

Il cielo di Marte non è poi così diverso da quello terrestre mentre il Sole saluta l'orizzonte. La Nasa ci ha fatto un meraviglioso regalo di Natale, catturando nello Spazio, a 355 milioni di chilometri di distanza da noi, le immagini del tramonto sul pianeta rosso e diffondendole nella sezione del California Institute of Technology. Lo stesso istituto ha dato la vita  alla sonda NASA Mars Odyssey, che ha permesso di sviluppare la più accurata mappa globale marziana che mai sia stata fatta. Una mappa a disposizione però non solo dei ricercatori, ma anche del pubblico, che può così esplorare e compiere indagini su tutta la superficie del pianeta rosso. A seguire il video del tramonto marziano!

Il video qui sotto è stato realizzato utilizzando le fotografie scattate in sequenza dal Mars Exploration Rover Opportunity nei giorni del 4 e del 5 novembre. La sonda automatica della NASA ha ripreso il cielo marziano al momento del tramonto. Il pallino bianco che si sposta verso il basso lungo la linea dell’orizzonte è il Sole, intento a terminare una giornata sul pianeta nel suo moto apparente. La sequenza è durata complessivamente 17 minuti, compressi dai tecnici della NASA in una simulazione che dura una trentina di secondi.

Per realizzare gli scatti, Opportunity ha utilizzato tre diversi filtri: uno studiato apposta per riprendere il Sole da Marte e due per raccogliere le informazioni sui colori (le immagini arrivano in bianco e nero sulla Terra). Le immagini sono state poi combinate con altre fotografie scattate in momenti diversi dal rover, così da ottenere informazioni più dettagliate sulla quantità di polveri nella bassa atmosfera di Marte. Il risultato finale è il video più lungo e accurato fino a ora realizzato dalla NASA per ricostruire un tramonto marziano.

Opportunity si trova sul pianeta dal 2004 e, insieme al proprio rover gemello Spirit, ha raccolto una enorme mole di dati e ha scattato quasi 250mila fotografie di Marte.

Scrivi commento

Commenti: 9
  • #1

    LORENZO M. (lunedì, 27 dicembre 2010 08:39)

    Spero che un giorno possa vederlo con i miei occhi un tramonto su marte.

  • #2

    Alfredo (lunedì, 27 dicembre 2010 11:02)

    Affascinante...

  • #3

    Ulisse (lunedì, 27 dicembre 2010 15:22)

    Sembra il deserto del Sahara...fantastico...

  • #4

    Ilaria (lunedì, 27 dicembre 2010 16:44)

    Ma il cielo di marte non doveva essere ambrato o color ruggine...illuminatemi... O_o

  • #5

    LORENZO M. (lunedì, 27 dicembre 2010 21:50)

    Si ma i raggi del sole riflettendo con l'atmosfera marziana danno una colorazione azzurra al cielo dove i raggi sono quasi perpendicolari al nostro punto di vista.Se ci fai caso infatti le zone lontane(tra virgolette) al sole che tramonta sono arancioni-marroni.Per rendere l'idea lo stesso effetto accade sulla terra al tramonto quando le nuvole e il cielo si dipingono di rosso.

  • #6

    Ilaria (lunedì, 27 dicembre 2010 23:08)

    Grazie lorenzoM per la spiegazione!
    SMUAK

  • #7

    Pollicina (lunedì, 27 dicembre 2010 23:15)

    La persona che andrà su Marte è già nata !!!

  • #8

    anonimo2 (mercoledì, 29 dicembre 2010 01:19)

    lorenzo io non ci ho capito niente della tua spiegazione O_o

  • #9

    LORENZO M. (mercoledì, 29 dicembre 2010 13:16)

    A cose normali il cielo su marte e arancione come sulla terra è azzuro,ok?Il cielo si presentava più scuro e marrone nel video a causa dell'assenza di luce solare e probabilmente anche a causa della sublimazone del diossido di carbonio(CO2).Gli strati dell'atmosfera che venivano colpiti dai raggi solari quasi PARALLELI ad essa,e PERPENDICOLARI al nostro punto di vista conferivano quel colore azzurro al sole e alla zone circostante mentre i raggi solari solitamente non colpiscono l'atmosfera in quel modo(eccetto ai poli) ma arrivano a terra dopo aver attraversato vari gas tra cui l'anidride carbonica,l'azoto e l'ossigeno per cui il colore risultante è sull'arancione normalmente.Per farla breve la differenza di colore e dovuta differenze di rifrazione dei gas atmosferici.Spero che stavolta abbia chiarito i tuoi dubbi :).