2010: Un anno di Ufo da ripercorrere insieme.

Il 2010 sta per finire e si può provare a fare un bilancio di quest'anno ufologico che sta per chiudersi. Ci sono moltissime cose buone e qualcuna meno piacevole tra le notizie che si sono susseguite in questi 12 mesi. Partiamo dal fatto che c'è stato un significativo incremento della presenza di notizie ufologiche sui media, sopratutto statunitensi. Mai si era visto un così ampio spazio dato agli avvistamenti da parte di reti "serie" e allnews come SkyUk, CNN, FoxNews e CNBC. Ma questo sarà anche ricordato come l'anno d'oro dei cerchi nel grano italiani, delle conferenze stampa Nasa, mai come in questi ultimi periodi al centro delle cronache di giornali, web e televisione, e sopratutto dei pianeti simili alla Terra scoperti da Hubble. Rivediamo tutto quello che è successo in questo 2010 che giunge al termine.

Decine di nuovi pianeti "abitabili" i gemelli della Terra sempre più numerosi. E si apre l'era degli Esopianeti.

 

Uno studio britannico coordinato da Jay Farihi, dell’università di Leicester, presentato a Glasgow nell'Aprile 2010, dove è in corso il convegno britannico di astronomia, sostiene che nella Via Lattea ci siano dei pianeti rocciosi e ricchi di acqua come la Terra e potrebbero ospitare anche forme di vita elementari. Gli autori della ricerca sono partiti dall’analisi delle nane bianche presenti nella nostra galassia: queste sono resti compatti di stelle una volta grandi come il Sole e che dovrebbero avere un’atmosfera composta essenzialmente di idrogeno puro o elio puro.

 

Gliese 581

Ad ottobre altra notizia che crea grandi aspettative. Un pianeta che probabilmente ospita la vita. Lo hanno scoperto due astronomi specializzati nella ricerca di pianeti, Steve Vogt dell’Università di California a Santa Cruz, e Paul Butler della Carnegie Institution di Washington. I due ricercatori hanno avuto il supporto di una squadra di astronomi svizzeri, che li hanno aiutato nei loro calcoli. E sono calcoli complicatissimi, che si basano in gran parte sui lievissimi spostamenti delle stelle che provano l’esistenza di una forza gravitazionale esercitata dai pianeti. Insomma Gliese 581 è un'altra Terra, e come logica conseguenza avrà i suoi abitanti. Magari non nella forma di un essere umano, magari neanche nella forma di qualche animale terrestre. Ma a venti anni luce dal nostro pianeta, c’è un altro pianeta che ha «il cento per cento delle possibilità di aver sviluppato la vita». E' questo corpo celeste che sta causando un’eccezionale ondata di entusiasmo nel mondo scientifico. Ora non bisogna fermarsi e andare fino in fondo.


La super Terra dove c'è vapore acqueo.

E arriviamo a dicembre. Scoperto un pianeta roccioso e ricoperto da nubi di vapore d'acqua e polvere. Il suo nome è GJ 1214 b e non fa parte del nostro Sistema solare, ma ruota attorno a una piccola stella a 40 anni luce da noi. È una "super-Terra", ossia un pianeta di dimensioni e massa simile al nostro. Una vecchia conoscenza, nel campo dei pianeti extrasolari, di cui oggi conosciamo oltre 500 esemplari, perché è stato scoperto fra i primi, nel 1999. Quel che da oggi lo rende letteralmente unico è che sappiamo tutto, o quasi, sulla sua atmosfera, ed è la prima volta che si è in grado di osservarla attorno a una super-Terra, un risultato veramente rilevante.

Gli Ufo sbarcano alla maturità

 

Una bella sorpresa ha accolto gli studenti che si apprestavano ad affrontare la loro maturità 2010. Il ministero dell'istruzione ha inserito tra le tracce oggetto d'esame, anche un tema che ci rende felici: La ricerca di vita extraterrestre. Nel dettaglio la maturità prevedeva Primo Levi per l'analisi del testo, le foibe per il tema storico, il ruolo dei giovani nella politica. Ma ecco spuntare l'interrogativo 'Siamo soli?' quello che tra i maturandi viene definito 'il tema sugli Ufo'. Ora sarebbe troppo facile cercare un motivo di natura scientifica o una precisa volontà di sdoganare un tema così spinoso. Resta un'indicazione che ha avuto il gradimento degli studenti, e che sembra essere tra le preferite dai maturandi.

Il tema che pone l’inquietante interrogativo «Siamo soli?» offre ai candidati un nutrito pacchetto di documenti che spaziano dal campo della filosofia a quello della scienza, proponendo scritti di Kant e di Stephen Hawking.

Estate 2010: anno d'oro dei cerchi nel grano italiani
A Poirino (Torino) il crop dei record

 

Poirino, paese in provincia di Torino ha regalato il 13 Giugno 2010 un cerchio nel grano di rara bellezza. Nel fine settimana, infatti, nelle campagne  di questo ridente paesino ha fatto la propria comparsa un enorme cerchio nel grano, il più grande mai comparso in tutta Italia. E definirlo semplicemente cerchio è davvero riduttivo: siamo infatti davanti a una specie di enorme fiore a sei petali, composto da ellissi e più di un centinaio di cerchi dai diametri più disparati. Complessivamente, l’area occupata è di circa 150 per 150 metri. Dall'alto la formazione risulta perfetta e da del filo da torcere ai crop circles inglesi, regalando un'opera d'arte veramente maestosa. Non è la prima volta che in questo paesino si fanno vivi i cerchi nel grano, già nel 2006 e nel 2007 si erano registrati altri crop.

L'anno di Stephen Hawking, l’astrofisico britannico ne dice di tutti i colori

  • Ad Aprile la prima sparata: Gli alieni? Certo che esistono, è quasi sicuro.
  • Parola di Stephen Hawking, l'astrofisico britannico famoso per le sue tesi spesso anticonformiste. Lo scienziato però avverte: l'umanità non deve in nessun caso entrare in contatto con loro - ciò potrebbe essere devastante. La star della fisica presenta in un nuovo documentario tv i suoi pensieri sull'universo e le forme di vita extraterrestri, e le sue parole come sempre non sono banali, e mostrano una vera apertura sull'esistenza di vita oltre il nostro mondo terrestre.
  • Ad Agosto: Per evitare l'estinzione, nei prossimi 200 anni la razza umana dovrà colonizzare lo spazio. La Terra, infatti, rischia il disastro già nel prossimo secolo e in un futuro più lontano questo rischio aumenterà ulteriormente. Per salvarsi l’uomo dovrà per forza abbandonare il proprio pianeta natale. «La razza umana non deve mettere tutte le sue uova in un solo paniere nè su un solo pianeta», ha ammonito lo scienziato in un’intervista messa in rete da "Big Think", un sito Internet creato «per relazionare uomini e idee».
  • A settembre: Non c’è bisogno di un Dio creatore dell’universo. Anzi il creatore non ha niente a che vedere con il mistero della nascita della vita. Lo dice Stephen Hawking, il più famoso degli astrofisici, già titolare della cattedra che fu di Newton. E’ la tesi del suo ultimo libro, The grand design, il grandioso progetto, in uscita il 9 settembre.

Luglio 2010 - Sulla Luna c'è acqua


Sulla Luna c’è un’enorme quantità di acqua, o meglio di gruppi ossidrilici legati all’interno di un minerale lunare – l’apatite – riportato Terra con una delle missioni Apollo. È quanto si legge sull’ultimo numero di Nature in un articolo firmato da ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) e dell’Università del Tennessee. Finora era opinione comune che la Luna fosse priva di materiali idratati, e invece non è così”. Ad ottobre arrivano altre conferme: su Science  vengono pubblicati i risultati delle analisi sulla composizione del suolo lunare: presenti i mattoni della vita e i metalli preziosi, ma gli americani oggi non hanno soldi neanche per una missione con l'uomo. La Nasa tuttavia gioisce: il ghiaccio è una risorsa, si può pensare a una base spaziale. Dunque ci sono voluti più di cent'anni ma l'ente spaziale americano conferma: la Luna, come cantava Gabriele D'Annunzio, è davvero d'argento.

L'ONU e l'ambsciatore degli Alieni, tra smentite e conferme

 

Le Nazioni Unite hanno nominato a settembre un loro ambasciatore che avrà il compito di occuparsi delle relazioni con gli alieni. L’incarico sarà affidato a Mazlan Othman, ora a capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari dello Spazio Extra-atmosferico (UNOOSA).

L’UNOOSA è stato istituito nel 1962 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ha sede a Vienna e si occupa principalmente di supervisionare i programmi spaziali delle nazioni che fanno parte dell’ONU. L’istituzione tiene e aggiorna anche il registro degli oggetti spaziali lanciati nello spazio come sonde, satelliti, astronavi e basi spaziali orbitali. Negli anni della Guerra Fredda l’UNOOSA offriva qualche garanzia anche sullo sviluppo pacifico dei programmi spaziali, monitorando la corsa allo spazio delle due

Filmati ufo, scoppia la bagarre.

 

New York, El Paso, Londra, Cina. Se queste quattro località non vi dicono niente prendete carta e penna e segnatevele. Sono per alcuni i posti prediletti dagli alieni per palesarsi al mondo. Nell'ultima decade si ottobre infatti abbiamo assistito ad un'intensificazione del fenomeno ufo, con filmati girati da amatori che hanno attirato l'attenzione di mezzo mondo. In tutto questo si inserisce la previsione fatta dall'organismo che sorveglia i cieli del Nordamerica, il NORAD che aveva previsto il 13 Ottobre 2010 ( data già famosa per le apparizione di Fatima), la data dell'arrivo di una flotta di veicoli extraterrestri, che si sarebbero librati in volo per ore sui cieli delle principali città della terra. Tutto questo per una volta ha avuto un seguito e gli avvistamenti sono avvenuti.

Il Buco Nero fa il giro del mondo

 

Il 15 Novembre 2010, la nasa convoca una conferenza stampa dai toni misteriosi, si parla di una scoperta eccezionale, e la rete si scatena. Dopo viene vvelato il mistero, niente pianeta X, come era normale, prevedibile e forse intuibile al netto dell'eccitazione mediatica. Gli astronomi utilizzando "Chandra X-ray Observatory" hanno trovato prove dell'esistenza del più giovane buco nero nel nostro vicinato cosmico.  Il buco vecchio di 30 anni, fornisce un'opportunità unica per vedere il tipo di oggetto in questione svilupparsi dalla prima infanzia e potrebbe aiutare gli scienziati a capire meglio come le stelle massicce esplodendo lascino buchi neri o stelle di neutroni. L'oggetto  è un residuo di SN 1979C, una supernova nella galassia M100 circa 50 milioni di anni luce distante dalla Terra.  I dati di Chandra, il satellite Swift della NASA, l'Agenzia spaziale europea di XMM-Newton e l'osservatorio ROSAT tedesco, hanno rivelato una fonte luminosa di raggi X che è rimasta costante durante l'osservazione 1995-2007. Ciò suggerisce che l'oggetto sia un buco nero alimentato da materiali rientranti in esso dalla supernova o da una compagna binaria.

A Novembre Denver alle urne per la commissione extraterrestre: Bocciata.

 

Gli elettori di Denver si sono recati alle urne, per esprimere il loro voto su una commissione che indaghi sugli Ufo. Sulla scheda elettorale si doveva scegliere se dare il via alla creazione di un "pannello" di sette persone che studieranno gli oggetti volanti non identificati e la vita extraterrestre. 

Jeff Peckman, l'imprenditore di Denver che ha condotto la campagna, ha detto che l'iniziativa di Denver 300 puntava a formare una commissione degli Affari Alieni responsabile della raccolta e condivisione di elementi di prova che gli extraterrestri stanno visitando la Terra, valutando i rischi e i benefici di un contatto con gli Alieni. Ma il risultato è stato deludente: mozione bocciata.

Novembre 2010 -  L'alieno che "nuota" nell'arsenico

 

Un 'alieno esiste ed è già fra di noi: per essere precisi, sul fondo di un lago californiano dove i ricercatori della Nasa hanno scoperto un batterio con un metabolismo basato sull'arsenico. In realtà, il termine "alieno" va preso con le molle: è uno dei tanti batteri "estremofili", in grado cioè di sopravvivere in condizioni che - per gli esseri umani e la maggior parte degli organismi terrestri - sarebbero inospitali quando non fatali. Tuttavia, si tratta del primo caso in cui l'arsenico viene preso come componente fondamentale per lo sviluppo di un organismo: fino ad oggi la vita era sempre risultata dipendere da altri elementi quali carbonio, idrogeno, azoto, ossigeno, zolfo e fosforo, elemento quest'ultimo affine come caratteristiche chimiche all'arsenico. Proprio la possibilità di un intercambio tra fosforo e arsenico (che negli esseri umani funziona solo imperfettamente, di qui l'effetto tossico) aveva dato luogo al progetto di ricerca, incentrato sul lago Mono, che presenta concentrazioni elevate di sali e di arsenico. Il prelievo di un campione di sedimenti, immerso in una soluzione di arsenico e (poco) fosforo, ha prodotto un solo sopravvissuto, un batterio battezzato come Gfaj-1; si tratta in realtà di un microrganismo già noto, ma che fino ad ora non aveva mai dimostrato di poter sopravvivere anche in un ambiente a priori ostile. Questo apre nuove prosepttiva anche in ambito extraterrestre, perchè è la prova che la vita si può sviluppare in contesti fin'ora ritenuti inospitali a priori.

Insomma un anno pieno, meraviglioso e stimolante, restiamo in attesa di qualcosa di più concreto, un giorno sarà infine l'anno del contatto? Per ora aspettiamo.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Ulisse (giovedì, 16 dicembre 2010 23:40)

    Un anno tutto sommato pieno di notizie incredibili, forse quella che ha colpito di meno è la più importante, cioè la scoperta di tanti pianeti abitabili o potenzialmente simili alla terra.

  • #2

    Fire (venerdì, 17 dicembre 2010 13:57)

    Per la Redazione: occorre fare una precisazione sugli avvenimenti del 13 Ottobre.Nel articolo c'è scritto "In tutto questo si inserisce la previsione fatta dall'organismo che sorveglia i cieli del Nordamerica, il NORAD che aveva previsto il 13 Ottobre 2010..., la data dell'arrivo di una flotta di veicoli extraterrestri". In realtà si è trattato di un ex del NORAD,a fare questa previsione non l'ente in se. Fosse stato davvero il NORAD a dirlo sarebbe stata la notizia del secolo!

  • #3

    Thomas88 (venerdì, 17 dicembre 2010 14:10)

    Moltissime notizie veramente interessanti in questo 2010!

  • #4

    Raffaele (venerdì, 17 dicembre 2010 14:15)

    io sono stato a visitare il cerchio di Poirino ed era uno spettacolo, porterò per sempre il ricordo con me, ti concilia con il tuo spirito quell'opera d'arte spirituale. Non so se a farlo siano uomini o alieni ma c'è qualcosa di magico a stare li in mezzo e chi non lo capisce peggio per lui non riesce a godersi la vita e il mistero dell'ignoto

  • #5

    LORENZO M. (venerdì, 17 dicembre 2010)

    Concordo con Fire.Il giorno che il NORAD farà un annunciò del genere mi tufferò nella neve in mutande XD.