L'Osservatore Romano cerca fratelli alieni: amplieranno gli orizzonti

La vita Extraterrestre interessa alla Chiesa, non è una novità. Non deve sorprendere dunque l'editoriale dell’Osservatore Romano sulle recentissime scoperte riguardo forme di vita "aliene" annunciate dalla Nasa. Il giornale del Vaticano pubblica un editoriale firmato da padre Josè Gabriele Funes direttore della Specola vaticana, gesuita argentino, 47 anni, dal 2006 capo degli astronomi del Papa nella sede del Palazzo apostolico di Castel Gandolfo. Nel testo, già leggibile in Pdf sul sito dell’Osservatore romano, intitolato ‘Se qualcuno respira arsenico‘, si lancia nell'analisi del batterio capace di vivere attraverso l’arsenico e su un’altra notizia dell’esistenza di un pianeta, molto più grosso della Terra, dove le temperature e il vapore acqueo formato da nubi densissime indicherebbero un potenziale di vita extraterrestre. L'astronomo papale si interroga su quali sono i mondi possibili e  che tipo di esseri viventi dobbiamo cercare. 

Dalle nuove scoperte, commenta, indubbiamente verrà un allargamento dei ''nostri orizzonti concettuali''. Verranno domande sui pianeti e le galassie e su cosa sia un essere vivente. Ma se cerchiamo nuove forme di vita, ''dobbiamo almeno sapere cosa cercare, cioè definire cosa è un essere vivente'', quindi si allargheranno ''i nostri orizzonti concettuali''. ''E chissà se, - è la conclusione - in una lontanissima galassia ellittica, qualcuno che abita su una 'super terra' orbitante intorno a una 'nana rossa' e respira arsenico, in questo momento si sta facendo le stesse domande''. Padre Funes, che da buon gesuita spazia senza problemi dalla astrofisica alla teologia, nel 2008 ha affrontato proprio con l'Osservatore romano una serie di questioni sulla ipotesi di esseri viventi extraterrestri: sarebbero compatibili con la fede in Dio e non è detto che dovrebbero aver bisogno della redenzione. E un anche se molti scienziati fanno professione di ateismo, non è vero che l'astronomia favorisce una visione atea: una trentina di crateri della luna portano i nomi di antichi astronomi gesuiti, un asteroide del sistema solare e' stato intitolato al suo predecessore alla Specola, padre George Coyne. Padre Funes dunque non è impreparato a dialogare con il fratello che respira arsenico, per vedere se anche lui si pone gli stessi quesiti.

 ''L'astrofisica - commenta Funes, che è direttore della Specola vaticana – è una scienza che riserva sempre sorprese. La ricerca esige uno sforzo quotidiano, spesso nascosto, ma non di rado viene premiata con risultati significativi''. Quindi l'astronomo pontificio da' conto delle scoperte di questi giorni. Le ''nane rosse'' portano con sé l'ipotesi che ci siano altre galassie e altri pianeti. ''La comprensione della formazione di altri sistemi stellari - commenta Funes - ci aiuterà a capire meglio la formazione del nostro. E forse ci consentirà di arrivare a un modello che permetta di spiegare in un modo universale la formazione dei pianeti che orbitano intorno ad altre stelle''. Ma lo studio di pianeti extrasolari con atmosfera ''ripropone la domanda sulla possibilità di vita nell'universo''. E qui entra in gioco la seconda scoperta, quella del ''primo microrganismo conosciuto capace di crescere e riprodursi utilizzando una sostanza tossica come l'arsenico''. Questo essere vivente sostituisce l'arsenico al fosforo nei componenti delle cellule. In poche parole, è un microbo che respira arsenico. 'E’ evidente - rimarca l'astronomo vaticano - che se cerchiamo forme di vita nell'universo, dobbiamo almeno sapere cosa cercare: cioè definire che cosa è un essere vivente. Questa nuova scoperta sicuramente contribuirà ad allargare i nostri orizzonti concettuali in materia''. ''E chissà se, - è la conclusione - in una lontanissima galassia ellittica, qualcuno che abita su una super terra orbitante intorno a una nana rossa e respira arsenico, in questo momento si sta facendo le stesse domande''.

Scrivi commento

Commenti: 23
  • #1

    Ekto (lunedì, 06 dicembre 2010 14:56)

    La chiesa cambia idea a seconda di ciò che + gli conviene da sempre.
    Prima hanno ucciso e messo sulla graticola una moltitudine di persone perchè andavano contro i crismi della chiesa, non ultimo giordano bruno che guarda caso profetizzava la pluralità dei mondi e della vita in questi, anch'egli messo al rogo. Ora che non hanno scappatoglie perchè sempre + prende corpo la realtà che non siamo soli nel creato, parla di apertura verso le nuove rivelazioni e dice che "gli extraterrestri sarebbero compatibili con la fede in Dio". La favola che i figli di dio erano stati fatti a sua immagine e somiglianza non vale + ? Ma che strano, ora pure la bibbia si rimangiano, ridicoli.

  • #2

    Ulisse (lunedì, 06 dicembre 2010 15:06)

    Questi preti sono incredibili, conservatori su tutti i temi etici e poi sull'ufologia buttano giù ragionamenti possibilisti che neanche gli scienziati più aperti mentalmente. Vabbè butta bene, almeno sugli ufo possiamo stare tranquilli.

  • #3

    Redentore (lunedì, 06 dicembre 2010 15:26)

    Tacete pagani che siete polvere e polvere ritornereteee. vergonatevi!!!
    Dio ha creato voi, il mondo e l'universo, adamo ed eva e Dio decidera se e quando farci parlare con altri suoi figli. Servi del demonio non sfidate la collera dell'Altissimo

  • #4

    saturn_3 (lunedì, 06 dicembre 2010 15:32)

    Beh sarebbe ora che aprissero i loro orizzonti.. Già Mons. Balducci gettò le basi per far sì che finalmente anche la Chiesa non rimanga ancorata al medioevo. Certo, si sa, quell'ambiente è sempre stato pieno di contraddizioni. Prima tornano alla messa in latino e poi guardano al futuro (o a un possibile futuro contatto) e cercano di aggiornarsi. Meglio tardi che mai...

  • #5

    Yale (lunedì, 06 dicembre 2010 15:35)

    Redentore ma va a cagar.-.---

  • #6

    Libeccioforte (lunedì, 06 dicembre 2010 16:00)

    Nella sola Via Lattea esistono centinaia di milioni di luoghi potenzialmente adatti alla vita, tenendo presente che la Via Lattea è la nostra galassia e che di galassie nell’Universo ce ne sono a miliardi. Il Vaticano dice cose logiche e forse si prepara a spiegare in caso di arrivo Alieno come mai tante cose che ci dicono si rivelerebbero quantomeno bizzarre. Se infatti noi siamo creati a immagine e somiglianza di Dio, come potrebbero spiegare vita in altre forme, o in altri concetti.., sarebbe dura

  • #7

    Daniele (lunedì, 06 dicembre 2010 16:07)

    Ragazzi dobbiamo essere contenti,anche se la Chiesa da sempre va dove gli conviene è cmq una buona notizia che un organizzazione cosi forte e influente esca allo scoperto dicendo che è possibile l'esistenza degli extraterrestri! insomma poi se sono vere le notizie che trapelano sul fatto che la Chiesa abbia dei megatelescopi rivolti verso lo SPAZIO aperto...

  • #8

    Occhi di gatto (lunedì, 06 dicembre 2010 17:38)

    Mi sembra un articolo ottimo quello dell'osservatore romano, inutile girarci intorno. Vorrei leggerlo su riviste del settore, che sono in mano a parruconi scettici.

  • #9

    genio (lunedì, 06 dicembre 2010 17:48)

    La Scienza è come l'acqua di un ruscello, niente la può fermare ...

  • #10

    Scettico (lunedì, 06 dicembre 2010 17:52)

    Occhi di gatto: Ah bè ora l'O.R è diventato il simbolo della modernità scientifica... come no...e i parrucconi sono gli altri. A volte non capisco come si possano partorire simili ragionamenti!

  • #11

    saturn_3 (lunedì, 06 dicembre 2010 17:54)

    C'è da dire che padre Funes ha già rilasciato parecchie interviste nelle quali ha dichiarato la sua convinzione riguardo la vita e.t. nell'universo. Ora si aggiunge un altro tassello e cioè che possano esistere esseri che per crescere e riprodursi utilizzano una sostanza tossica come l'arsenico. Questa è una grandissima affermazione che va controcorrente; e come dice Libeccioforte sarà dura per il Vaticano accettare che esistano creature non proprio uguali a noi che siamo stati creati a immagine e somiglianza di Dio.

  • #12

    genio (lunedì, 06 dicembre 2010 18:09)

    Prima o poi se ne accorgono tutti che è inutile cercare di arginare l'acqua di un ruscello !!

  • #13

    Danilo (lunedì, 06 dicembre 2010 19:32)

    @saturn...non preoccuparti, con le parole riusciranno a ribaltare qualsiasi cosa, tipo: Siamo stato creati a immagine e somiglianza "spirituale" di Dio.

  • #14

    saturn_3 (lunedì, 06 dicembre 2010 21:17)

    Staremo a vedere. Sicuramente saranno in molti a dover cambiare la propria opinione... Sempre che succeda qualcosa di eclatantre. Per quanto mi riguarda non ho bisogno di prove. Ho già visto delle cos in cielo che non sono riconducibili ad aerei, satelliti, palloni sonda, venere ecc.. Vorrei solo capire cosa vogliono...

  • #15

    Stefano (lunedì, 06 dicembre 2010 23:12)

    be genio...mettici una diga e fermerai il ruscello

  • #16

    genio (martedì, 07 dicembre 2010 08:19)

    Be stefano, prima o poi la diga si riempie, l'acqua deve uscire.
    L'acqua è la scienza : non si ferma e scopre sempre cose nuove.
    Bisogna stare al passo coi tempi, ma soprattutto non cercare di creare
    ostacoli e di questo la chiesa se n'è accorta (finalmente).
    Poi, l'universo è immenso e la vita si adegua ad ogni realtà, se sia
    intelligente o meno ... lo scopriremo.

  • #17

    Sirio (martedì, 07 dicembre 2010 10:04)

    Quando dicono che siamo stati creati a immagine e somiglianza di dio è ovvio che si intende in maniera "spirituale"! E cmq per quanto ne so, potrebbe esistere una divinità per ogni sistema solare.. è una possibilità.

  • #18

    Helion (martedì, 07 dicembre 2010 15:22)

    I preti non fanno mai nulla per caso..

  • #19

    Marco (mercoledì, 08 dicembre 2010 02:49)

    ma dai la chiesa ha solo ufficializzato ciò che fà da tempo e chissà cosa ha già scoperto ma non vuole rivelare! la chiesa non fà mai niente per niente quindi è evidente che c'è un qualche tipo di interesse che li spinge a tali ricerche! sono solo degli ipocriti..

  • #20

    Carlo Montanari (mercoledì, 08 dicembre 2010 11:03)

    sono promotore di una ricerca sul fattore C la Celeritas latina al 6° capitolo
    sulle stringhe con seguito del 7° sulle superstringhe e 8° sulle d-brane per
    dire che alieni o ufo potrebbero essere il traguardo di civiltà avanti a noi
    di soli qualche decina di centinaia di anni con progressi in teorie di
    teletrasporto basate su ricerche più illuminate e meno conservatrici delle ns
    per esempio con velocità assolute di gran lunga maggiori della ns o dimensioni
    maggiori delle ns 26 + 1 con il fattore tempo in più espressioni e non singola
    per esempio una gravitazione associata al concetto di tempo o un fattore n
    moltiplicativo del tempo in espansione

  • #21

    max (mercoledì, 08 dicembre 2010 21:11)

    amici il vaticano sa già che ci sn gli alieni sulla terra, ma purtroppo dicono che nn siamo ancora pronti ad accettare la realtà e ci nascondo tutto........

  • #22

    wefrah (mercoledì, 08 dicembre 2010 23:49)

    redentore scattatela nel culo mongoloide

  • #23

    genio (venerdì, 10 dicembre 2010 08:20)

    Carlo Montanari, sapevo delle "autostrade" nell'universo (flussi magnetici)
    dei motori ad antimateria (prossimo futuro) della teoria sul teletrasporto
    che ci porteranno a superare la velocità della luce che a noi umani ci sembra
    oggi un limite irraggiungibile, ma se pensiamo alle "previsioni" di Leonardo
    che oggi noi viviamo, sono pienamente d'accordo con te, speriamo solo non
    siano ostili nei nostri confronti anche se penso siano molto diversi
    fisicamente e comunque il nostro corpo, come quello degli alieni, è solo una
    macchina per sopravvivere.