Meteorite con tracce di vita aliena: le risposte che vi dobbiamo

Vi avevamo raccontanto la storia che aveva fatto scalpore, di una conferenza stampa riguardante un meteorite che aveva riacceso l'ipotesi della panspermia, a causa di tracce di vita extraterrestre. Eravamo scettici sulla veridicità delle informazioni e oggi i nostri dubbi sono ancora maggiori. Partiamo dall'inizio.

E' il 12 marzo 2000 il sig. Duane P. Snyder nota dei blocchi di ghiaccio in una strada accanto a casa sua e li raccogli congelandoli nel suo freezer. Già a questo punto uno si chiede perchè, non è certo la prima cosa che verrebbe in mente a qualcuno che vede dei pezzi di ghiaccio sporchi per terra.  Ma il nostro simpatico signore intuisce che la loro provenienza era nientemeno che aliena, i resti di un meteorite, non si sa come, arrivato fino a noi senza che il pulviscolo ghiacciato fosse eroso nel suo viaggio "galattico". La storia continua dopo il salto con le foto in allegato.

Forse la frase più emblematica di questa storia è quella che si legge nel sito del "fortunato" pseudoricercatore: "I prayed for Jesus to send me an ice meteorite, because I knew it would be quite valuable" in sostanta "Ho pregato Dio di spedirmi un meteorite di ghiaccio, perchè sapevo che sarebbe stato molto prezioso". Cosi per dieci anni mette in piedi una sorta di ufficio stampa per cercare fondi per far analizzare il meteorite. 

Dopo parecchi rifiuti da laboratori pubblici e società convenzionate con seri istituti di ricerca, si arriva a settembre quando Snyder incarica un laboratorio privato di analisi che fa capo Tascon Usa Inc., con sede in Chestnut Ridge, New York, di svolgere la ricerca sul meteorite. E indovinate un pò!...il dott. Albert Schnieders, general manager della società avrebbe confermato la presenza di vita extraterrestre all'interno nel meteorite di ghiaccio facendo sfoggio di una quarantina di foto ( che vi mostriamo a seguire)  dove si vedrebbe la vita aliena nel suo splendore. Se volete le foto, in cartolina, dovete però pagare. Come si dice, il sapere non si regala. E anche le "analisi di composizione" sono a pagamento, dai 12 dollari a crescere.

Arriviamo quindi al paradosso una delle scoperte più rilevanti della storia moderna sarebbe lasciata la vaglio di un laboratorio, guarda caso privato, guarda caso pagato dall'autore della scoperta, e guarda caso detentore dei diritti sul meteorite in collaborazione proprio con Snyder.

Quanti "casi" si sono susseguiti. Vi chiedete perchè la notizia non è sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo? Niente Science, Nature o richiamo sul Time? Semplice la comunità scientifica non solo è scettica ma ha già respinto ogni propagandistica affermazione di Snyder, non avendo egli fornito seri riscontri alle sue sconvolgenti affermazioni. Per ora quindi restiamo in attesa di notizie più serie, magari ci verranno dalla conferenza stampa della Nasa convocata per domani. Che centri qualcosa?

Godetevi la galleria appena sotto.

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Elio (mercoledì, 01 dicembre 2010 18:13)

    WOW bellissime le foto sembra quasi qualcosa di serio forse chi ci capisce di biologia potrebbe spiegarci che cosa potrebbero essere. Arrivate sempre in tempo ! bravi :p

  • #2

    Bianca (mercoledì, 01 dicembre 2010 18:22)

    Non me ne intendo ma sembrano semplici molecole d'acqua cristallizzate, con colori sgargianti ma un sacco di elementi possono dare sfumature di colore, bisognerebbe leggere le analisi

  • #3

    Max (mercoledì, 01 dicembre 2010 18:30)

    Peccato però...