Qualche risposta sul buco nero delle polemiche

Vediamo di fare chiarezze sull'ultima conferenza stampa della Nasa che ha generato una serie di interrogativi nei nostri lettori. Partiamo dall'inizio. Ieri, 15 novembre 2010, l’agenzia spaziale convoca una conferenza stampa internazionale per le 12,30 (ora locale). Il motivo di tale inusuale notizia è rimasto sconosciuto per tutto il giorno, il comunicato ufficiale parlava di un "oggetto eccezionale" generando non poca curiosità ed attesa anche per i non addetti ai lavori. Blog e siti di tutto il mondo rilanciavano la notizia, di conseguenza le aspettative erano molto alte. Ecco tutte le risposte che cercate: dall'origine del buco nero ai pericoli per la Terra.

Alla conferenza stampa sono presenti Jon Morse, direttore della divisione di astrofisica Nasa di Washington, Kimberly Weaver, astrofisico della Goddard Space Flight Center della Nasa di Greenbelt, nel Maryland ed Alex Filippenko, astrofisico dell'Università della California, Berkeley, che rispondono alle domande dei giornalsti. Finalmente viene svelato il mistero, l'oggetto è un buco nero giovanissimo, il più giovane mai trovato nel nostro vicinato cosmico, avrebbe infatti solo 30 anni di vita, si trova nella galassia M100 a circa 50 milioni di anni luce dalla Terra, e si tratterebbe di un "resto" della  supernova SN 1979C, esplosa appunto trenta anni orsono. A questo punto delusione da parte di molti, commenti sarcastici e qualche smorfia, per una notizia che risulta "inconcludente". Non è proprio così. Vediamo di capire perchè.

Prima di tutto cos'è un buco nero?
Forse non tutti sanno che il primo a teorizzarne l’esistenza fu A. Einstein. Dal centro del buco nero, diparte una radiazione lunga diverse  migliaia di anni luce, tutte le stelle limitrofe al buco nero vengono attratte dalla sua forza gravitazionale e la stella entra in un gorgo, esattamente come il gorgo d’acqua quando la fate scendere nel lavandino, e la sua rotazione aumenta in proporzione esponenziale rispetto alla forza gravitazionale. La stella viene praticamente “triturata” perché la sua energia atomica non può contrastare quella gravitazionale del buco nero.
A questo punto ogni corpo  che finisce dentro il gorgo verrà distrutto e in parte espulso mediante i getti radio.

 

Perchè è importante la scoperta?

Questa scoperta è molto importante per comprendere il meccanismo che origina i buchi neri. Le forze e le energie in atto in tali oggetti infatti non sono riproducibili in laboratorio e dunque sulla loro evoluzione si possono solo fare modelli al computer. Solo l'osservazione diretta però permette di capire se le deduzioni degli astrofisici sono corrette o meno. E conoscere un buco nero al suo sorgere permetterà sicuramente di comprendere molti elementi della sua evoluzione.

 

Ma quanto è grande questo buco nero?

L’oggetto celeste scoperto presenta una  massa solare circa 20 volte superiore a quella del Sole.

 

Perchè c'è stato questo clamore intorno alla vicenda?

Qualche giorno fa, una breve nota della NASA annunciava per oggi una conferenza stampa che avrebbe riguardato la scoperta di “un oggetto eccezionale nel nostro vicinato cosmico”, fatta dal telescopio spaziale Chandra. La scelta della parole e la vicinanza dell'oggetto hanno creato un'attesa spasmodica, probabilmente voluta, con una certa furbizia dagli addetti stampa.

 

Cosa significa che il buco nero "è giovane" ?

Il buco nero che stiamo osservando non si è formato 30 anni fa, ma “50 milioni di anni fa”. Infatti, le radiazioni percorrono un dato spazio un dato tempo (la velocità della luce). Quando i raggi X emessi nella formazione di questo buco nero distante 50 milioni di anni luce arrivano nei pressi della Terra, hanno impiegato, appunto, 50 milioni di anni. Quindi il buco nero non è nato nel 1980, bensì 15 milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri. L’interesse scientifico sta nel fatto di vedere cosa accade ad un buco nero alle primissime fasi di vita. Questo è straordinario dal punto di vista degli astrofisici, poichè mai prima di ora si era visto in pratica quello che era stato teorizzato su questi fenomeni, che costituiscono la più straordinaria manifestazione universale.

 

Esiste un pericolo per la vita sulla Terra?

La "distruzione" di un corpo che cade in un buco nero avviene ben prima che esso cada dentro, quando il gradiente di gravità del buco nero diventa tale da distruggere l'integrità del corpo e da ridurlo nei suoi componenti fondamentali, da qui la prevista emissione di enormi quantità di energia da parte della materia mentre varca l'orizzonte degli eventi e cade definitivamente nel buco nero. Tuttavia la distanza tra il buco nero e la Terra è tranquillizzante. Non accadrà nulla.

Scrivi commento

Commenti: 15
  • #1

    Enzo (martedì, 16 novembre 2010 11:21)

    Davvero ottima articolo è tutto molto chiaro.
    Detto questo la nasa l'ha sparata grossa volutamente e questo non è bello per una grande entità scientifica.

  • #2

    Concetta Riami (martedì, 16 novembre 2010 14:00)

    volevo solo ringraziarvi perchè siete stati gli unici a darmi una risposta....Esiste un pericolo per la vita sulla terra?
    grazie

  • #3

    Renzo (martedì, 16 novembre 2010 15:02)

    Infatti finalmente una risposta chiara non ci capiva un accidente

  • #4

    Eversivo (martedì, 16 novembre 2010 15:17)

    Lasciate perdere chi non capendo nulla dice che la notizia non è epocale, è straordinaria e aiuterà la scienza a fare luce sui fenomeni più affascinanti del cosmo i buchi neri. Chi si aspettava che spuntassero i marziani vada a guardarsi mars attack al cinema

  • #5

    Thomas88 (martedì, 16 novembre 2010 16:56)

    Dal punto di vista scientifico è importantissima come scoperto...
    Certo, alcuni speravano in "altro" ma è andata così.

    Comunque è vero, leggendo in giro non si capiva uin gran che mentre qui è tutto molto più chiaro.

  • #6

    Lorenzo (martedì, 16 novembre 2010 23:10)

    Grazie per le delucidazioni.

  • #7

    cadeaux (mercoledì, 17 novembre 2010 01:47)

    non credo però sia il caso di creare un annuncio, e una conseguente attesa, per dare una notizia del genere... forse si son divertiti, giocando sul fatto che in questo momento molte persone sono in attesa di un annuncio ben differente da questo... comunque... che si divertano finche possono!!

  • #8

    Ulisse (mercoledì, 17 novembre 2010 11:49)

    L'annuncio è stato frainteso dai giornalisti poche storie

  • #9

    davide (giovedì, 18 novembre 2010 09:23)

    come al solito la nasa crea mere illusioni a tutti quelli che sanno che gli" ufo " esistono e illusione negli scenziati astrofisici....beh,dispiace dirlo,ma fa tutto parte di una enorme mossa di depistaggio volutamente articolata su vari punti che distolgano l'attenzione su tematiche riguardanti la verita' del perche' di molte cose...io so che tra poco,ci troveremo a fronteggiare ancora una falsa minaccia riguardante un'asteroide in collisione con la terra,che portera' l'umanita' ,ad accettare il fatto che vengano spedite in orbita armi nucleari con la scusa di proteggerci...ma con la triste verita' che lo scopo avra' ben altri fini....mi dispiace...ma succedera'...

  • #10

    marina (giovedì, 18 novembre 2010 17:29)

    però nn capico. se nn ci fosse pericolo per l'umanità, perchè la nasa avrebbe dato un simile clamore a questa notizia? forse, per nn creare panico nella popolazione mondiale hanno ridotto la gravità dell'annuncio. io cmq resto preoccupata, nn mi convince questa marcia indietro .

  • #11

    Lorenzo (giovedì, 18 novembre 2010 19:43)

    Scusa, ma ragiona un attimo: Avresti paura solo perchè la NASA ha scoperto il buco nero ? Quello è li da molto, molto tempo. Se fin'ora non ha prodotto danno cosa ti fa pensare che possa risucchiarci da li a poco tempo ? credimi che sarà l'Europa a farci il salasso amcor prima del buco nero spaziale: Quello terrestre sappiamo che è grande, ma quanto lo sia davvero nessuno lo sa.

  • #12

    Luca (sabato, 20 novembre 2010)

    Anche io non sono tanto tranquillo sulla reale posizione del buco nero..con i
    deboli mezzi che abbiamo sulla terra non possiamo prevedere eventi che
    riguardano energie a noi sconosciute..quello che spaventa infatti è il non
    conoscere..dal quale non possiamo difenderci..Poi basta pensare al fatto che
    proviamo a generarli artificialmente per poterli studiare (CERN) vuol dire che
    proprio siamo come quei studenti che prima o poi si scottano o come i topi che
    prendono la strada sbagliata nel labirinto. Direi che prima di stare tranquilli
    è meglioaspettare e sperare che la natura non ci faccia un brutto scherzo..tra l'altro quando deve creare disastri non guarda in faccia nessuno e si basa su probabilità e complicità dei nostri errori..

  • #13

    gionat (sabato, 20 novembre 2010 16:20)

    Sono daccordo con cadeaux,per me questa non è una notizia eccezionale, c'è ben altro forse il messaggio del 24 Novembre c.m. che prevede l'avvistamento in massa degli UFOS. " QUESTO sarebbe il messaggio:" Noi che facciamo i cerchi del grano siamo al corrente di avvenimenti futuri che accadranno alla terra, quindi vi mettiamo in guardia sin da ora in modo che vi possiate preparare. Per dare la giusta
    validità al nostro avvertimento abbiamo scelto un metodo di presentazione del messaggio da cui certamente potete cogliere la nostra intenzione di dimostrarvi che abbiamo il modo di suscitare la
    vostra attenzione. E che così potete avere la più alta fiducia possibile sulla attendiblilità del nostro
    messaggio." fonte: www.segnidalcielo.it

  • #14

    animus (giovedì, 07 aprile 2011 01:52)

    speriamo bene ma ci credo poco.Si vedrà cosa ci accadrà se l'essere umano avrà determinato la sua rovina.E tanto che sbaglia sistema di vita,dimostrandosi mostro di catastrofi.

  • #15

    sisì (mercoledì, 08 giugno 2011 17:50)

    hai ragione animus.....speriamo in bene