In rete lo strumento per calcolare gli impatti degli asteroidi

Gli scienziati della Purdue University e dell'Imperial College di Londra hanno perfezionato i parametri dell' 'Impact Effects Calculator', che permette a chiunque di calcolare i danni potenziali che una cometa o un asteroide potrebbe provocare se entrasse in collisione con la Terra.

Lo strumento interattivo, disponibile sul http://www.purdue.edu/impactearth , consente agli utenti di entrare in dettagli specifici circa la simulazione ipotetica dell'asteroide, come il suo diametro e densità, velocità, angolo di ingresso e dove colpirà la Terra.  Si calcola poi la portata della catastrofe che ne deriverebbe, compresi i dettagli circa le dimensioni del cratere lasciato alle spalle, scuotimento terrestre, dimensioni dello tsunami generato, la distribuzione di detriti, e anche la distanza di cui una persona avrebbe bisogno per evitare di essere sepolta o investita dalle fiamme nell'esplosione. Provate anche voi a divertirvi con la simulazione.

 "Comete e asteroidi sono diventati una parte della nostra cultura popolare, ma in realtà non sappiamo molto circa la loro composizione ed i processi interni che agiscono mentre volano attraverso lo spazio," ha detto Jay Melosh, un insigne professore di scienze della terra e dell'atmosfera alla Purdue University, che ha guidato la realizzazione del programma.

 "Abbiamo ancora molto da imparare su questi oggetti che sono spesso i nostri vicini nello spazio. Sappiamo che a volte entrano in rotta di collisione con la Terra, e questo sito offre un luogo autorevole per andare a conoscere gli effetti dettagliati du un impatto" ha aggiunto.

 Il calcolatore di impatto effetti è scientificamente accurato da poter essere usato da la sicurezza interna e della NASA, ma abbastanza user-friendly  e immediato per gli studenti delle scuole elementari. Insomma un gioco verosimile, che insegna ed educa all'affascinante mondo dei NEO.

 "Il sito è destinato ad un vasto pubblico, perchè un impatto globale è un aspetto inevitabile della vita su questo pianeta e, letteralmente, ogni persona sulla Terra dovrebbero essere interessata".

"Ci sono stati grandi impatti nel passato, e ci aspettiamo grandi impatti in futuro. Questo sito offre la verità su ciò che accade quando si verifica un tale impatto", ha detto Melosh, aggiungendo che 100 tonnellate di materiale proveniente da asteroidi e comete colpisce la Terra ogni giorno.



Le conseguenze dell'impatto sulla Terra sono correlate con la dimensione dell'asteroide. Un asteroide di poche centinaia di metri di diametro può trasformarsi in una vera e propria arma killer. Facciamo qualche esempio pratico:

  • Un asteroide di 10 chilometri colpisce la Terra ogni 100 milioni di anni con conseguenze catastrofiche. L'impatto è equivalente a 4 miliardi di bombe atomiche di Hiroshima. Fu probabilmente un asteroide di queste dimensioni causare l'estinzione dei dinosauri circa 65 milioni di anni fa.
  • Un asteroide di almeno 1 chilometro colpisce la Terra ogni 100.000 anni. Anche in questo caso le conseguenze sono drammatiche in quanto l'impatto è pari a 4 milioni di bombe atomiche.
  • Un asteroide di 100 metri colpisce il nostro pianeta mediamente ogni secolo e comporta un impatto pari a 4.000 bombe atomiche. E' sufficiente pensare che l'asteroide caduto nel 1908 nella zona siberiana di Tunguska, fortunatamente poco abitata. ebbe una potenza equivalente a quella di mille bombe atomiche di Hiroshima.

Dunque vi lasciamo divertire con questo utile strumento presente in rete, simulando e riflettendo su quanto sia facile che si verifichi l'apocalisse.

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    lourdes (lunedì, 13 dicembre 2010 14:34)

    DIO puo' smentire la scienza in un attimo e arrivarci addosso l'asteroide
    che nessuno aveva previsto ,tutto all'improvviso, bisogna convertirsi velocemente manca poco ... avete compreso.

  • #2

    xzx (venerdì, 08 marzo 2013 17:41)

    Ma vaffanculo va

  • #3

    xzx (giovedì, 15 agosto 2013 16:19)

    vai tu affanculo coglione

  • #4

    mario (domenica, 22 settembre 2013 05:39)

    non credo che i dati del simulatore siano corretti

  • #5

    KKK (lunedì, 03 febbraio 2014 11:44)

    lourdes... manca poco? scritto nel 2010.. pagliaccio svegliati.

  • #6

    max (lunedì, 23 marzo 2015 21:32)

    Viva la juve