Gli Orbs non sono di origine extraterrestre

A chi di noi non è mai capitato di notare in alcune fotografie, effettuate con macchine digitali, delle piccole sfere che ci lasciavano di stucco?


Questi cerchi concentrici con striature simili alle impronte digitali sono conosciuti nel mondo con il nome di ORBS. Subito si era scatenata furiosa la disputa su cosa potevano essere, con furibonde liti tra chi catalogava il fenomeno come semplice pulviscolo, e chi vedeva plasmoidi o esseri di altre dimensioni.


Ebbbene i recenti sviluppi nella tecnologia delle fotocamere digitali hanno permesso finalmente di intraprendere delle ricerche che dimostrano in modo conclusivo che "il materiale aereo situato vicino alla telecamera e che riflette il flash della fotocamera è responsabile della creazione Orbs."


La rivista internazionale ParaScienze pubblica i risultati di questi esperimenti, e noi ve li riportiamo integralmente.

L'evoluzione del "digital imaging" che ha avuto inizio alla fine del 1990 ha portato ad una rivoluzione nell'ambito della ricerca paranormale.  Gli investigatori hanno cominciato a segnalare un fenomeno mai visto prima su immagini scattate con fotocamere a pellicola tradizionale.  Di comune accordo questo fenomeno paranormale è stato soprannominato 'Globi' Luminosi".  Infatti gli Orbs sono anomalie circolari generalmente luminose all'interno di un'immagine, anche se si conoscono altre forme, angolari e allungate. Possono apparire come anomalie singole o multiple e possono variare sia nel colore che nell' intensità.

Ad oggi, molte migliaia di immagini sono presenti in internet, nei forum e nei server di tutto il mondo.


Le spiegazioni fornite su ciò che le sfere rappresentano sono in realtà molto diverse tra loro. Ad esempio, molti optano per le manifestazioni fantasma, gli spiriti e altre visioni paranomali.  Altri considerano gli orbs  emissioni energetiche di esseri angelici e ultraterreni.  Giornali e riviste pubblicano regolarmente le immagini di sfere, ripetendo in maniera ossessiva il mantra delle manifestazioni sopranaturali. Ci sono stati anche una serie di libri che descrivono la natura soprannaturale delle sfere, e di come attraverso l'interazione son gli orbs si possano guadagnare l'illuminazione spirituale e ascensione sacra.


Molti investigatori del paranormale tuttavia preferiscono cercare di ponderare una via di mezzo attraverso il problema Orbs - accettando che polvere, insetti volanti, vapore acqueo e altre particelle sospese nell'aria possano essere la causa più probabile di sfere che si trovano sulle immagini digitali riconoscendo la probabilità maggiore che tutto questo possa essere spiegato logicamente. Tuttavia anche chi ha sposato questi tesi continua a sostenere che un certo numero di sfere, circa l'1% o 2% è di solito di natura "misteriosa", che non può essere spiegata razionalmente e quindi ha le caratteristiche per essere considerata  paranormale.


Questa piccola percentuale è quella di cui ci occuperemo.

 

Dal 2001 - 2003, Para.Science ha intrapreso una serie di studi volti a determinare la natura degli orbs così come appaiono negli scatti digitali.

Il risultato di tale studio precedente ha dimostrato che le probabilità che le sfere fossero semplicemente il risultato di polvere nell'aria, umidità ed altre particelle che riflettono la luce del flash della fotocamera, con conseguente presenza di anomalie luminose, fossero molto elevate.

Sempre lo studio precedente ha anche suggerito che, al fine di produrre una sfera anomalia all'interno di un quadro fotografico di riferimento, una serie di condizioni devono essere soddisfatte:

 

  • Il flash della fotocamera deve essere stato usato al momento di scattare la fotografia. 
  • Il materiale presente nell'aria deve essere situato a pochi centimetri dall'obiettivo della fotocamera.
  • Il materiale deve essere  in un intervallo ristretto di angoli rispetto all'asse centrale della lente.
  • Il materiale deve essere in grado di riflettere la luce del flash nella lente.


Questo studio ha dato luogo a molte discussioni circa la vera natura degli orbs e ha indotto alcuni a svolgere i loro esperimenti, con il risultato che la probabilità che orbs fossero il risultato di polveri e altro materiale è stato ampiamente riconosciuto. 

Tuttavia l'incapacità del precedente studio Para.Science di dimostrare in modo conclusivo che la materia e l'umidità nell'aria è responsabile della produzione di orbs, ha permesso il dibattito a tratti anche violento tra i credenti e non credenti, producendo un danno evidente per la ricerca paranormale e causando la continua confusione di tutti gli interessati.

 

Le foto comparative sono una tecnica molto efficace per capire se gli oggetti sono reali prodotti o dalle condizione dell'ambiente stesso. Naturalmente in questa tecnica ci sono delle difficoltà: bisogna  trovare un mezzo per garantire che entrambe le foto siano state scattate simultaneamente, che abbiano identiche impostazioni di messa a fuoco fotografica e di esposizione, che entrambe le immagini siano identiche nella post elaborazione, cioè pre-set, bilanciamento colore,  compressione dei file, ecc . 

 

Per l'esperiemento si è usata una W1 3D Fujifilm composta da una videocamera con una coppia di chip ad alta risoluzione, e lenti di immagine che formano una coppia perfetta di scatti.

Le due immagini sono scattate con un singolo flash comune, posizionato equidistante fra le due lenti.  Tutti i sistemi sono stati  attivati  per garantire perfetta sincronia: dal pulsante di scatto, dalla stessa messa a fuoco, esposizione e flash, garantendo così che le due immagini che ne risultano prodotte per ogni pressione del tasto siano identiche in ogni aspetto, tranne per la separazione parallasse tra le immagini destra e sinistra. Questa fotocamera ha permesso di chiarire che gli orbs sono il risultato della  materia nell'aria che riflette la luce del flash di ritorno verso la telecamera.

 

La fotocamera è stata usata in una serie di esperimenti intrapresi in località comprese in tutto il Regno Unito e Irlanda nel corso del 2009 e il 2010. Le Sedi sono state selezionate per comprendere una vasta rappresentanza di luoghi infestati presumibilmente ad esempio castelli, siti industriali, moderni punti vendita al dettaglio e anche ambienti interni ed esterni.  Le fotografie sono state scattate in alcuni punti ben noti per manifestazioni paranormali, come Mary King's Close, Edimburgo; Margam, West Wales e la contea di Wicklow Gaol in Irlanda, per citarne solo alcuni. Nella maggior parte dei casi, le fotografie sono state scattate con investigatori del paranormale presenti ma con membri del pubblico ignaro della particolare natura della fotocamera o dell'esperimento condotto. 

 

Al fine di replicare il "point and shoot" tecnica della fotografia digitale più intrapresa, per l'indagine paranormale la fotocamera è stata usata solo in esposizione standard e la modalità completamente automatica di messa a fuoco.  L'utilizzo della modalità completamente automatizzata ha anche assicurato che la coppia risultante delle immagini fosse identica in termini software ed elaborazione delle immagini, bilanciamento del colore, scena pre-set, compressione di file ecc. Le immagini sono state successivamente scaricate dalla fotocamera a un computer portatile.  Ogni coppia contemporaneamente caricata è stata confrontata visivamente per notare la presenza di anomalie orbs su uno dei due scatti.

Ad oggi 1.870 coppie di immagini sono state prelevate ed esaminate. Le anomalie Orbs sono state trovate in 630 paia.  In 491 coppie, una sfera o sfere multiple erano presenti solo nell'immagine a sinistra o/a destra e non nell'immagine corrispondente, secondo la coppia. In 139 coppie, i globi sono stati visti  in entrambe le immagini (a sinistra e a destra), ma non in una posizione individuale che corrispondesse.


Questa indagine completa sostiene con forza l'ipotesi che gli orbs sono semplicemente il risultato di polvere e altri materiali  di sfondo presenti nell'ambiente e comunque vicino alla fotocamera che riflettendo l'illuminazione del flash.  


Così, alla fine, si spera che questa serie di fotografie contribuisca finalmente a rimuovere gran parte della confusione e delle sciocchezze che hanno circondato gli orbs le classi simili di anomalie fotografiche e che si possa andare avanti archiviando almeno questo dibattito di lunga data. Se anche voi avete fotografato qualche orbs oggi vi potete sentire più tranquilli.  A seguire tutte le foto dell'esperimento. 

Commenti: 11 (Discussione conclusa)
  • #1

    Lorenzo (lunedì, 01 novembre 2010 17:19)

    Chi vuole continuare a crederci lo faccia.

  • #2

    maurizio (venerdì, 12 novembre 2010 12:20)

    ho fatto alcune foto test in un luogo spirituale, gli orbs erano tutti attorno ad una statua di bronzo, altre foto fatte attorno a questa statua anche nel raggio di pochi metri non ne riportavano nemmeno uno. Tutte le foto fatte esternamente al soggetto non avevano nemmeno un orbs, tutte le foto fatte del soggetto ne erano piene. Aggiungo che era una serata tersa e serena, non c'era umidità nell'aria ne pulviscolo. Inoltre c'era una leggera brezza che, nel caso si trattasse di pulviscolo, lo avrebbe spostato dal soggetto...

  • #3

    maurizio (venerdì, 12 novembre 2010 12:22)

    mi sono dimenticato di allegare la mia mail: edosmau@libero.it
    ciao

  • #4

    SANTO LICOSI (domenica, 20 novembre 2011 02:45)

    PUR INTERESSANDOMI DI VARI FENOMENI SONO STATO SEMPRE SCETTICO NEI CONFRONTI DEGLI ORBS, MA MI E' CAPITATO DI FOTOGRAFARE IN PARTICOLARE DUE ORBS CHE RACCHIUDONO VOLTI ANCHE DEFINITI MA SOPRATUTTO DI TROVARE CORRISPONDENZA TRA "L'ESSERE" VISTO IN UN ORB TRA TANTE IMMAGINI SUL WEB E DI RITROVARMI LO STESSO ESSERE IN UN ORB CHE HO FOTOGRAFATO DAVANTI CASA MIA....SE SEI INTERESSATO CONTATTAMI SU FB dove troverai altro materiale, saluti

  • #5

    Antonella (sabato, 21 aprile 2012 08:00)

    probabile che in molte foto si tratti di pulviscolo ma io sono riuscita a filmare degli orbs che si comportano in tutt'altro modo rispetto alla polvere. Sono riuscita a farlo con la luce infrarossa e l'ho fatto con tanto di testimoni scettici che ora si sono ricreduti. Non voglio dire che siano alieni, lungi da me e nemmeno fantasmi..ma sicuramente sono qualcosa di intelligente. E' la nostra presunzione che ci rende scettici ma ricordiamoci che il nostro corpo non è fatto per vedere tutto. Del resto anche i virus e i batteri non li vediamo se non con un microscopio!!!!

  • #6

    Donovan (mercoledì, 25 aprile 2012 13:51)

    In fotografia viene comunemente indicato come "Circolo di confusione"

  • #7

    vradox (mercoledì, 25 aprile 2012 14:28)

    che gli "orbs" sono dovuti al pulviscolo dovrebbe essere chiaro e ovvio a chiunque... ma oramai ci stupiamo dell'ovvio... oramai sento commenti di stupore sul fatto che in estate fa caldo e in inverno freddo... bah!

  • #8

    Osc (mercoledì, 25 aprile 2012 16:19)

    ecco in realtà cosa sono gli orbs:

    http://www.youtube.com/watch?v=k4i9fU6oSg4

  • #9

    vradox (martedì, 08 maggio 2012 11:52)

    vi propongo un raffinato esperimento: mettete una pentola d'acqua sul fuoco, attendete 20 minuti e poi misurate la temperatura della stessa: sarà a 100° !!!! incredibile vero? stanno preparando uno speciale di "mistero" su italia uno: "l'incredibile caso dell'acqua che bolle da sola sulla stufa" imperdibile.

  • #10

    atanor (martedì, 08 maggio 2012 11:56)

    io gli orbs riesco a vederli anche ad occhio nudo: senza occhiali (sono miope) con luce radente sull'occhio vedo, sfocata, la polvere sulle mie ciglia. identica agli orbs delle foto.

  • #11

    Anonymous (sabato, 09 giugno 2012 22:55)

    gli orbs sono altra cosa, ma ai disinformatori.... siamo abituati