Sono il numero quattro: esce al cinema il film su 9 giovani alieni

Dopo l'uscita giorni fa del primo inquietante e misterioso trailer originale, vi parliamo di I Am Number Four, diventato per i cinema nostrani Sono il Numero Quattro, grazie all’arrivo del primo trailer italiano. Diretto da D.J. Caruso, regista di Disturbia e Eagle Eye, prodotto da Steven Spielberg e Michael Bay, e basato sul primo di sei romanzi scritti da James Frey e Jobie Hughes, il film uscirà negli States il 28 febbraio del 2011.

Sono il Numero Quattro racconta la storia di un gruppo di nove giovani alieni, rifugiatisi sulla terra poco prima che il loro pianeta venisse distrutto da una razza extraterrestre nemica. La loro pace è destinata a durare poco, poichè chi ha distrutto il loro mondo sta ancora dando loro la caccia.

A seguire il Trailer in Italiano.

Alex Pettyfer interpreta il leader del gruppo, il Numero 4 del titolo, Timothy Olyphant sarà Henri il guardiano e mentore del ragazzo; Teresa Palmer vestirà i panni della Numero 6 e Dianna Agron (la Quinn Fabray di Glee) avrà il ruolo di una ragazza terrestre che si innamora del Numero 4 e diventa la sua confidente. Completano il cast Kevin Durand, nei panni del cattivo comandante nemico e Callan McAuliffe in quelli di Sam, il migliore amico del Numero 4.

Il giovane alieno John Smith, proveniente dal pianeta Lorien, è inseguito da spietati nemici incaricati di distruggerlo. Per far perdere le proprie tracce, John, insieme al suo tutore Henri, cambia identità e si sposta da una città all’altra, allontanandosi sempre più dal suo passato. Dopo essere approdato in una cittadina dell’Ohio, John vivrà esperienze impreviste, che gli cambiano la vita. Incontra il suo primo amore, scopre di possedere capacità particolari e conosce altre persone che condividono il suo incredibile destino.

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Lorenzo (lunedì, 11 ottobre 2010 17:22)

    Lo vedrei bene come serie televisiva ... Se avrà successo come film, qualcuno ci penderà sicuramente ... Se non avrà successo sarà perchè doveva partire come serie televisiva ;-)

  • #2

    Mazinga (lunedì, 11 ottobre 2010 17:52)

    un'altra puttanata televisiva che non serve a niente.
    Neanche il grande Steven Spealberg con taken è riuscito a raccontare bene la storia degli alieni, figuriamoci se lo sa fare questo mezzo regista fallito... dopo il quarto tipo che era un film orrendo non andrò mai più al cinema per vedere film che parlano di rapimenti e alieni

  • #3

    Lorenzo (lunedì, 11 ottobre 2010 21:32)

    Diciamo che le puttanate servono ad alimentare la fantasia ed a creare punti in comune: Più persone lo vedono, più persone parleranno della stessa cosa. Se parlano della stessa cosa, allora quella cosa può essere reale.
    Ho visto anch'io il quarto tipo: Interessante l'associazione tra il grigio ed il gufo:
    Interessante l'associazione tra il gufo ed i sumeri: Interessante l'asociazione tra i sumeri ed i primi popoli sulla terra: Interessante l'abduction: il modo di rappresentarla uguale a quella di un altro film meno recente di cui non ricordo il nome (lo cerco): Qui l'abduction assumeva contorni goliardici poichè l'addotto era convinto di essere sano di mente e che in fondo fosse tutta una burla del suo cervello: Vi era un Elder (la mente) e parecchi Javas (il braccio). Il film fu prodotto sulla base delle testimonianza dello stesso addotto. Bada bene che l'Elder non è il classico grigio.

  • #4

    Mario (martedì, 12 ottobre 2010 19:11)

    Al contrario:credo che prima di parlare di serie TV sia meglio farwe un film.. poi se avrà successo, forse riterranno utile fare un serial...

  • #5

    Clarissa (martedì, 12 ottobre 2010 20:59)

    Gaaanzo!! Belloccio anche il John Smith! Ahah, a parte tutto è frutto di fantasia, anche se un film =)

  • #6

    Alessandro (mercoledì, 13 ottobre 2010 16:07)

    Cos'è? La copia di Heroes? o.O