Ecco gli alieni: «Su Gliese 581 c'è vita al 100%»

Fermi tutti, abbiamo individuato un posto dove esiste la vita. Lassù potrebbe esserci qualcuno. Chi lo dice? Lo hanno scoperto due astronomi specializzati nella ricerca di pianeti, Steve Vogt dell’Università di California a Santa Cruz, e Paul Butler della Carnegie Institution di Washington. I due ricercatori hanno avuto il supporto di una squadra di astronomi svizzeri, che li hanno aiutato nei loro calcoli. E sono calcoli complicatissimi, che si basano in gran parte sui lievissimi spostamenti delle stelle che provano l’esistenza di una forza gravitazionale esercitata dai pianeti. Insomma Gliese 581 è un'altra Terra, e come logica conseguenza avrà i suoi abitanti. Magari non nella forma di un essere umano, magari neanche nella forma di qualche animale terrestre. Ma a venti anni luce dal nostro pianeta, c’è un altro pianeta che ha «il cento per cento delle possibilità di aver sviluppato la vita».


E' questo corpo celeste che sta causando un’eccezionale ondata di entusiasmo nel mondo scientifico.


Ora non bisogna fermarsi e andare fino in fondo.

Se la possibilità di scoprire vita nello spazio si presenta in maniera diversa da quella mostrata nei film qualcuno non capisce. Eppure la notizia dello scoperta di un pianeta non solo abitabile, ma con caratteristiche quasi identiche a quelle della Terra è una notizia paragonabile alla scoperta del fuoco, che rivoluzionò la vita dei nostri antenati. E non si tratta solo di un pianeta, ma probabilmente sono centinaia le Terra nascoste nella nostra galassia. Come diceva Drake, come dicono gli esperti del Seti e come stanno scoprendo gli scienziati. E per quelle regole probabilistiche, che assegnano al pianeta un'alta probabilità di trovare la vita, dobbiamo essere per una volta euforici e determinati a capire cosa c'è a venti anni luce da noi.

Infatti Gliese 581 è - in termini astronomici - nel cortile di casa nostra. Si trova nella costellazione della Bilancia. Il suo sole è uno dei 100 miliardi di stelle che popolano la Via Lattea, e dista da noi ”appena” venti anni luce, cioè quasi 200 mila miliardi di chilometri, vale a dire un milione e duecentomila volte la distanza che c’è fra la Terra e il Sole. Eppure, gli strumenti di cui oggi la scienza astronomica può avvalersi ci informano che questo pianeta con una massa corporea tre volte il nostro si trova a quella distanza dalla sua stella in cui l’acqua sulla sua superficie non congela e non bolle. Cioè: Gliese 581g orbita intorno al suo sole abbastanza vicino perché l’acqua non diventi ghiaccio, ma non tanto che il calore eccessivo la faccia evaporare. Insomma, una distanza simile a quella che divide noi dal nostro Sole. E l’acqua è l’elemento di base di ogni forma di vita.

A differenza della Terra tuttavia, questo nostro gemellone resta immobile sul proprio asse, quindi mostra alla sua stella sempre la stessa faccia. E questo significa che una metà di Gliese 581 è gelida ed è sempre buia, mentre l’altra ha sempre luce ed è tiepida: «Direi che ci deve essere un clima che ci permetterebbe di circolare in maniche di camicia» ha detto il professor Vogt.

L’entusiasmo per Gliese 581 è più che comprensibile. Dal 1995, quando fu confermata l’esistenza di altri pianeti oltre a quelli del nostro sistema solare, non si è mai trovato un corpo celeste che potesse essere ospitale per lo sviluppo della vita. In questi 15 anni sono stati identificati con certezza circa 200 pianeti. Ma in genere si tratta di palle di roccia gelida o giganti gassosi. Anche la stella Gliese ha altri pianeti in orbita, anch’essi inospitali come i nostri compagni del sistema solare. Quelli più vicini alla stella sono troppo caldi, e quelli più distanti sono palle di ghiaccio. E poi c’è 581, il pianeta «probabilmente abitato da qualche forma di vita».

Scrivi commento

Commenti: 34
  • #1

    Walter (sabato, 02 ottobre 2010 16:08)

    di solito siete molto obbiettivi , questa volta lo siete stati di meno...
    è vero ci sono molti elementi a favore ma non sappiamo la composizione chimica dell'atmosfera del pianeta, non esistono prove di acqua allo stato liquido, non sappiamo se c'è ossigeno, ozono, idrogeno. E sopratutto dov'è il carbonio? qual'è la massa della stella?
    Dire ecco gli alieni è quantomeno "curioso"...

  • #2

    riccardo (sabato, 02 ottobre 2010 17:12)

    @walter
    vabbè non fermarti al titolo e leggi il resto! molti scienziati hanno affermato che è praticamente sicuro che si trovi la vita e io sono d'accordo che bisogna indagare e mandare una sonda come abbiamo fatto con le voyager

  • #3

    teo (sabato, 02 ottobre 2010 17:35)

    le voyager sono arrivate a malapena nei confini del sistema solare....
    per fare 20 anni luce ci vogliono secoli, quindi la smania di mandare sonde è incomprensibile, e impraticabile.
    Bisognerebbe puntare hubble oppure fare un telescopio in un avamposto lunare libero da inquinamento lumionoso, magari nella faccia nascosta della luna.

  • #4

    Nicolò Lucini (sabato, 02 ottobre 2010 17:42)

    secondo me non ci sarà nulla di rilevante, massimo qualche forma di vita unicellulare. Non dimentichiamoci che anche marte è simile alle terra, sta in un sistema solare stabile, è un pianeta roccioso eppure è morto e non ci trovi neanche un lombrico. Quindi 1+1 non fa sempre 2

  • #5

    mark (sabato, 02 ottobre 2010 18:59)

    ragazzi per me la notizia che abbiano trovato 1 o 100 pianeti uguali identici alla terra con le più disparate forme di vita etc etc lascia abbastanza indifferente perchè finchè noi terrestri non disporremo di una tecnologia tale da raggiungerli in tempi relativamente brevi (ovvero ben al di sotto della vita media di un uomo) non capisco l'entusiasmo; si sapeva già dalle semplici statistiche che l'esistenza di tali corpi celesti era pressochè certa,e questo ben prima del 1995.
    E' come se trionfalmente dicessero: siamo certi che esiste una cura definitiva per la SLA! però non sappiamo quale: Notiziona? Boh?
    La redazione scrive: "la notizia dello scoperta di un pianeta non solo abitabile, ma con caratteristiche quasi identiche a quelle della Terra è una notizia paragonabile alla scoperta del fuoco". a scoprire il fuoco ci volle ben poco, era lì, c'era già! ma inventare la ruota e usarla fu il gran passo avanti per l'uomo quindi teniamo l'entusiasmo per quando saranno possibili gli spostamenti siderali in tempo reale.

  • #6

    Lorenzo (sabato, 02 ottobre 2010 19:02)

    Secondo me mandare sonde con la propulsione odierna sarebbe assurdo ed uno spreco di risorse; Lo stesso dicasi per costruire telescopi sulla Luna, visto che si è scoperto un pianeta abitabile a "soli" 20 anni luce dalla Terra e poterne cercare altri più vicini non avrebbe senso perchè già lo abbiamo fatto... semmai più lontani, ma a quale scopo se non sono raggiungibili in tempi accettabili ? La notizia, qundi, è da considerarsi come la prova sulla carta della possibilità di vita aliena. Se si accetta questa possibilità e cio riconduce alle navicelle spaziali aliene, allora è anche possibile che si possa attraversare grandi distanze in tempi accettabili, purchè si dia vita ad una forma di propulsione tale da soppiantare definitivamente i razzi odierni che nel 2010 sembrano fin troppo arcaici; I miglioramenti probabilmente ci sono stati, magari sui consumi ridotti e potenza di spinta più elevata, ma a questo punto è necessario impegnare risorse su studi che diano vita a propulsori più evoluti e rivoluzionari.

  • #7

    werde (sabato, 02 ottobre 2010 19:34)

    ma pensate che vi dicano tutto siete illusi, molte cose le tengono nascoste. Gli stati uniti sanno già da tempo di pianeti abitati da quando è uscito il protocollo del blue book, i progetti segreti e lo studio degli alieni avveniva nell'area 51 come hanno confermato gli ex militari nella loro riunione. Dobbiamo ragionare su cosa ci nascondono non su cosa ci dicono perchè le informazioni vengono centellinate

  • #8

    Mirko (lunedì, 04 ottobre 2010 20:17)

    Credo siamo molto molto lontani a sviluppare tecnologie per raggiungere la volocità della luce purtroppo...... per arrivare a un anno luce di distanza da noi dovremmo viaggiare ad una velocità di 300 000 km/sec per un anno consecutivo.... la velocità della luce e pari praticamente a fare 7,5 volte il giro intorno alla terra in un secondo..... Bho !!! bello sapere queste cose ma credo staremo con i piedi sulla terra per molto !! un saluto a tutti.

  • #9

    toty (martedì, 05 ottobre 2010 19:50)

    vorrei ricordare a qualche scettico che di pianeti simili alla terra nella nostra galassia ve ne sono almeno un migliaio ,e per la legge della matematica quindi i mondi abitati sono INFINITI perchè infinite sono le galassie . meditate gente meditate.5/9/10 anno del signore.

  • #10

    john (martedì, 05 ottobre 2010 21:43)

    quando siete ignoranti e' purtroppo chiusi di cervello....

  • #11

    clark (martedì, 05 ottobre 2010 21:47)

    svegliatevi..... dobbiamo andare avanti non indietro altrimenti resteremo sempre primitivi.....

  • #12

    Nicolò Lucini (martedì, 05 ottobre 2010 22:41)

    x john
    tu invece che metti la e congiunzione con l'accento non sei ignorante eh..... fai ridere

  • #13

    mirko (mercoledì, 06 ottobre 2010 19:17)

    non ho capito... quando ??? o quanto .

  • #14

    giuseppepark@hotmeil.com (domenica, 10 ottobre 2010 14:59)

    gliese581,penso che ci sia la vita a 20 anni luce da noi,ci siano degli
    animali come i rettili ect.avra un clima buona e ci sia gli extraterrestri in quel
    quel pianeta.noi potremmo andare la su,perche la terra non e piu ospitale
    succedono delle cose come terremoti,eruzioni vulcaniche ect...

  • #15

    niko (martedì, 12 ottobre 2010 15:43)

    io penso che in ogni caso c'e' sempre la possibilita' che gli abitanti di gliese 581/c essendo piu' avanzati di noi possano un giorno venire e portarci con loro.ho messo troppa fantasia.????

  • #16

    Federico (mercoledì, 22 dicembre 2010 22:57)

    Secondo me con il Vacsmir in sviluppo in Giappone si potrebbe fare, almeno l'invio di un'astronave senza equipaggiu, controllatta da un supercomputer o da terra, ma non prima di 40-50, in tempo con Star Trek ( 4 Aprile 2063 )

  • #17

    fernando (sabato, 01 gennaio 2011 12:14)

    scrivi su google progetto caris vedi filmati forse vedrai la verità fernando

  • #18

    mario (sabato, 13 ottobre 2012 20:45)

    speriamo che sia l inizio di una nuova era

  • #19

    graz (giovedì, 29 novembre 2012 10:47)

    Ho letto che da ulteriori misurazioni effettuate recentemente questo pianeta starebbe al di fuori della zona abitabile, cioè dove l'acqua potrebbe esistere allo stato liquido, quindi sarei un pò cauto nell'affermare che c'è vita.

  • #20

    vaas (lunedì, 05 agosto 2013 20:05)

    Ammesso e non concesso che ci sia vita, non riusciremo mai a raggiungere altri pianeti extrasolari. Con buona pace anche di chi spera nel viaggio a velocitá di curvatura. Mettetevi l'anima in pace, non vedremo mai nessun omino verde. E a chi crede all'incidente di Roswell: ma degli alieni dovevano essere cosí imbecilli da schiantarsi sul nostro pianeta dopo aver fatto un viaggio interstellare...?

  • #21

    stefano (domenica, 20 ottobre 2013 10:11)

    tutti pessimisti, non dico che domani arriveremo fisicamente su gliesi 581,però vorrei puntualizzare una cosa,20 anni fa non si conosceva neanche l'esistenza di un pianeta exstrasolare e non era nemmeno concepito un sistema per poterlo fare,e tutti pessimisti che nemmeno mai si potesse vederne uno, sembrava una cosa impossibile,oggi invece si conosce un sistema per scovarli e sono stati scoperti circa 500 pianeti,tanto che oramai non fa nemmeno notizia,siamo passati dall'impossibile alla consuetudine,e l'altro ieri era impossibile,possibile che molti di voi guardino solo in avanti e non riescano a valorizzare il passato se non in fuoco di paglia nella transizione della nuova scoperta.... qualche sistema si troverà io sono fiducioso....

  • #22

    meneo (martedì, 23 settembre 2014 04:38)

    ci vorrebbe tesla...

  • #23

    Robert (domenica, 30 novembre 2014 03:20)

    Convinti della fede che Dio creò i cieli e la terra ma non specifica che altri pianeti potrebbero esserci vita come la terra.Luniverso, e infinito migliaie di galassie.Per noi sa

  • #24

    ricki (domenica, 01 febbraio 2015 14:52)

    molto probabile che ci sia vita ma per saperlo bisogna andarci ma le nostre apparecchiture non sono in grado di andarci......speriamo almeno do farcela con le onde magnetiche oppurre ci andiamo nel anno 2900 apparechiature piu sviluppate

  • #25

    Pu (sabato, 16 maggio 2015 14:01)

    Puzza

  • #26

    Syd (giovedì, 16 luglio 2015 00:55)

    Ci costringiamo a pensare che la vita debba essere possibile solo se si considerano caratteristiche simili a quelle della terra. Acqua, ossigeno, idrogeno ecc... non è detto, potrebbero esserci organismi che respirano cianuro ed espirano metano, oppure qualche elemento a noi sconosciuto. Potrebbero esistere organismi che vivono a temperature al di sotto dei 500 gradi, o che fluttuano a 500 gradi nei pianeti gassosi. La vita sulla terra è una delle infinite condizioni di possibilità di vita. Se un giorno viaggeremo a curvatura non lo so esistono molte teorie. Secondo il celebre Albert è impossibile, per altri è anche superabile...mah...vedremo. Io sono fiducioso fino a 60 anni fa i computer sapevano solo scrivere e disegnare oggi ne abbiamo di diecimila volte più potenti e stanno in una mano e telefonano senza fili... :)

  • #27

    vittolino50 (giovedì, 16 luglio 2015 22:00)

    Ma, scusate se mi intrometto, basta inviare un messaggio , un video , o altro, la velocita' delle onde elettromagnetiche è la stessa della luce per cui 20 anni per raggiungere il pianeta altrettanti per ricevere risposta e in 40 anche 50, se c'è vita intelligente uguale o piu' progredita della nostra il gioco è fatto. Il contatto a distanza è possibile. Molto semplice e poco costoso.

  • #28

    cris (mercoledì, 29 luglio 2015 17:05)

    Vorei andare sulla pianeta a vedere se e vero

  • #29

    Renzo (martedì, 08 settembre 2015 23:30)

    io ci vorrei andare a cacare, per monitorare il tempo impiegato dallo stronzo ad arrivare al suolo.

  • #30

    anonimo (mercoledì, 18 novembre 2015 22:47)

    L'articolo è davvero interessante, complimenti hai ricercatori che sono riusciti nella scoperta!ma poniamoci una domanda,forse potrebbe esserci qualcuno a 200 miliardi di km di distanza dalla terra,ke osserva il nostro pianeta.non siate presuntuosi!

  • #31

    alessio (giovedì, 26 novembre 2015 19:17)

    secondo me l'essere umano , novello prometeo, nel tentativo di arrivare alle stelle ,si scotterà la mano.
    Distruggiamo tutto ciò che incontriamo, credete veramente che altre forme di vita evolute nella galassia ci lascerebbero prendere possesso di altri sistemi planetari?

  • #32

    aka (sabato, 09 gennaio 2016 22:45)

    in base a cosa le cellule si creano da sole...?

  • #33

    pietro (sabato, 09 luglio 2016 12:53)

    ovviamente possono essere supposizioni penso però che se cè acqua ,assolutamente delle forme di vita ci sono senza alcun dubbio. la logica ci dice che se ci siamo noi ci sono anche altre forme di vita non mi allungo di più ciao a tutti

  • #34

    stefano (sabato, 17 settembre 2016 13:06)

    se parliamo di vita intelligente nelle nostra galassia, secondo me, non ci sono molte probabilità. se partiamo dal presupposto che ci vogliono: acqua, atmosfera, campo magnetico, una luna che stabilizza l'orbita, dei pianeti giganti che attirino asteroidi.
    da 100 miliardi di sistemi solari si riducono a una 10