Ufo: la procura apre un'inchiesta...per chiuderla subito dopo

La procura di Milano ha aperto e nel giro di poco tempo ha chiuso un'inchiesta nata dall'esposto del direttore tecnico di una società che scriveva di velivoli bianchi senza insegne che lasciano scie chimiche in grado di provocare disastri ambientali come terremoti, uragani, tsunami. L'esposto ipotizzava in pratica la presenza di ufo. Il procuratore aggiunto Nicola Cerrato aveva acquisito lo studio dell'agenzia per la protezione ambientale in sardegna dove c'era stata una denuncia analoga. La conclusione della relazione è che non c'è certezza di nesso tra le scie lasciate dai velivoli e le alterazioni del clima con disastri ambientali. Di conseguenza l'indagine è stata archiviata perché non ci sono fatti costituenti notizia di reato.

Il denunciante "ufologo" aveva presentato l'esposto sostenendo che "l'attività aerea degli ufo crea scie chimiche capaci di produrre nebulose che provocano danni all'ambiente". Secondo l'esposto, "questa tecnologia ad alta frequenza" può causare "uragani, tsunami e altri disastri ambientali. In sostanza, crimini contro il patrimonio della popolazione mondiale".

La Procura, allora, ha risposto acquisendo dall'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente e per i Servizi Tecnici una relazione dell'Arpas (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente della Sardegna), che aveva già studiato il fenomeno delle "scie chimiche di condensazione da cambustibile". Nella relazione, i tecnici spiegano che "da 60 anni la comunità scientifica studia queste scie chimiche" che, però, possono essere causate dal combustibile degli aerei in movimento. Ci sono anche teorie, si legge nel documento, che parlano di un possibile "condizionamento del clima" causato proprio da queste scie prodotte dal carburante degli aerei. Gli ufo, in altre parole, non c'entrano e l'inchiesta è stata archiviata.

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Lorenzo (lunedì, 20 settembre 2010 17:01)

    Secondo me non la si doveva neanche aprire l'inchiesta: Un conto è verificare la consistenza delle dichiarazioni "dati alla mano" dell'eventuale pericolosità dell'emissione in atmosfera di composti chimici dannosi per l'organismo e/o per l'ambiente, un altro è tirare in ballo gli UFO con un'uscita del genere "l'attività aerea degli ufo crea scie chimiche capaci di produrre nebulose che provocano danni all'ambiente". E' da psichiatara.

  • #2

    mimmo (martedì, 21 settembre 2010 08:14)

    infatti Lorenzo..non sono ufo..MA SONO TANKER CHIMICI!!! sono aerei militari, sia airbus, che 747, etc etc... chiaramente è stata fatta per essere chiusa subito!! è come dire e non dire..tutto quì...non se ne verrà mai a capo!!! che tristezza, poveri noi!!!Penso avranno vita breve sti signori che pilotano gli aerei, credo che un pò di malattie se le becheranno eheheheheh!!

  • #3

    riccardo (martedì, 21 settembre 2010 13:05)

    sulle scie chimiche c'era stata anche un'interrogazione parlamentare mi sembra dell'IDV ma non si è giunti a nessuna conclusione.

  • #4

    massimiliano (martedì, 21 settembre 2010 15:51)

    volevo dirvi che anche in provincia di messina ci sono queste scie in poche parole siamo tutti rovinati...