La Russia lancia un “Programma Ufo” ad alta tecnologia

La Russia ha lanciato un programma per costruire un potente dirigibile polivalente che sarà certamente causa di molti avvistamenti Ufo. Questa volta, però, le parole "Disco volante" non sono affatto inappropriate.
Il primo di questi aerostati è ufficialmente denominato "Veicolo aerostatico termozavorrato": semplicemente "Locomoskyner", da LocomoSky, il suo produttore. Un prototipo del disco volante (presentato nel 2009) era di sette metri di diametro ed è stato in grado di trasportare 20 kg di merci. L'azienda, tuttavia, prevede di produrre aerostati da carico capaci di trasportare fino a 11.000 persone e fino a 600 tonnellate di merci. Sarà in grado di librarsi, eseguire un atterraggio verticale, muoversi in linea retta con velocità di quasi 100 km/h, cambiere rotta e non avrà bisogno di strutture particolari per atterrare.

Il disco volante, avrà un basso consumo di carburante rispetto agli aeromobili ordinari, grazie alla sua forma aerodinamica, e sarà in grado di trasportare carichi oversize in aree remote ed inaccessibili. Il dirigibile Locomoskayner prende il volo con nient'altro che elio, ma avrà anche speciali celle ad aria calda attrezzate che ne regoleranno la navigabilità.

La propulsione è fornita da diversi motori elettrici, e le ali piccole, ai bordi dello scafo a forma di disco, conferiscono al dirigibile una portanza supplementare in volo. La forma insolita, che somiglia in maniera impressionate ad un oggetto volante non identificato, dà anche una maggiore stabilità e capacità di resistere alle correnti di vento, permettendo di librarsi per lunghi periodi al di sopra degli obiettivi a terra.

Secondo le stime del governo regionale, il progetto attirerà più di 90 miliardi di dollari in investimenti, creando circa 800 posti di lavoro e portando circa 4 milioni di dollari al bilancio del fisco.

Il progetto quinquennale ha sede nella città di Ulyanovsk (originariamente chiamata Simbirsk, dove è nato Lenin), 893 km a est di Mosca.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    LORENZO M. (domenica, 12 settembre 2010 08:19)

    Veramente bello!Il problema di queste tecnologie è il costo che solitamente impedisce un uso frequente nell'ambito commerciale civile.Speriamo bene anche se temo che resterà un esclusiva dell'esercito russo o cmomunque non entrerà in utilizzo in ambito quotidiano.

  • #2

    Thomas88 (domenica, 12 settembre 2010 17:05)

    Interessante...Pensate i contadinotti delle steppe russe come reagiranno quando vedranno passare questo mezzo anomalo sopra le loro teste...Penseranno ad un invasione aliena.
    Comunque penso che questo tipo di velivolo entrerà in servizio prima nell'aviazione russa o nell'esercito. Servirà per trasportare materiale tattico, uomini e mezzi.
    Secondo me, prima che venga utilizzato per scopi civili ne passeranno di anni.

  • #3

    Icarus (lunedì, 13 settembre 2010 10:11)

    ahahaha certo che scambiarlo per un ufo è un attimo.
    La Russia sta ricominciando ad investire in tecnologie, è solo un bene.

  • #4

    TheUnidici (mercoledì, 15 settembre 2010 18:33)

    A che serve costruire un aereostato in grado di trasportare 11.000 persone?????? Gli aerei di linea hanno una capacità media di 250/300 persone e spesso viaggiano vuoti, al punto da provocare continui fallimenti per le compagnie!!!!! 11.000 PERSONE SI TRASPORTANO SOLO IN CASO DI GUERRA PER INVASIONI MILITARI O ESODO DI CIVILI!!!!!!!

  • #5

    Thomas88 (giovedì, 16 settembre 2010 17:40)

    Questi velivoli farebbero comodo per le evacuzioni di interne città in poco tempo...