La faccia di Marte non esiste, nuove immagini da Cydonia

Marte ha perso la faccia. Una nuova fotografia resa nota dalla NASA rivela che il famoso viso del pianeta rosso nella zona di Cydonia, catturato nel 1976, che tanto fece parlare il mondo intero sulla vita extraterrestre non è altro che una dolce collina.

Già da tempo l'ente spaziale americano aveva diffuso delle immagini che chiarivano molti dubbi, poi era stata la volta dell'ESA che aveva distribuito delle elaborazioni digitali, per mostrare il gioco di luci e ombre che aveva causato tanto clamore. Adesso però gli indizi diventano prove e annullano tutti i dubbi. A seguire foto e documenti che smontano il caso.

Ecco la  famosa faccia su Marte, come appare nelle nuove immagini. Il tutto in falsi colori per aumentare il contrasto nelle caratteristiche del terreno. Credit: NASA/JPL/Universita dell'Arizona
Ecco la famosa faccia su Marte, come appare nelle nuove immagini. Il tutto in falsi colori per aumentare il contrasto nelle caratteristiche del terreno. Credit: NASA/JPL/Universita dell'Arizona

Ora la Nasa ha diffuso le immagini della stessa area in alta risoluzione, e l’effetto è ben diverso.

 

Se la tecnologia del 1976 aveva regalato l’illusione di un volto, quella del 2010 non lascia spazio all’immaginazione. L’orbiter Viking aveva una risoluzione spaziale molto minore di quella della camera HiRISE, inoltre usava una diversa geometria della luce, queste cose specialmente in bassa risoluzione hanno creato l'alone di mistero, ma la  ”Mars Reconnaissance Orbiter” ha appurato che stiamo parlando di una normale collina alta 300 metri.

 

Cosa ha causato tutto questo? Un curioso fenomeno del nostro cervello chiamato pareidolia: l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili (naturali o artificiali) dalla forma casuale. L'associazione si manifesta in special modo verso le figure e i volti umani, ed è quello che è successo con la faccia di Marte, ricondotta dal cervello umano ad un viso, con lineamenti a noi familiari.


Nel mese di luglio, la Nasa ha messo online anche una mappa dettagliata interattiva della superficie di Marte, creata grazie a 21 mila foto ad alta risoluzione ottenute scattate tra il 2003 e il 2009 dalla sonda ” Mars Odyssey “. La mappa rende chiaramente visibili tutte le zone montuose presenti sul pianeta che hanno una dimensione superiore ai 100 metri. Insomma un mito lascia spazio alla delusione, ma in fondo qualcuno ci credeva ancora? Forse si.

Scrivi commento

Commenti: 36
  • #1

    Danilo (venerdì, 06 agosto 2010 21:28)

    E' sorprendente che quando vogliono loro, riescono a fare foto ad alta risoluzione!!! A questo punto allora perchè non mappano altre parti molto più interessanti del pianeta? Aspetta e spera!!!

  • #2

    Giacomo (venerdì, 06 agosto 2010 21:33)

    Effettivamente si è persa la magia che caratterizzava le prime foto.
    Però non per fare il complottista ma mi sembra tutto molto strano, tutte queste tecnologie rivoluzionarie perchè non vengono applicate a tutto il pianeta o per cercare su altri mondi tracce di vita?!?
    Tanto anche se trovano qualcuno non dicono nulla..figuriamoci se vanno a distruggere gli equilibri mondiali con la scoperta della vita aliena...

  • #3

    Hiver (venerdì, 06 agosto 2010 21:37)

    E non credeteci, se avete i paraocchi X_X
    Sono immagini chiare, poi se la Nasa è controllata dai Grigi per voi è un altro paio di maniche

  • #4

    jafar (venerdì, 06 agosto 2010 21:46)

    Ancora questa moda delle foto in false color.Sono ridicoli.

  • #5

    LORENZO M. (sabato, 07 agosto 2010)

    Scusate,ma secondo me gli unici che sono ridicoli siete voi,come fate a dire certe sciocchezze....escluso hiver fate dei discorsi senza senso:
    1)Danilo,loro hanno mappato molti punti del pianeta,più di quelli che pensi te,ma purtroppo,per colpa di gente come te e di altri creduloni si sono giustamente stufati che appena mettono delle immagini libere sul web subito qulacuno si mette d'impegno per scovarci qualche struttura extraterrestre o un fast food marziano....se fossi in loro non le renderei più disponibili neanche al ppubblico tanto con certi individui che le guardano col paraocchi,cercando per forza di vederci qualcosa di strano,per farvi un esempio sarebbe come se qualcuno si mettesse a spacciare i volti umani che appaiano sulle nuvole scambiandoli per un messaggio alieno,è la stessa cosa soltanto che su marte l'argomento fa più presa perchè è più misterioso e affascinante.Anch'io credo che su marte qualche visitatore in passato ci sia stato e forse ci sono anche oggi forme di vita batterica,però non è comportandosi così che si risolvono i grandi dubbi dell'umanità.
    2)Giacomo,non so se lo sai quanto sia difficile gironzolare per il sistema solare con le tecnologie che abbiamo oggi,comunque se propio insisti gli unici pianeti in cui potrebbe esistere vita o potrebbe essere esistita sono tutti sotto sorveglioanza dalla NASA e dall'ESA come marte e uno dei satelliti di giove,titano,in ogni caso sono d'accoro con te su un punto,se scoprissero vita aliena su altri pianeti di certo non te lo verrebbero a dire a te.Io credo che l'autorità sappiano la verità da molto tempo e penso che oggi poche persone abbiano dei dubbi sull'esistenza della vita fuori dal nostro pianeta e non si può più neanche negare che abbiano visitato il nostro pianeta perchè gli avvistamenti veri sono pur sempre una quantità incredibile di prove inoppugnabili....rimane il fatto che anche se loro non ce lo vogliono dire,io e molti altri sappiamo la verità,anche voi che scrivete queste baggianate sapete la verità,soltanto che volete a tutti i costi che le autorità vi diano ragione,a che scopo?Non riuscite a capire che finchè non atterrerà una nave madre aliena sulla testa di Obama loro continueranno a negare e a insabbiare perchè l'hanno sempre fatto e lo continueranno a fare purtroppo.
    3)Infine mi da fastidio l'arroganza di certi individui che credono di sapere tutto di tutto,sia creduloni che scettici accaniti,un osservatore corretto deve vedere le cose oggettivamente senza schierarsi o sbilanciarsi,per cui mi stanno antipatici allo stesso modo gli imbranati creduloni,ma anche i finti scienziati che si aggrappano con forza a ciò che sanno per paura di aprire le loro menti.
    Ci tengo a precisare che questo commento non ha scopi offensivi ma è solo un tentativo di fare capire a voi e alla gente che ragiona come voi,cosa scrivete sui vari siti o sui commenti dei video su you tube.Così non fate altro che peggiorare la situazione perchè date dei pretesti a coloro che vogliono negare a tutti i costi per etichettarvi come degli incapaci.Spero che abbiate capito.

  • #6

    Manolo Faltapi (sabato, 07 agosto 2010 10:56)

    caro lorenzo l'arrogante sei tu che pensi di saperne tu più degli altri.
    Come mai queste foto sono state divulgate solo ora? te lo dico io per essere state messe in sicurezza. Facile demolire la faccia di marte, la piramide, e altre anomalie. Poi si negano anche gli ufo della missione apollo e altre anomalie lunari e marziane. La nasa ha buon gioco con gente come te.

  • #7

    Nicklespaul (sabato, 07 agosto 2010 12:43)

    scusate la domanda, perchè accanirsi così tra di noi? Porta a qualche miglioramento o novità? è normale che ognuno di noi abbia la propria opinione su ciò che vede in rete. Mi sembra di sentire dei bambini che discutono per decidere chi ha il gioco più bello. Teniamo gli occhi aperti e discutiamo tranquillamente e senza preconcetti su ciò che stà accadendo in giro e che ci viene riportato da fonti ufficiali o meno, solo questo possiamo fare. tanto nessuno sà più di un'altro, siamo tutti sulla stessa barca no? buone vacanze a tutti

  • #8

    LORENZO M. (sabato, 07 agosto 2010 12:49)

    Scusami manolo ma quello che ti sbagli sei tu,io conosco la missione apollo e conosco la trasmissione intercettata da alcuni amatori russi.Secondo te loro vanno li(tra l'altro ancora nessuno umano è andato su marte ma lasciamo perdere questo discorso....) a demolire una collina di 200m perchè c'è qualche individuo che pensa sia una costruzione aliena....roba da matti,guarda,forse ho esagerato un po' prima ma stai tranquillo che sono molto informato a sull'argomento e almeno io prima di parlare penso a ciò che dico perchè è facile schierarsi da una parte o dall'altra come fai tu manolo,ma è difficile osservare le cose come stanno veramente e dire delle cose sensate riflettendo,ti dirò,penso anch'io che su marte ci possano essere rovine aliene o manufatti di origine misteriosa ma sicuramente non sono quelli individuati nei video e nelle foto che girano su internet.Comunque io non penso di saperne più di nessuno caro manolo,io sono sicuro di ciò che ho appreso e quando qualcuno dic qualcosa a mio parere errato cerco di correggere,tutto qui,ognuno a la sua opinione a riguardo e io ho la mia però sai qual'è la differenza,che io se mi accorgo di sbagliare cerco di rimediare e di capire dove ho sbagliato,molte persone invece pur accorgendosi di aver sbagliato continuano a dire ciò che pensano perchè non accettano di avere torto.

  • #9

    LORENZO M. (sabato, 07 agosto 2010 12:52)

    Sono d'accordo con te però mi girano un po' i maroni quando alcuni vogliono imporre la propia idea.Ciò che dico io non è legge,sono solo consigli.

  • #10

    Nicklespaul (sabato, 07 agosto 2010 12:59)

    Io sono per le discussioni oggettive e "civili" anche perchè non è discutendo e accanendosi che si arriva a conclusioni degne di nota. Mi piace questo forum proprio perchè si può parlare liberamente di tutto ciò che altrove verrebbe deriso e/o bannato. Apprezzo i tuoi commenti lorenzo perchè leggendoli si sente che hi una profonda conoscenza dell'argomento detto questo teniamo gli occhi aperti ;)

  • #11

    CACCIA (sabato, 07 agosto 2010 13:37)

    LA FOTO DELLA NASA è R I D I C O L A !!! altro che risoluzione, sospetto addirittura che non si tratti nemmeno della stessa collina, non risulta nemmeno la simmetria del perimetro che per quanto possa essere naturale rimane comunque molto sospetta, e poi far passare le foto del viking come scatti di una macchinetta usa e getta..... sempre più ridicoli... ma vi siete chiesti chi stanno cercando di convincere??? io ho avuto comunque sempre dei dubbi che quello fosse un volto scolpito, non avevo certo bisogno di quella foto artefatta... qualcuno di voi ha mai sentito parlare di Alalu e degli Igigi??? saluti.. ps a quando le nuove foto delle piramidi di cydonia??? ;-)

  • #12

    reginald (sabato, 07 agosto 2010 14:10)

    ecco che adesso ci scanniamo sulla foto della NASA.
    Prima di tutto ci saranno elementi oggettivi per capire se si tratta della stezza zona o no? e poi questa notizia è in realtà solo una conferma di quello che si era scoperto nel 2005 quando l'ESA aveva fatto circorlare foto in 3d della faccia di Cydonia ricavate dalla struttura morfologica del sito marziano in cui si capiva che era un effetto di prospettive.

  • #13

    CACCIA (sabato, 07 agosto 2010 14:10)

    "Sulla grande montagna rocciosa scolpirono con i raggi l'immagine di Alalu,lo ritrassero con un elmetto d'Aquila,il volto scoperto,che l'effige di Alalu guardi per sempre verso Nibiru,dove regnò,verso la Terra il cui oro egli ha scoperto".
    Alalu viene sconfitto ed esiliato su Lahmu(Marte)dove troverà la morte.
    dal libro perduto del dio Enki scritto su tavolette d'argilla da Endubsar
    maestro scriba,figlio della città di Eridu,servitore di Enki,signore della Terra. Bè queste tavolette sono un bel pò più vecchie del Viking circa 5000 anni più vecchie, in pochi sapevano di questa storia, tradotta prima che il viking scattasse la famosa foto, a me è sempre piaciuto metterla in correlazione con il volto di cydonia ...
    poi la nasa arriva con la foto rivelatrice e mi rovina tutto .... o forse no??? azz ma la nasa non era quella che mi aveva detto che sulla luna non c'era l'acqua??? bè si però dopo 40 anni ha detto che invece c'è... :-O ma dai gente è morta senza saperlo hehehehehe LA NASA ..... no comment... anomalie spaziali... no comment... no comment ...

  • #14

    CACCIA (sabato, 07 agosto 2010 14:17)

    REGINALD, secondo te perchè hanno messo in giro questa foto??? a chi interessa questa smentita??? chi cercano di convincere??? cioè chi è interessato a questa cosa??? io e te??? a me non mi coinvinceranno mai, troppa segretezza troppe menzogne troppo cover up da parte della nasa la quale non ha nemmeno mai appoggiato i suoi più famosi astronauti che ora essendo in pensione, parlano e le dicono tutte, vedi Edgar Mitchell solo per citarne uno...

  • #15

    Ticino (sabato, 07 agosto 2010 14:23)

    Quindi caccia per te quel viso del 1976 è autentico... cioè quella collina sarebbe un VISO UMANO ? e come mai ? a quale scopo? così fuori contesto in una vallata cosa centra il viso di un essere umano O.o
    ti prego di illuminarmi

  • #16

    caccia (sabato, 07 agosto 2010 14:38)

    Ticino,,,, l'ho appena fatto!!! il volto di Alalu, e per me caro ticino di autentico non c'è nulla, dubito anche che tu sia vero, heheheh ... ho scritto chiaramente quello che penso, quello che non capisco è il perchè la nasa dovrebbe spender soldi per dimostrare che la foto del viking era illusoria, quando già il giorno dopo aveva rilasciato questa dichiarazione ufficiale: This picture is one of many taken in the northern latitudes of Mars by
    the Viking 1 Orbiter in search of a landing site for Viking 2.

    The picture shows eroded mesa-like landforms. The huge rock formation
    in the center, which resembles a human head, is formed by shadows
    giving the illusion of eyes, nose and mouth. The feature is 1.5
    kilometers (one mile) across, with the sun angle at approximately
    20 degrees. The speckled appearance of the image is due to bit errors,
    emphasized by enlargement of the photo. The picture was taken on July
    25 from a range of 1873 kilometers (1162 miles). Viking 2 will arrive
    in Mars orbit next Saturday (August 7) with a landing scheduled for
    early September.
    per finire ti dico che non mi fido gran che di chi mi dice bugie come la nasa, su tante altre foto sputtanate della luna,, ecc ecc.. mi piacerebbe illuminarti di più.. prova a leggerti Il libro perduto del Dio Enki, Sitchin Zecharia.. se lo trovi ancora in commercio. ;-) saluti.

  • #17

    caccia (sabato, 07 agosto 2010 14:59)

    il tuo messaggio risponde da se ;-) "Ticino
    (sabato, 07 agosto 2010 14:23)


    Quindi caccia per te quel viso del 1976 è autentico... cioè quella collina sarebbe un VISO UMANO ? e come mai ? a quale scopo? così fuori contesto in una vallata cosa centra il viso di un essere umano O.o
    ti prego di illuminarmi" quindi: cosa centra che la nasa stia ancora ad indagare in quella zona dopo 30 anni ??? e ti voglia far vedere una foto di una collina insignificante in una zona insignificante??? a quale scopo??? ti prego illuminami tu... io speravo mi facessero vedere qualcosa di interessante, ma come tu hai ben notato continuano a perdersi in luoghi insignificanti, MA........

  • #18

    caccia (sabato, 07 agosto 2010 15:09)

    per tutti gli interessati sull'argomento "cydonia" http://www.forumargonauti.com/SERATA-MISTERI/cydonia.htm
    leggetlo perchè sia che crediate o no rimane comunque un lavoro ben fatto,e piacevole da leggere. ciao a tutti.

  • #19

    john titor (martedì, 10 agosto 2010 21:35)

    cari ragazzi,ci manca poco.Poi li VEDRETE!

  • #20

    Gianni Viola (martedì, 10 agosto 2010 23:18)

    PARTE PRIMA
    Sono il responsabile della commissione scientifica della FLIP (Free Lance International Press di Roma). Ho letto con piacere le pagine di questo sito e desidero fare un piccolo intervento riguardo l’argomento in oggetto. Ringrazio in anticipo per l’ospitalità e spero di poter essere chiaro e comprensibile:

    1) Si dice che un’immagine di Marte del 1976, dove compare una forma antropomorfa, sarebbe stata ripresa successivamente e l’immagine precedente sarebbe risultata cambiata, a tal punto, da poterne desumere che, sicuramente, non saremmo alla presenza di una struttura artificiale. Non è la prima volta che una tale “tesi” risulti sostenuta (lo fu già nel 1998, poi nel 2001 – da parte della NASA, poi nel 2006-2007 da parte dell’ESA e ora, di nuovo…).
    2) Qual è la base scientifica di una tale affermazione? E di cosa stiamo parlando?
    3) Le foto di cui discutiamo sono “immagini satellitari”, ovvero riprese da sonde (satelliti artificiali) poste in orbita intorno ai corpi celesti da studiare. Nel caso specifico si tratta del pianeta Marte.
    4) Che cos’è, in senso generale, una fotografia?
    5) Lo scopo della fotografia è null’altro che riprodurre al meglio, ciò che esiste realmente. Un’immagine che riproducesse una realtà “inesistente” (=che non è stata ripresa dall’obiettivo), semplicemente non è una fotografia, e in quel caso non potrebbe formare oggetto di analisi di alcun genere.
    6) Quali sono gli elementi principali di cui è composta un’immagine satellitare? Essi sono essenzialmente due (altri elementi presenti, nel nostro caso, non rivestono importanza ai fini della trattazione in oggetto): la lunghezza focale dell’obiettivo – della telecamera utilizzata – e la distanza di ripresa, che è la minima distanza fra la telecamera e la struttura rilevata a terra.
    7) Qual è il fattore principale determinato dal rapporto fra questi due elementi? È la “risoluzione geometrica”, la quale misura il più piccolo particolare (detto pixel) visibile nell’immagine ripresa a terra.
    8) In base al valore della risoluzione geometrica, si dice che una tale immagine è ad “alta”, a “media”, a bassa risoluzione. Quale valore hanno tali definizioni? E la risoluzione geometrica può fornirci in senso correttamente tecnico l’idea della qualità dell’immagine medesima?
    9) Le definizioni di alta o bassa risoluzione hanno valore relativo perché il dato della risoluzione geometrica deve essere necessariamente rapportato (ovvero relativizzato) con la dimensione della struttura rilevata. Non si tratta perciò di un dato assoluto e come tale non può essere assunto (come lo è, invece, nella realtà). Un esempio: per rilevare al meglio una struttura di molti chilometri occorre una risoluzione minore che non per rilevare una struttura di poche centinaia di metri. Va ricordato inoltre che le risoluzioni geometriche sono alte, se hanno valori bassi, e sono basse, se hanno valori alti. Così, 500 metri rappresenta un livello medio-basso, e 50 metri un livello alto, 10 metri altissimo, ecc.
    10) Il “Volto di Cydonia Mensae” raffigurato nella foto della Viking del 1976 (codice 35A72) ha dimensioni di metri 2.000 x 2.500 (e un’altezza dal suolo, di circa 480 metri). Fu rilevato nel 1976 con 47.13 metri di risoluzione.
    11) Per relativizzare il valore della risoluzione geometrica, occorre prendere in considerazione una struttura già conosciuta, ad esempio la Piramide di Cheope (lato della base di 230.3 metri) che ci è familiare, l’abbiamo vista in tutte le salse e non abbiamo dubbi che esista.
    12) Se noi intendessimo rilevare tale struttura, con il livello di risoluzione corrispettivo (corrispettivo perché riferito al differente valore dimensionale) della struttura marziana in oggetto, dovremmo raggiungere i 4.34 metri per pixel ed è chiaro che, in queste condizioni, l’immagine mostrerebbe una scena reale.
    13) Come possiamo affermare ciò? Semplice: la sonda Landsat 1 riprese la zona di Giza con 79 metri di risoluzione e le piramidi non si riusciva a distinguerle. Successivamente la stessa zona fu ripresa dalla Landsat 5 con 28.8 metri di risoluzione e, a quel punto, le piramidi erano distinguibili. Infine, la sonda Ikonos 2, con 1 metro di risoluzione, ha permesso di rilevare la piramide di Cheope in maniera dettagliata.

  • #21

    Gianni Viola (martedì, 10 agosto 2010 23:21)

    PARTE SECONDA
    1) La stesso “percorso logico” è ravvisabile nel caso della “Face on Mars”: la Viking 2 riprese la struttura di Cydonia con 728 metri. Non si riusciva a distinguere nulla. Successivamente le due Viking ripresero in diverse occasioni la zona con 233 metri, poi con 213 e infine con 158. In quest’ultima occasione la “Face on Mars” è già visibile, ma non vi si può distinguere alcun particolare (lo si può solo intravedere). Infine giunse l’immagine del 1976 con 47.13 metri e l’immagine vi compare abbastanza dettagliata. Tutto ciò è normale perché ad ogni aumento di risoluzione deve corrispondere un aumento corrispettivo della qualità dell’immagine, la quale deve presentare tutti gli elementi presenti in precedenza, ridefiniti, ed altri originati dal maggior numero di pixel presenti (grazie alla diminuzione della distanza di ripresa).
    2) Tutto ciò, da una parte vanifica alla base qualsiasi possibile speculazione circa la non obiettività dell’immagine del Volto di Cydonia, dall’altra toglie la necessità di un ulteriore controllo di qualità da operare sulla medesima.
    3) Se tutto ciò non bastasse, della “Face on Mars” si dispone anche di altre immagini utili ai fini di un esame tecnico, e si tratta di riprese con livelli di risoluzione “aumentati”: metri 43.42, da una seconda rilevazione della Viking 1 nel 1976, nonché 37.83 e 18.91 metri, da due rilevazioni operate dalla sonda Mars Odyssey, nel 2004. Ora, tenendo conto delle dimensioni della “Piramide di Cheope”, questi tre livelli di risoluzione, se rapportati al lato della piramide (m. 230,3), comporterebbero delle rilevazioni, rispettivamente di 3.99, 3.48 e 1.74 metri. Come si può facilmente osservare, quest’ultimo dato, poco si discosta dal valore di 1 metro (prodotto dalla più classica delle rilevazioni della piramide di Cheope, restituita dalla sonda Ikonos 2, con 1 metro di risoluzione).
    4) La verifica delle condizioni tecniche in cui tale struttura terrestre è stata in più occasioni rilevata, ci consente un raffronto funzionale con altre strutture (non terrestri) riprese in condizioni corrispettive. In tale contesto, le conclusioni possibili (le uniche scientificamente ammissibili), e in applicazione del principio di analogia (posto che le leggi della fisica, valide sulla Terra, valgono anche nel resto dell’Universo) sono che i valori di 47.13, 43.42, 37.83 e 18.91 metri riferiti al “Volto di Cydonia Mensae”, ci fanno ritenere che questa immagine sia altrettanto obiettiva della “Piramide di Cheope”, ripresa in condizioni corrispettive.
    5) Un’ulteriore conclusione è che tutte le immagini attribuite alla “Face on Mars” e che mostrano strutture senza alcun rapporto con le immagini restituite dalle fotografie della Viking 1 (nel 1976) e della Mars Odyssey (nel 2004), sono necessariamente da considerarsi dei falsi.
    6) Come più sopra accennato, la risoluzione geometrica è determinata dal più piccolo particolare rilevabile all’interno di un’immagine: questo particolare è detto pixel e il suo valore si esprime in metri. Essa nondimeno è il risultato della somma di alcuni fattori, fra cui la distanza di ripresa (la minima distanza fra il sensore e la struttura ripresa), le dimensioni della struttura e la lunghezza focale dell’obiettivo. Quando tali fattori si trovano, fra di loro, in un comprovato rapporto favorevole, si dice che l’immagine è “obiettiva”, nel qual caso ciò che si mostra nella fotografia, è ciò che esiste nella realtà. Ciò vuol dire anche che una tale immagine non deve essere ulteriormente indagata per controllarne la validità e nessuna ripresa successiva potrebbe mai invalidarne il valore, mostrando qualcosa d’altro rispetto all’immagine precedente.

    Resto a disposizione per qualsiasi ulteriore e necessario chiarimento, preciso che non amo le “polemiche” (non le tengo in considerazione), e rispetto le discussioni confinate ad un livello civile e scientificamente rispettabile.

    Gianni Viola


  • #22

    Marzia (mercoledì, 11 agosto 2010 11:45)

    Ciao gianni ho letto il tuo interessantissimo intervento che mi ha chiarito le idee su molti punti. Penso che i media abbiano un ruolo centrale sulla formazione dell'opinione delle gente. Un titolo, un canovaccio, ed ecco che il gioco è fatto. In questo caso penso che il punto in questione sia semplice: quello che vediamo corrisponde a quello che esiste?
    Le foto del 76 mostrano un viso, o mostrano una collina?
    Già all'epica la NASA rivelò l'immagine definendola una "insolita struttura a forma di faccia" e dichiarò di ritenerla frutto di un'illusione ottica. Ma da allora ne abbiamo sentito di ogni colore.
    E' chiaro che un utente medio come me non dispone certo degli strumenti per capire se ci troviamo di fronte a qualcosa di naturale o artificale e si affida agli esperti...i quali però sono più confusi dei comuni mortali.

  • #23

    Lorenzo (mercoledì, 11 agosto 2010 16:17)

    Gianni Viola al punto 5 della Seconda parte è molto chiaro.
    Non credo,però, sia una questione di autenticità o meno, penso sia piuttosto una questone soggettiva, cioè il vedere o meno il volto umano.
    Sulle sembianze del volto si è poi costruita la storia del dio Alalu associandolo con le piramidi di Giza e con lo stesso volto riprodotto sulla sfinge che, a bene guardare, è sproporzionato (più piccolo) rispetto al corpo. Per tale motivo, è facile supporre che il volto fosse un altro rispetto a quello originale ... Da li la fantasia corre.
    La domanda decisamente più interessante è: Avete riscontrato effettivamente delle analogie in termini di angolazioni tra le posizioni della "faccia" di Marte, le strutture attorno e quelle delle tre piramidi, nonchè della sfinge nella piana di Giza ? Se le misurazioni coincidessero, sarebbe una strana coincidenza: Si potrebbe supporre che Marte fosse davvero abitato da coloro che, una volta abbondonati il pianeta per non si sa quale motivo, siano giunti sulla Terra ed abbiano riprodotto li quelle "strutture". Nessuno poteva immaginare cosa ci fosse su Marte a quell'epoca e come fossero disposte le strutture, quindi gli artefici delle piramidi e della sfinge potrebbero effettivamente essere più antichi degli stessi Egizi che si sarebbero trovati tali monumenti "fra i piedi" e che col tempo avrebbero tentato di riprodurre senza riuscirci. Le piramidi a gradoni sono una pessima imitazione, ma sicuramente fattibili per l'epoca.

  • #24

    Lorenzo (mercoledì, 11 agosto 2010 16:21)

    Le stesse piramidi le si trova anche in altre parti del mondo ma ... a gradoni. Si sono trovate altre piramidi come quelle di Giza in altre parti del mondo ? Stessa fattura ?

  • #25

    Mha (mercoledì, 11 agosto 2010 16:54)

    E' lapalissiano che una struttura artificiale in quel modo e in quel contesto è del tutto improbabile che esista.
    Io credo nella vita su altri pianeti, ma Marte è disabitato, e non ci sono certo monomiti marziani di quel tipo.

  • #26

    Lorenzo (mercoledì, 11 agosto 2010 17:33)

    Ok, non chiamiamole strutture, anche se col tempo poterebbero essere state erose (ci sono forti tempeste di sabbia mi pare su Marte). Chiamaiamole pure colline o montagnole se si preferisce, ma la domanda resta invariata. ;-)

  • #27

    Lorenzo (mercoledì, 11 agosto 2010 17:34)

    Tempeste di sabbia nonchè notevoli escursioni termiche ...

  • #28

    LORENZO M. (giovedì, 12 agosto 2010 10:54)

    Ragazzi sono entusiasmato da tutti questi commenti e spiegazioni più o meno scientifiche però a me rimane un dubbio che gianni viola non mi ha chiarito.Per me rimane il fatto che la faccia si vede perchè è soltanto un gioco di ombre....mi spiego....noi umani come c'è scritto nell'articolo tendiamo ad associare immagini casuali a volti umani o comunque a qualcosa di antropomorfo che siamo abituati a vedre.E' lo stesso motivo per cui quando guardiamo il cielo scorgiamo nelle nuvole volti mitologici o fiugre animali,lo stesso avviene quando guardiamo le fronde degli alberi a parecchia distanza,esse ci possono apparire "animate".Il punto del mio discorso è che quel volto si è creato per una SERIE DI GIOCHI DI OMBRE perchè se toglite le ombre come ha fatto un mio amico esperto di elaborazione delle immagini non rimane altro che una collina uguale a tutte le altre.Quando quelli della NASA o dell'ESA hanno scattato un'altra foto sul famigerato volto di cydonia perchè erano lì di passaggio magari il volto nonc'era più,ma non perchè come ha detto qualche sciocco gli americani sono andati li a cancellarlo facendo un impresa incredibile(tra l'altro questo buon tempone non sa che l'uomo non ha ancora messo piede su marte ma nella sua fantasia tutto può succedere :))per motivi che consceva solo lui;o addirittura i marziani l'hanno distrutta sennò si facevano sgamare da noi terrestri....l'unico mmodo sarebbe prendere tutte le persone che credono in quel volto caricarle su una nave madre dei marziani che hanno noleggiato a noi umani e portarli lì sopra cydonia e fargli vedere che il volto non esiste :).Con questo non voglio dire che tutte le eventuali strutture riprese su marte siano dei falsi o che non ci sia stato qualche visitatore su marte,anzi,lo credo fortemente,però semplicemente quel volto tanto acclamato dagli appassionati è niente di più di una collina marziana che non provo nulla senno sul fatto che anche su marte ci sono le colline;).

  • #29

    Daniele (giovedì, 12 agosto 2010 23:50)

    Un complimento a Gianni Viola. Tempo fa ho letto il suo libro "La Civiltà Di Marte" e l'ho trovato veramente interessante.

  • #30

    Mario (mercoledì, 22 dicembre 2010 16:59)

    Per Lorenzo M......Sai quale è la verità, che tu sei un DEFICENTE. Ok il volto di marte è un fake ma vatti a riguardare altre foto dove si vedono costruzioni e dove si notano oggetti in movimento. Quello con il paraocchi sei tu. Vieni qui a fare la ramanzina a tutti elencando i nomi di scrive su questo Blog con la presunzione di avere raggione, se devi venire qui a scrivere le stronzate meglio che ti stai a casa BRUTTO DEFICENTE.

  • #31

    Alberto (giovedì, 01 marzo 2012 16:56)

    io so qualcosina in più del volto di marte. a parte che (@lorenzo m) è vero che la vista umana tende automaticamente a ricostruire le immagini inviate dagl'occhi al cervello, ma questo consente a molti animali di mimetizzarsi senza essere visti ma non scambiati per facce umane! è poi vero che sforzandoci riusciamo a vedere cose che non ci sono nei disegni tracciati dalle nuvole in cielo per esempio... ma non c'entra un piffero con quanto fanno automaticamente i nostri percettori... è peggio credere alla bestialità che hai scritto tu piuttosto che al fatto che quello su marte possa essere realmente un monolito scolpito da una forma di vita intelligente. a parte questo io conosco una bellissima storia citata nel libro "il pianeta degli dei" di zecharia sitchin e presa da una tavoletta sumera in cui viene narrata l'epica di uno scontro militare sul suolo marziano; la cronaca della guerra conclusasi con la sconfitta di uno dei due eserciti vede poi l'esercito sconfitto lasciare sul pianeta teatro dello scontro scolpito il volto del generale deceduto che perennemente fissava l'universo. questa mi sembra descriva il volto marziano e, tanto per non incorrere in certe facili contestazioni del lorenzo m di turno, il fatto che i sumeri avessero avuto contatti con popolazioni aliene è creduto anche da molti addetti ai lavori tanto che nel disco d'oro inviato assieme alla sonda spaziale vojager ed intitolato dagli autori "the sounds of earth" fu annesso anche il saluto in lingua sumera antica.... tutti pazzi questi scienziati della nasa lorenzo?

  • #32

    Giorgio (mercoledì, 05 novembre 2014 22:03)

    Scusate se mi intrometto in una discussione avvenuta oltre quattro anni fa ma non posso fare a meno di ridere sulle vostre "credenze". Piu' che decidere tra voi cosa sia stata fotografata penso sia doveroso fare alcune riflessioni: 1) stiamo parlando di una serie di immagini scattate da oltre 200 km di altezza. Nella migliore delle ipotesi la risoluzione e' di circa 200 metri per pixel. 2) l'immagine del 1976 fu scattata usando una pellicola monocromatica la cui risoluzione era di 200 km per pixel (quindi mille volte piu' bassa della risoluzione odierna). 3) Ma poi, diciamola francamente, se la NASA o l'ESA decidono di pubblicare quello che vogliono penso che ne abbiano tutti i diritti sapendo che hanno speso milioni di dollari per mandare un "probe" su Marte al solo scopo di scattare un paio di migliaia di foto. 4) Alla fine, poi, quelle foto hanno uno scopo ben piu' preciso che non solo scatti ricordo di una visita: e' necessario trovare un sito di atterraggio per le future missioni umane sul pianeta rosso.
    Grazie per il tempo che dedicherete per leggere queste mie riflessioni e scusate se ho disturbato i sogni di qualcuno.

  • #33

    Rolando (domenica, 18 gennaio 2015 15:55)

    Ricordo perfettamente le foto originali e il volto presentava una croce greca sulla fronte che qui non appare. Quindi delle due l'una....o queste sono foto di un'altra struttura o sono le stesse foto dopo una manomissione!

  • #34

    Rolando (domenica, 18 gennaio 2015 16:08)

    ....non parlo di queste pseudo foto ad alta risoluzione dove non c'è traccia alcuna della "narice" e del taglio della "bocca" ma di altre foto che vidi al telegiornale dove la struttura a svinge mostrata presentava una croce greca sulla fronte! Di quelle foto non c'é più traccia. qualcuno di voi sa se su qualche sito web sono ancora dsponibili?

  • #35

    gio (mercoledì, 28 gennaio 2015 14:04)

    io dico solo che è perlomeno sospetto tutta questa fretta di mandare le foto ad alta risoluzione per smontare il caso...

  • #36

    Fernando (martedì, 23 giugno 2015 02:54)

    Anche i leoni consunti dal tempo a guardia delle cattedrali hanno perso la loro faccia. La faccia è l'ultimo dei pensieri. Perchè non hanno mappato così precisamente anche la struttura pentagonale nota come D&M? Perchè non hanno mappato il Tholos? e l'agglomerato chiamato City? Laggiù ci sono strutture crollate e collassate che nitidi fuoriescono dai bordi. Ne vedreste delle belle. Cydonia è e resterà un sasso troppo scomodo per restare nelle scarpe dei potenti. Doveva essere tolto così. Lassù non c'è nulla. Possiamo tornare a dormire sonni tranquilli.