Il comandante della ISS: mai visto un UFO

Il comandante della Stazione Spaziale Internazione (ISS) Alexandre Skvortsov, interviene nel dibattito Ufo di questi giorni, affermando di non aver mai visto nulla che assomigliasse a un Ufo nella sua esperienza nello spazio. "I miei colleghi ed io non abbiamo mai visto ne omini verdi ne dischi volanti" afferma in modo divertito. Questa dichiarazione contraddice quella di moltri altri astronauti che hanno espresso pareri differenti, spesso fortemente critici verso Nasa ed Esa.  Stiamo parlando per esempio, delle dichiarazioni dell'ex astronauta americano Edgar Mitchell (ex Apollo 14), che nel marzo scorso aveva sostenuto che "gli extraterrestri esistono, ma Stati Uniti e Governi di altri paesi tengono nascosta la verità"

 ''Non siamo soli nell'universo'', aveva detto Mitchell nel Marzo scorso, come ricordato in un celebre servizio della Cnn. ''Il nostro destino, secondo la mia opinione, è quello di diventare parte di una comunità planetaria." aveva rincarato la dose.

 

"Dovremmo prepararci ad andare oltre il nostro pianeta e oltre il nostro sistema solare per scoprire che cosa c'è davvero là fuori''. Mitchell e' cresciuto a Roswell, nel New Mexico, luogo dove si sarebbe schiantato un Ufo nel 1947. I residenti della zona, secondo quanto aveva raccontato l'ex astronauta, furono costretti al silenzio ''dalle autorità militari'' che li minacciarono di ''gravi conseguenze'' se avessero parlato. Ma i cittadini, ha aggiunto Mitchell, non volevano portarsi il segreto nella tomba. ''Volevano dirlo a qualcuno di affidabile e lo hanno detto a me, che ero uno della zona ed ero stato sulla Luna''.

 

Insomma tra gli astronauti le posizioni sono diverse, non a caso le aperture sul tema degli uomini americani sono molto più accentuate rispetto a quelle dei loro colleghi russi, che mantengono il silenzio anche a causa di una formazione culturare ereditata dal vecchio regime comunista sovietico, che imponeva il silenzio su tutto quello che di strano poteva essere visto nello spazio. A chi dobbiamo credere?

Scrivi commento

Commenti: 9
  • #1

    LORENZO M. (venerdì, 16 luglio 2010 09:47)

    Il fatto che non li abbia mai visti non vuol dire che non creda nel fenomeno.Molte persone non ne hanno mai visto uno eppure credono giustamente che qualche forma di vita aliena abbia visitato il nostro pianeta e continui farlo.Comunque sono contento che l'argomento diventi sempre più discusso poichè finalmente ha acquisito la credibiltà che gli spettava.

  • #2

    Ettore (venerdì, 16 luglio 2010 10:27)

    Le parole di Mitchell sono perfette anche a livello filosofico. L'uomo deve essere pronto a lasciare questo mondo per colonizzare l'universo, avere un piano B se la terra dovesse sparire. Se pensiamo solo ad oggi rischiamo di fare la fine dei dinosauri. Siamo diversi dalle scimmie? dimostriamolo!

  • #3

    Lorenzo (venerdì, 16 luglio 2010 15:55)

    Nulla di nuovo all'orizzonte.

  • #4

    Cristian (sabato, 17 luglio 2010 16:47)

    Siamo diversi dalle scimmie!!! sicuramente. loro non distruggono il loro abitat, siamo la creatura più stupida del pianeta. Ricordiamoci poi che in certi ambienti se vuoi lavorare devi sposare le teorie del datore di lavoro, il fatto che Skvortsov è comandante dell ISS e Mitchell è un ex-astronauta motiva da se il confronto fra le dichiarazioni. Se esistono questi alieni e attendono che l'uomo sia sufficientemente evoluto, meglio che non sprechino energia e tornino fra 1000000 di anni forse avranno successo.

  • #5

    Alessio (sabato, 17 luglio 2010 18:26)

    Come al solito si cerca sempre di screditare qualcuno che vuole dire la sua verità, tipica reazione di chi vuole che le notizie vere non vengano mai divulgate.
    Tutte quelle brave persone che studiano tanto e vanno in giro per lo spazio, forse non si rendono conto che è grazie ai contribuenti che possono fare questo tipo di esperienza e dato che tutti noi, civili, finanziamo le loro missioni, mi sembra il minimo sapere se nell'universo ci sono altre forme di vita.
    A dir la verità credo più in una forma di vita aliena che ad un lenzuolo, chiamata sacra sindone, dove mai c'è stato uno straccio di prova dell'esistenza di Dio o di Gesù.
    Non ci sono mai state testimonianze certe ne che sia un vero, ne che sia falso, ne di persone che abbiano potuto testimoniare l'autenticità.
    Gli Ufo sono stati avvistati dal migliaia di persone, allora... o tutte queste persone sono mentalmente spostate o qualcuno cela la verità così come fa Alexandre Skvortsov.
    Io non ho mai visto un Ufo in vita mia, ho uno scatto fotografico che inquadra qualcosa di strano nel cielo, ma nonostante tutto CREDO che non siamo soli in questo universo.

  • #6

    yale (sabato, 17 luglio 2010 20:10)

    alessio ti quoto in tutto, la gente si riempe la bocca di parole sull'importanza di Dio, la religione, ecc poi ti prende in giro se parli di Ufo. Invece dovrebbero capire che è molto più facile che esista una civiltà simile a quella umana rispetto al fatto che esista un Dio stile maga magoo.
    L'uomo è limitato, non si interroga sull'universo, le stelle i pianeti, è più comodo andare in chiesa e pregare che guardare il cielo con il telescopio.

  • #7

    Vincenzo (domenica, 18 luglio 2010 11:17)

    Io di un uomo con quelle sopracciglia non mi fido O.o

  • #8

    giorgia (domenica, 18 luglio 2010 19:44)

    ahahaha già sopraciglioni :P

  • #9

    Lorenzo (mercoledì, 28 luglio 2010 22:20)

    @Alessio
    Credere solo in cio che si vede limita la conoscenza, tant'è che basandosi su questo modo di pensare nessuno si sarebbe mai accorto dell' "infinitamente" piccolo che non si vede ma c'è.
    Se non credi alla Sindone, poco importa.
    Hai scritto: "Non ci sono mai state testimonianze certe ne che sia un vero, ne che sia falso, ne di persone che abbiano potuto testimoniare l'autenticità.". Lo stesso dicasi per gli UFO oppure di altre forme di vita aliena. E' matematicamente certo che esistano altre forme di vita, ma dove ? Nel nostro sistema solare ? Forse, ma dobbiamo sondarlo per bene ... In altri sistemi solari ? Forse, ma prima dobbiamo sondare per bene il nostro ...
    Se posto davanti ad un oggetto volante, pur non vedendo gli occupanti, tu pensi che all'interno ci sia un alieno puoi tranquillamente pensarlo, ma allo stesso modo coloro che vedono le sembianze di Cristo in quel lenzuolo la pensano esattamente come te: Cambia solo il soggetto, non la volontà di credere in cio che si vuole.

    @yale
    "L'uomo è limitato, non si interroga sull'universo, le stelle i pianeti, è più comodo andare in chiesa e pregare che guardare il cielo con il telescopio."
    S'interroga eccome e più impara cose nuove, più comprende l'umiltà nell'accettare la presenza di qualcuno che è al di sopra di lui e di tutto il resto e che ha dettato le regole perchè esista tutto cio che conosciamo e che ancora ci aspettiamo di scoprire. Cerca di non limitare la tua mente a scomparti stagni