Le bolle di Luce durante i temporali? Solo allucinazioni

Le bolle di luce avvistate in varie occasioni, compresi i temporali, sono delle vere e proprie allucinazioni.


La sentenza che certamente lascerà alcuni perplessi, arriva dall’Università austriaca di Innsbruck in seguito ad un ricerca che voleva appunto chiarire la natura e gli effetti di questi fenomeni interpretati talvolta con molta fantasia. Spesso infatti le descrizioni finivano con l'ipotesi metafisica o quella ufologica.

Invece niente di tutto questo, almeno a sentire gli scienziati.

 

Intanto le caratteristiche: si tratta di bolle di dimensioni diverse, anche più piccole di un pallone da calcio che danzano nell’aria, vivono pochi secondi o al massimo qualche minuto e poi scompaiono, si dissolvono nel nulla. Ad accenderli possono essere anche i fulmini. Però non esistono: sono delle allucinazioni che vediamo con i nostri occhi ma sono fabbricate dalla mente. La causa nei dettagli è da decifrare ma secondo Joseph Peer e Alexander Kendl autori dello studio queste visioni sarebbero innescate da piccoli campi magnetici fluttuanti creati da un’atmosfera satura di elettricità come, ad esempio, durante o in prossimità dei temporali.

 

La conclusione è emersa da esperimenti condotti in laboratorio dai due scienziati i quali hanno fatto girare intorno alla testa dei pazienti una bobina attraversata da corrente generando dei campi magnetici i quali attivavano i neuroni. Il risultato della Transcranial magnetic stimulation (TMS) come hanno battezzato il test, è che gli occhi del soggetto vedevano fili di luce, bolle luminose, ovali brillanti di ogni genere. L’indagine ha stabilito anche che il soggetto può avere queste allucinazioni quando si trova ad una distanza tra i 20 e i 200 metri dal campo magnetico «il quale – spiega Thomas Kammer, neurologo dell’università tedesca di Ulm che ha partecipato alla ricerca – può provocare effetti neurali molto interessanti coinvolgendo in particolare i neuroni della retina più sensibili di altri ai campi magnetici».

Scrivi commento

Commenti: 0