La polizia scozzese credeva al mostro di Loch Ness

Quella che erroneamente viene chiamata “mostro” di Loch Ness (un lago scozzese), Nessie, in realtà è amata da tutti i bambini del mondo ma soprattutto da quelli scozzesi, grazie ai racconti dei nonni su questo misterioso animale dall’aspetto preistorico.

Alcuni documenti datati 1930 sembrerebbero dimostrare che la polizia scozzese fosse stata davvero convinta che esisteva una sorta di creatura che viveva nel lago di Loch Ness.

Scopriamo cosa c'è di vero.

Erano così sicuri della sua esistenza che nei documenti viene anche discusso quali misure adottare per proteggerla dai cacciatori. Le autorità locali chiesero al Parlamento di Londra di indagare sulla questione e di confermare l’esistenza di Nessie, tutto in nome della scienza. Ma i legislatori risposero con scetticismo e il progetto risultò avere le gambe corte. I documenti rivelano che a tutti sembrò la soluzione migliore di non ucciderla, anzi decisero per l’installazione di telecamere e di pattuglie di guardia ai bordi del lago.

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Gianluca (martedì, 29 gennaio 2013)

    NOn tutti sanno che in realtà il vero "mostro" di Loch Ness si trova in Lombardia, nel lago di Como... anche se non è esattamente un nostro contemporaneo...

    https://www.youtube.com/watch?v=GNEaddFd1Mc